Home » Brianza comasca » Lipomo » Che cosa fare a Lipomo: guida per turisti
Cosa fare a Lipomo, la Chiesa dei Santi Vito e Modesto

Che cosa fare a Lipomo: guida per turisti

Che cosa fare a Lipomo? Se vuoi organizzare una gita a Como, puoi approfittarne per concederti una deviazione da queste parti e scegliere tra una passeggiata lungo i sentieri del Parco Spina Verde, un pranzo in un sushi all you can eat o un tour tra i monumenti più suggestivi. Leggi per saperne di più!

La città

Paese di poco meno di 6mila abitanti della Brianza comasca, Lipomo si trova a breve distanza dal lago di Montorfano.

Di Lipomo è originaria Elena Tambini, giornalista di Mediaset e volto noto di Quarto Grado.

Che cosa fare a Lipomo: i monumenti da vedere

Se vuoi sapere che cosa vedere a Lipomo ti consiglio di iniziare il tuo tour del paese da via Beato Guanella 1, dove sorge la Chiesa dei Santi Vito e Modesto, affiancata da un campanile in stile romanico comasco che ha conservato i caratteri originari duecenteschi. Si pensa che la cappella originaria sia stata costruita ai piedi di una torre che faceva parte di un sistema di segnaletica militare romano: lo si deduce dalla sua posizione, che garantisce una continuità visiva con il Castel Baradello di Como.

Cosa fare a Lipomo, la Chiesa dei Santi Vito e Modesto
La Chiesa dei Santi Vito e Modesto a Lipomo

Scendendo dalla strada della chiesa, all’incrocio tra via Cadorna e via Cantaluppi puoi notare la Cappella sepolcrale della famiglia De Herra, risalente al 1882.

Se ti incammini lungo via Cadorna, al civico 471 trovi la Chiesa dello Spirito Santo: l’edificio, costruito all’inizio degli anni ’90 del secolo scorso, ospita un dipinto di una Sacra Famiglia che alcuni studiosi hanno attribuito a Leonardo da Vinci.

Percorrendo a ritroso via Cadorna e svoltando a sinistra in via Cantaluppi, puoi raggiungere al civico 818 Villa Fulvia, residenza in stile eclettico un tempo nota come Cascina Selva. Il complesso, che oggi ospita una casa di riposo per persone anziane, deve il proprio nome alla contessa Fulvia Sormani, moglie di Alberto De Herra, protagonista del Risorgimento di Milano.

Sempre in via Cantaluppi, ma nei pressi dell’incrocio con via IV Novembre, c’è la Cappellina ai Caduti di guerra, costruita negli anni ’70 dell’Ottocento come cappella della cella mortuaria del cimitero dell’epoca: quando il cimitero nel secolo scorso è stato smantellato, la cappella è stata mantenuta e dedicata ai caduti di guerra all’interno del parco Caduti di Nassiriya.

Che cosa fare a Lipomo: gli itinerari naturalistici

Se vuoi goderti una passeggiata in Brianza nella natura, puoi immergerti nei boschi di Lipomo incamminandoti lungo via Fornace o da via Terlizza.

Da via Cimitero, invece, puoi accedere al sentiero 6 del Parco Regionale Spina Verde, che attraversa il fondo valle creato dal torrente Valbasca. Lungo il percorso ti puoi imbattere nei resti di una polveriera della Seconda Guerra Mondiale, usata nel periodo bellico come deposito delle munizioni.

Se raggiungi la cima del monte Croce, puoi osservare un grande masso denominato Sass sura Lipomm (“sasso sopra Lipomo”), sulla cui superficie sono scolpite cinque coppelle risalenti a circa 3mila anni fa.

[Qui sotto puoi leggere dove mangiare a Lipomo, ma se ti va prima visita la pagina Facebook di Viaggiare in Brianza e metti Mi Piace: te ne sarei grato!]

Dove mangiare a Lipomo

Un ottimo ristorante di Lipomo è Delfino Blu, in via Provinciale per Lecco 739: nel menù trovi polipetti affogati al peperoncino, pizza fritta con burrata e linguine all’astice.

Sei un amante della cucina orientale? In via Oltrecolle 285 c’è Miryoku, uno dei migliori ristoranti giapponesi in Brianza: il locale è sempre aperto sia a pranzo che a cena, tranne il lunedì.

Un altro sushi all you can eat in Brianza che puoi trovare a Lipomo è Zuma Sushi, in via Montorfano 104.

Se cerchi un posto dove mangiare hamburger in Brianza, in via Oltrecolle (angolo via Provinciale per Lecco) trovi Roadhouse, aperto tutti i giorni a pranzo e a cena: puoi scegliere tra greek pita, pretzel bread e potato bun.

Tra le pizzerie di Lipomo ti segnalo Corte Grande, in via Corte Grande 39, che offre anche il servizio d’asporto.

Come arrivare a Lipomo

Come arrivare a Lipomo in auto? Provenendo da Milano devi percorrere l’A8 fino all’uscita per la A9 in direzione Como / Chiasso; quindi prosegui lungo la A9 fino allo svincolo per la A59 (la Tangenziale di Como). Continua lungo la tangenziale: alla prima rotonda vai a sinistra, a quella successiva vai dritto e quindi imbocca via Tentorio. Continuando lungo questa strada, arriverai a Lipomo.

Provenendo da Como, ti basta percorrere la via Provinciale per Lecco (SP 342) fino a quando giungi a destinazione.

A Lipomo non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Lipomo in treno puoi fare riferimento alla stazione di Como Borghi, servita dalla linea ferroviaria Saronno-Como e collegata, tra l’altro, con Luisago, Fino Mornasco e Cadorago.

Per arrivare a Lipomo in autobus puoi sfruttare la linea C40, che passa da Como, Tavernerio, Albese con Cassano, Albavilla, Erba, Pusiano, Cesana Brianza, Bosisio Parini, Suello, Civate, Valmadrera, Malgrate e Lecco. Puoi raggiungere Lipomo anche con i bus C43 se parti da Como o Tavernerio. I pullman C45, invece, collegano il paese con Como, Montorfano, Tavernerio, Orsenigo, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Lurago d’Erba, Inverigo, Arosio, Carugo, Mariano Comense e Cantù. Ancora, è possibile arrivare a Lipomo in autobus con la linea C46, che ferma a Bergamo, Brivio, Imbersago, Merate, Calco, Olgiate Molgora, Santa Maria Hoè, La Valletta Brianza, Sirtori, Barzanò, Viganò, Barzago, Bulciago, Nibionno, Lambrugo, Lurago d’Erba, Anzano del Parco, Alzate Brianza, Montorfano, Tavernerio e Como. I pullman C47, invece, ti permettono di raggiungere il paese da Merate, Cernusco Lombardone, Montevecchia, Missaglia, Monticello Brianza, Casatenovo, Barzanò, Cremella, Cassago Brianza, Bulciago, Nibionno, Lambrugo, Lurago d’Erba, Monguzzo, Anzano del Parco, Alzate Brianza, Montorfano, Tavernerio e Como. Infine c’è la linea C49 che passa da Como, Tavernerio ed Erba.






Ah, un’ultima cosa! Se pensi che questo post ti sia stato utile o comunque apprezzi il mio lavoro, puoi dimostrarmelo con una piccola donazione: per me sarebbe un importante stimolo a continuare a offrirti informazioni e consigli.

Condividi questo post
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *