Cosa fare a Bulciago, la Chiesa di Santo Stefano

Che cosa fare a Bulciago: guida per turisti

Che cosa fare a Bulciago? Un piccolo museo, un santuario molto famoso, una splendida collina che ti regala panorami splendidi (non a caso la chiamano Bella Veduta): sono davvero tante le location che meritano di essere scoperte in questo paese. Nelle righe che seguono, inoltre, capirai come accedere ai vari sentieri del Parco della Valletta.

La città

Paese di poco meno di 3mila abitanti della Brianza lecchese, Bulciago è bagnato dal torrente Bevera, dal rio Gambaione e dalla roggia Lambro di Molinello.

Il paese comprende due frazioni: Campolasco e Bulciaghetto.

Che cosa fare a Bulciago: i monumenti da vedere

Che cosa vedere a Bulciago? Nella tua ricerca di posti belli in Brianza potresti partire dalla frazione di Bulciaghetto: in via Santo Stefano di fronte al civico 16 sorge la Chiesa di Santo Stefano. La sua costruzione può essere datata addirittura all’epoca carolingia, e cioè a cavallo tra la fine dell’VIII secolo e l’inizio del IX secolo. Molto particolari le arcate cieche (tre sulla facciata e sei di lato) ben visibili sulla muratura in pietra mista; all’interno puoi ammirare, invece, una tela ovale, collocata sopra l’altare, che raffigura San Giovanni Evangelista mentre riceve la divina ispirazione del sacro testo.

Lasciandoti la chiesa sulla destra puoi percorrere via Santo Stefano fino a incrociare via Sant’Agostino, e dopo pochi metri girare a destra in via del Lavello: in fondo a questa strada troverai, ben segnalato dai cartelli, il Santuario dei Morti dell’Avello. L’edificio è intitolato alla Madonna del Carmine, festeggiata il 16 luglio di tutti gli anni. In occasione delle epidemie di peste del XVI e XVII secolo, anche a Bulciago (come in ogni altro paese) per seppellire le vittime in una fossa comune si scelse un posto distante dal centro abitato: fu qui che, qualche anno dopo, fu eretta una cappella – il santuario, appunto – a memoria dei defunti. Devi sapere, comunque, che il santuario che vedi oggi è stato realizzato nei primi anni del Novecento al posto della cappella originale, sostituita perché ormai in stato di decadenza.

Spostandoti in via Campolasco, di fronte al civico 35 puoi imbatterti nella Chiesa di San Francesco, di origini seicentesche. Costruita su progetto di Gian Battista Maderna, è a navata unica: all’interno l’arco trionfale è valorizzato da una trave in legno che ospita un crocifisso in legno.

In via Volta, di fronte al civico 24, ecco la Chiesa di San Giovanni Evangelista: eretta tra il 1829 e il 1830 su progetto di Biagio Magistretti, è affiancata da un campanile molto più antico. La volta della navata centrale ospita un affresco che rappresenta San Giovanni Evangelista, realizzato da Luigi Sabatelli; le due navate laterali, invece, sono dedicate all’Addolorata e a Santa Caterina.

Ora lasciati la chiesa sulla sinistra e percorri via Volta: poco dopo troverai, sempre alla tua sinistra, un viale alberato. Si tratta di viale Taverna, che conduce a Villa Taverna Riccardi. Realizzata all’inizio dell’Ottocento, è uno splendido esempio di stile barocchetto, separata da un muro semicircolare a esedra dal contesto urbano: un’altra imperdibile risposta alla domanda “che cosa vedere a Bulciago?”.

Fai ancora pochi passi in via Volta, poi svolta a sinistra in via Parini: questa è la strada che ti conduce fino a via Santi Cosma e Damiano, dove puoi ammirare la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, risalente almeno al XVI secolo. Puoi raggiungerla attraverso una strada sterrata situata accanto all’ingresso del cimitero: vale la pena di notare, sulla parete di fondo dell’abside, l’altare in marmi policromi con il dipinto affrescato che rappresenta i due santi a cui è intitolato l’edificio e la Madonna con bambino.

Proprio accanto alla chiesa, ecco il Piccolo Museo della Tradizione Contadina: al primo piano sono conservati attrezzi e oggetti utilizzati per l’agricoltura, risalenti al periodo a cavallo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Come altri musei in Brianza, anche questo è aperto solo su prenotazione: a tale scopo puoi scrivere a piccolomuseodibulciago@gmail.com o contattare il numero 031 860568.

Che cosa fare a Bulciago, la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano
La Chiesa dei Santi Cosma a Damiano e, al suo fianco, l’edificio che ospita il Piccolo Museo della Tradizione Contadina a Bulciago

Che cosa fare a Bulciago: gli itinerari naturalistici

Il territorio di Bulciago fa parte del Parco della Valletta.

In particolare, il paese è attraversato dal sentiero che collega da nord a sud Barzago con Besana in Brianza. Puoi accedervi da via Cesare Cantù.

Il sentiero che collega Bulciaghetto con Bevera, invece, passa per l’Oratorio di Santo Stefano e il Santuario dei Morti dell’Avello. Puoi accedervi da via Santo Stefano: in fondo alla strada svolterai a sinistra per raggiungere il santuario, dietro il quale il percorso prosegue in direzione della cascina di Monte Gregorio.

In via Belvedere, infine, c’è la Bella Veduta: una collina rialzata creata in passato dai nobili locali per poter godere di una visuale panoramica suggestiva. Al centro della collina c’è il cosiddetto Piantone, una Sophora Japonica con più di un secolo di vita. Puoi raggiungerlo dalla scalinata che parte accanto al civico 36 della strada.

Dove mangiare a Bulciago

Tra le location dove mangiare a Bulciago ti segnalo la Pizzeria Il Nilo, in via Volta 19, che offre anche il servizio d’asporto.

Come arrivare a Bulciago

Come arrivare a Bulciago in auto? Provenendo da Milano ti basta percorrere la SS 36 e prendere l’uscita SS 342 Bergamo / Como. Alla prima rotonda dopo lo svincolo gira a destra per imboccare la SP 342 e vai dritto: quella è la strada che ti condurrà a destinazione.

Provenendo da Como, ti basta seguire la SP 342 in direzione Bergamo.

A Bulciago non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Bulciago in treno puoi fare riferimento alla stazione di Cassago Brianza, servita dalla linea suburbana S7 di Milano e collegata, tra l’altro, con Monza, Villasanta, Arcore, Biassono, Macherio, Triuggio, Carate Brianza, Besana in Brianza, Renate, Costa Masnaga, Molteno, Oggiono, Galbiate, Civate e Valmadrera.

Per arrivare a Bulciago in autobus puoi sfruttare la linea D46, che passa da Como, Lipomo, Tavernerio, Montorfano, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Lurago d’Erba, Lambrugo, Nibionno, Barzago, Sirtori, Barzanò, La Valletta Brianza, Santa Maria Hoè, Olgiate Molgora, Calco, Merate, Imbersago, Brivio e Bergamo. Il paese, inoltre, è collegato con Como, Lipomo, Tavernerio, Montorfano, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Monguzzo, Lurago d’Erba, Lambrugo, Nibionno, Cassago Brianza, Cremella, Barzanò, Monticello Brianza, Casatenovo, Missaglia, Montevecchia, Cernusco Lombardone e Merate dai bus C47.

Condividi questo post
Tweet 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *