Home » Brianza lecchese » Cernusco Lombardone » Che cosa fare a Cernusco Lombardone: guida per turisti
Che cosa fare a Cernusco Lombardone, Cascina Moscoro

Che cosa fare a Cernusco Lombardone: guida per turisti

Che cosa fare a Cernusco Lombardone? Questo paese della Brianza meratese accoglie molti dei sentieri del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone, rivelandosi la destinazione perfetta per gite nei dintorni di Milano tra boschi e colline. Da vedere il castello, Villa Lurani Cernuschi, Cascina Moscoro e tante altre cascine distribuite sul territorio.

La città

Paese di poco meno di 4mila abitanti della Brianza lecchese, Cernusco Lombardone fa parte del Meratese, ed è bagnato dalle acque dei torrenti Curone e Molgora. Fa parte, inoltre, del Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone.

Di Cernusco Lombardone è originaria Monica Maggioni, ex giornalista del TG1 e presidente della Rai.

Che cosa fare a Cernusco Lombardone: i monumenti da vedere

Se ti stai domandando che cosa vedere a Cernusco Lombardone, potresti iniziare la tua gita in Brianza da Villa Lurani Cernuschi, risalente al XVII secolo, in cui furono ospitati – tra gli altri – Arrigo Boito e Giuseppe Verdi. Situata in via Monza tra il civico 3 e il civico 9, la villa include un grande giardino all’italiana.

Cosa fare a Cernusco Lombardone, Villa Lurani Cernuschi
Villa Lurani Cernuschi a Cernusco Lombardone

Lasciandoti la villa alla tua destra, ti basta percorrere pochi passi lungo via Monza per giungere in piazza San Giovanni. Qui sorge la Chiesa di San Giovanni Battista (edificata alla fine del XVIII secolo), il cui campanile fu progettato da Giacomo Moraglia, lo stesso architetto di Villa Casnati Pedroni a Casnate con Bernate. La chiesa è una delle poche in Brianza ad ospitare un presepe pasquale, oltre a quello natalizio.

All’incrocio tra via Monza e piazza San Giovanni puoi imboccare una piccola discesa che ti permette di sbucare in via Roma: qui, al civico 22, puoi “spiare” all’interno di Villa Rusca, realizzata nel XVIII secolo.

A questo punto lasciati la villa sulla destra e svolta nella prima strada a destra (via Rodolfo e Luigi Rusca), percorrendola fino in fondo: arrivi, così, in via Vittorio Emanuele, dove sorge Villa von Wunster, di proprietà degli eredi dell’ideatore della celebre birra omonima.

Prendendo la prima traversa a destra (via Privata Stazione), puoi andare ad ammirare Villa Springorum, abitata dall’inizio del secolo scorso dall’omonima famiglia di origini prussiane.

Da via Privata Stazione puoi svoltare a destra in viale Europa e poi prendere la seconda strada a destra, via Lecco: è qui che, di fronte al civico 39, ti imbatti in Villa Borgazzi, residenza tardo-settecentesca (l’ingresso è da dietro, in piazza Enrico da Cernusco), che oggi ospita i locali del municipio.

Molto suggestiva si rivela, alle sue spalle, la Chiesetta di Santa Caterina, datata sempre al XVIII secolo: per raggiungerla ti basta percorrere l’affascinante via Santa Caterina, la stradina in ciottolato accanto al municipio.

[Prima di continuare a leggere che cosa vedere a Cernusco Lombardone, dove mangiare e come arrivare, perché non metti un like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza? Così potrai essere sempre aggiornato ogni volta che sarà pubblicato un nuovo post!]

Spostandoti in via Stoppani, di fronte al civico 3 puoi imboccare la stradina sterrata che ti conduce alla Chiesetta dei Santi Dionigi e Lorenzo, che conserva la cripta in cui venivano seppelliti i morti di peste e il sepolcreto della famiglia Cernuschi, gli antichi feudatari della zona.

Da qui già intravedi il Castello di Cernusco, che puoi raggiungere imboccando via Carlo Porta e poi svoltando a sinistra in via Puecher. Il castello fu costruito per la maggior parte nel Trecento; ubicato su un’altura che domina il paese, presenta due torri, anche se una è priva di due lati. Il palazzo vero e proprio comprende un loggiato ed è realizzato in ciottoli e mattoni disposti a spina di pesce.

Cosa fare a Cernusco Lombardone, il castello
Il castello di Cernusco Lombardone

Scendendo lungo via Puecher noterai sulla tua sinistra una strada chiusa: è qui, al civico 7 di via San Dionigi, che sorge la bella Cascina Casate, struttura che oggi accoglie una Comunità riabilitativa ad alta intensità gestita dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco.

Cosa fare a Cernusco Lombardone, Cascina Casate
Cascina Casate a Cernusco Lombardone

Al civico 11 di via San Dionigi, invece, merita di essere vista la Cascina Guzzafame, che oggi ospita un agriturismo (te ne parlo tra poco). Risalente al Seicento, è nota ai residenti del posto come “la Besa”, e fino al primo Dopoguerra accoglieva un allevamento di bachi da seta, ricordato da un enorme gelso bianco collocato all’ingresso.

Continuando lungo via San Dionigi potrai arrivare fino a Cascina Moscoro, uno splendido esempio di architettura rurale con arcate in mattoni e una facciata lunga 85 metri.

Che cosa fare a Cernusco Lombardone, Cascina Moscoro
Cascina Moscoro a Cernusco Lombardone

Che cosa fare a Cernusco Lombardone: gli itinerari naturalistici

Una passeggiata tra i sentieri del Parco del Curone rappresenta la risposta migliore alla domanda “che cosa fare a Cernusco Lombardone?”.

Il sentiero 2, per esempio, parte dalla stazione di Cernusco e arriva a Beolco, località di Olgiate Molgora, passando per il borgo di Montevecchia alta. Puoi accedervi da via Stoppani o da via del Pertevano.

Il sentiero 3, invece, permette di ammirare Cascina Moscoro e il nucleo rurale di Moscoretto partendo dalla stazione di Osnago e arrivando al torrente Curone. Puoi accedervi da via San Dionigi, da località Fontanella o da località Sant’Antonio.

Anche il sentiero 5 parte dalla stazione di Cernusco, ma in questo caso la destinazione è rappresentata da Maresso, frazione di Missaglia: un itinerario lungo 5 chilometri privo di dislivelli troppo impegnativi. Puoi accedervi da via Stoppani o da via San Dionigi.

Sempre dalla stazione di Cernusco parte l’itinerario 7, che porta a Lomaniga (frazione di Missaglia) passando per la Cappelletta di Crippa e il sentiero dei roccoli, vecchi appostamenti concepiti per la cattura degli uccelli. Puoi accedervi da Cascina Nibbio, all’incrocio con via Paravino.

Il sentiero 11, infine, dalla stazione di Cernusco porta a Perego, frazione di La Valletta Brianza, passando per Cascina Valfredda e la Galbusera Bianca. Puoi accedervi da via Paravino.

Dove mangiare a Cernusco Lombardone

Per una cena a base di sushi all you can eat in Brianza potresti andare all’Asahi di via Spluga 111, vicino all’Esselunga, con menù a prezzo fisso tutte le sere a 21 euro.

Nel caso in cui tu sia alla ricerca di una pizzeria a Cernusco Lombardone, Il Capriccio è il posto che fa per te: aperto a pranzo e cena tutti i giorni tranne il giovedì, consente di scegliere tra pizze, calzoni, hot dog, kebab, falafel e piadine. Lo trovi in via Spluga 49.

Sempre in via Spluga 49 c’è un altra location dove mangiare a Cernusco Lombardone, potendo scegliere tra delizie americane, messicane o italiane: è il Gasoline, ristorante texmex e birreria che spesso accoglie eventi di musica dal vivo.

Se cerchi un posto dove mangiare hamburger in Brianza, in via Spluga 54 trovi Roadhouse, aperto tutti i giorni a pranzo e a cena, con il menù all you can eat ribs a 10 euro la domenica.

Uno dei migliori ristoranti di Cernusco Lombardone è la Trattoria Sala La Cava di via Giovanni XXIII 40, il cui punto di forza nel menù è rappresentato dalla cazzuola. Inoltre, la domenica a mezzogiorno, il venerdì sera e il mercoledì sia a pranzo che a cena viene proposto un piatto tipico lombardo.

In via Lecco, all’angolo con via Santa Caterina, trovi un altro dei ristoranti di Cernusco Lombardone da provare: è l’Osteria Punto e a Capo, recensita anche dal Golosario, che suggerisce di provare gli spaghetti con vongole, zenzero e peperoncino e la millefoglie con panna e fragola.

In via Lecco 37 c’è un’apprezzata pizzeria di Cernusco Lombardone: è Casa della Pizza, e permette di usufruire anche del servizio di asporto.

Un ottimo happy hour in Brianza è quello del Bar Papeete, in via Spluga 67, che fa anche da wine bar ed è aperto per pranzo dal lunedì al sabato.

Per sperimentare una birreria in Brianza di qualità, invece, affidati alla Stazione della Birra di via Roma, che mette a disposizione un’ampia possibilità di scelta di rosse ma anche hamburger e pizze da non perdere.

Se ami gli agriturismi in Brianza, I Gelsi è la struttura che fa per te. Situato in via San Dionigi 11, in località Cavigiolo, nella cornice di Cascina Guzzafame, questo agriturismo propone tra l’altro piatti vegetariani, vegani e per celiaci.

A proposito: leggendo il post qui sotto hai l’opportunità di scoprire molti altri agriturismi vicino a Milano.

Come arrivare a Cernusco Lombardone

Come arrivare a Cernusco Lombardone in auto? Provenendo da Milano, non devi far altro che percorrere tutta la A51 (Tangenziale Est), proseguire sulla SP 41 e andare dritto lungo la SP 342 dir, che ti porta a destinazione.

Provenendo da Como, invece, segui il tracciato della SP 342 Briantea fino a Calco, e qui svolta a destra per immetterti sulla SP 342 dir: dopo aver attraversato Merate, ti ritroverai a Cernusco.

Per arrivare a Cernusco Lombardone in treno, puoi sfruttare la stazione cittadina, servita dai treni della linea suburbana S8 di Milano, che collega il paese con Monza, Arcore, Carnate, Osnago, Olgiate Molgora e Airuno.

Per arrivare a Cernusco Lombardone in autobus, ti basta usufruire della linea C47, che passa da Como, Lipomo, Tavernerio, Montorfano, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Monguzzo, Lurago d’Erba, Lambrugo, Nibionno, Bulciago, Cassago Brianza, Cremella, Barzanò, Sirtori, Viganò, Monticello Brianza, Casatenovo, Missaglia, Montevecchia, Osnago e Merate. Il bus D48, invece, collega il paese con Santa Maria Hoè, Olgiate Molgora, Calco, Brivio, Airuno, Merate, Montevecchia, Missaglia, Casatenovo, Monticello Brianza e Besana in Brianza. In alternativa puoi fare riferimento alla linea D47, che passa da Lomagna, Osnago e Merate, o alla D70, che ferma a Montevecchia, Calco, Imbersago, Merate, Robbiate, Paderno d’Adda, Verderio, Ronco Briantino e Carnate. Infine ci sono i pullman D50, che uniscono Cernusco Lombardone con Ronco Briantino, Carnate, Lomagna, Osnago, Merate, Calco, Olgiate Molgora, Brivio, Airuno, Olginate, Garlate, Pescate e Lecco.






Ah, un’ultima cosa! Questo sito è gratuito e continuerà ad esserlo; inoltre, è privo di pubblicità o banner fastidiosi, per garantirti la migliore esperienza possibile. Se vuoi darmi una mano, però, puoi farlo con una donazione cliccando qui sopra. Grazie in ogni caso!

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *