Home » Brianza comasca » Mariano Comense » Che cosa fare a Mariano Comense: guida per turisti
Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di Santo Stefano

Che cosa fare a Mariano Comense: guida per turisti

Che cosa fare a Mariano Comense? Quando hai voglia di una gita fuori porta da Milano per bambini, questa potrebbe essere una location adatta, grazie ai diversi sentieri che ti permettono di scoprire i boschi della Brughiera Briantea. Per concludere la giornata, poi, non c’è niente di meglio di una cena giapponese, cinese o brasiliana.

La città

A metà strada tra Como e Milano, Mariano Comense conta quasi 25mila abitanti ed è nota per aver ospitato nei suoi boschi (insieme a quelli confinanti di Lentate sul Seveso) la prima Festa dell’Unità d’Italia, nel settembre del 1945.

A Mariano Comense sono nati l’ex difensore del Milan Luigi Sala e l’attrice Lavinia Longhi. Qui vive anche il cantante, imprenditore e conduttore tv Francesco Facchinetti.

Che cosa fare a Mariano Comense
L’area del mercato a Mariano Comense

Che cosa fare a Mariano Comense: i monumenti da vedere

Per scoprire che cosa vedere a Mariano Comense potresti iniziare dalla Chiesa di Santo Stefano, costruita prima dell’anno Mille: si trova in via Santo Stefano di fronte al civico 55.

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di Santo Stefano
La Chiesa di Santo Stefano a Mariano Comense

Sulla sua destra puoi notare un affresco realizzato dall’artista Anna Catalano che riproduce Mariano Comense come viene immortalata in una foto risalente al 1910: un progetto di recupero della memoria decisamente suggestivo.

Cosa fare a Mariano Comense, l'affresco di via Santo Stefano
L’affresco di via Santo Stefano a Mariano Comense

Alla sinistra della chiesa sorge, invece, il Battistero di San Giovanni Battista, splendido esempio di stile romanico. Databile al XII secolo, si caratterizza per la cupola ottagonale e per i due capitelli che sormontano le colonne ai lati della porta, in marmo paglierino e in calcare bianco.

Cosa fare a Mariano Comense, il Battistero di San Giovanni Battista
Il Battistero di San Giovanni Battista nel centro di Mariano Comense

Lasciandoti la chiesa sulla sinistra, prosegui lungo via Santo Stefano fino a sbucare in piazza Roma: qui, alla tua destra, al civico 59 puoi ammirare l’ex Broletto, costruito nel XIII secolo.

Cosa fare a Mariano Comense, l'ex Broletto
L’ex Broletto nel centro di Mariano Comense

Proprio di fronte all’ex Broletto puoi imboccare via Garibaldi: al civico 34 di questa strada sorge la cosiddetta Ca’ di Passer, un edificio a torre quadrangolare che un tempo era una colombaia da cui venivano asportate le nidiate per scopi alimentari.

Cosa fare a Mariano Comense, la Ca' di Passer
La Ca’ di Passer a Mariano Comense come appare oggi

Accanto alla Ca’ di Passer c’è via Marconi, che ti porta in piazza Console Teodoro Manlio: è qui che puoi vedere il palazzo comunale, ospitato nei locali di Villa Passalacqua Trotti.

Cosa fare a Mariano Comense, Villa Passalacqua Trotti
Villa Passalacqua Trotti a Mariano Comense, oggi sede del municipio

Superata Villa Passalacqua Trotti, puoi girare a sinistra in via Emanuele d’Adda e poi ancora a sinistra in via Montebello per raggiungere il civico 36, dove c’è l’ingresso di Villa Sormani. L’edificio, che fa parte dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, è circondato da un parco di più di 4mila metri quadrati.

Ora prosegui fino alla fine di via Montebello e poi gira a destra in via San Rocco: giunto all’incrocio con via De Gasperi, ti imbatterai nel Santuario della Madonna di San Rocco. Risalente almeno al XVI secolo, in passato venne impiegato come lazzaretto in occasione delle epidemie di colera e peste; accoglie, tra l’altro, l’ossario di due uomini condannati a morte nel settembre del 1778.

Ritornato in via Montebello, percorrila tutta e prosegui lungo via XXIV Maggio, per poi imboccare la prima strada a destra dopo il passaggio a livello (dove c’è largo Alpini): di fronte a te vedrai, in via San Francesco, la Chiesa di San Francesco, fondata da Sant’Antonio da Padova nel 1228.

Lasciandoti la chiesa sulla destra, raggiungi la rotonda e superala, poi tieniti sulla destra immettendoti in via San Carlo e gira a destra in via Cardinale Borromeo. La seconda strada che incrocerai sulla sinistra è via Sant’Ambrogio, dove di fronte al civico 32 sorge la Chiesa del Sacro Cuore: a progettarla su Paolo Mezzanotte, come puoi dedurre notando la sua somiglianza con la Chiesa di Santa Maria Nascente a Meda.

[Sai che Viaggiare in Brianza è anche su Instagram, vero?]

Che cosa vedere a Mariano Comense, infine? Tra le architetture religiose, merita di essere visitata la Chiesa di Sant’Alessandro, costruita nella prima metà del secolo scorso nella frazione di Perticato: si trova in via Sant’Alessandro accanto al civico 35, all’incrocio con via Elia Dell’Orto.

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di Sant'Alessandro a Perticato
La Chiesa di Sant’Alessandro a Perticato

Molto antica è la Chiesetta di San Martino (alla fine di via San Martino), realizzata più di mille anni fa e adiacente alla cascina omonima: peculiare è la scelta dei materiali poveri usati per la costruzione dell’esterno, in sassi e tufo.

Che cosa fare a Mariano Comense: gli itinerari naturalistici

Per le tue gite nei dintorni di Milano, i boschi del Parco della Brughiera Briantea a Mariano Comense sono un’oasi di pace per rilassanti immersioni nella natura.

Il sentiero 1 collega Mariano Comense con Lentate sul Seveso: dopo che ti sarai addentrato nel Boscaccio, avrai la possibilità di scoprire il Lago Azzurro, Cascina Imperatore, la Valle del Seveso e i boschi di Copreno. Puoi accedere al percorso da via Sant’Agostino, poco oltre la Fornace Fusari, esattamente di fronte alle indicazioni del sentiero 7.

Nel post qui sotto, comunque, ti fornisco i suggerimenti di cui hai bisogno per percorrere interamente il sentiero 1 del Parco della Brughiera Briantea.

Il sentiero 3 unisce Mariano Comense e Cabiate: puoi accedere a questo percorso da via Caravaggio, proseguendo verso il depuratore. Dopo che avrai svoltato a sinistra e attraversato il letto del torrente Terrò, giungerai alla Cascina Mordina; nei dintorni sono presenti due laghetti realizzati nel XIX secolo per l’irrigazione.

Cosa fare a Mariano Comense, la Cascina Mordina
Cascina Mordina a Mariano Comense

Sviluppata su tre piani, la cascina presenta un loggiato e un porticato; puoi notare, inoltre, un pozzo, un forno e un rustico annesso all’edificio principale. Continuando lungo il tracciato, poi, arriverai in località Ipporonco a Cabiate.

Cosa fare a Mariano Comense, Cascina Mordina: il rustico e il pozzo
Il rustico e il pozzo di Cascina Mordina

Nel post qui sotto, trovi tutte le indicazioni per affrontare il sentiero 3 del Parco della Brughiera Briantea.

Anche il sentiero 4 passa per Mariano Comense e Cabiate: puoi accedervi da via Belvedere (all’incrocio con via Matteotti). Dopo aver superato Cascina Belvedere, attraversa l’area dei vivai e scendi lungo la scarpata per proseguire nella Valle del Terrò; quindi, raggiungi Cascina Mordina e in corrispondenza dei laghetti svolta a sinistra, proseguendo il percorso verso Cabiate.

Cosa fare a Mariano Comense, Cascina Belvedere
Cascina Belvedere a Mariano Comense

Nel post qui sotto ti illustro tutto il sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, con foto e indicazioni utili per non perderti.

Il sentiero 7, invece, dal nucleo un tempo rurale di Castel Marino ti conduce a Cascina Cottina. Poi, volendo, hai la possibilità di proseguire verso la Zoca dei Pirutit a Meda e il Pian delle Monache. Puoi imboccare il percorso da via Castelmarino.

Qui sotto, se vuoi, trovi nel dettaglio la descrizione completa del sentiero 7 del Parco della Brughiera Briantea.

Il sentiero 12 collega Cascina San Martino con Cascina Amata, frazione di Cantù. Dalla cascina percorri la strada sterrata in discesa al termine della quale devi girare a destra verso un altro percorso sterrato. Proseguendo, risalirai lungo una valletta e dopo aver attraversato un bosco di pini silvestri e querce arriverai alla strada del Radizzone: da qui a Cascina Amata ci sono pochi minuti di cammino.

Infine, il sentiero 14 – che porta da Carugo a Pozzolo, frazione di Brenna – tocca Mariano Comense prima nella zona della settecentesca Cascina Vignazza e poi nella Valle del Laghetto. Cascina Vignazza merita una sosta, non solo perché espone nei loggiati superiori attrezzi contadini di un tempo, ma anche per i mobili d’epoca che arredano le sue stanze. All’esterno puoi osservare la legnaia, il forno, il pozzo e i pollai; per visitarla all’interno, invece, devi aspettare che vengano organizzati dei tour guidati.

[Prima di scoprire dove mangiare a Mariano Comense e come arrivare, se vuoi lascia il tuo like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza: te ne sarei grato!]

Dove mangiare a Mariano Comense

Per mangiare sushi all you can eat a Mariano Comense puoi andare al Ristorante Tomo, in via Milano 17, con menù cena a prezzo fisso a 22 euro e 90 centesimi, esclusi il coperto, le bevande e i dolci.

Se sei un amante della cucina giapponese in Brianza, merita la tua attenzione anche il Nuii di via Giovanni Songia 32: a pranzo il prezzo fisso per l’open sushi è di 16 euro, mentre a cena è di 26. In alternativa, puoi comunque propendere per il menù alla carta.

Un altro sushi all you can eat in Brianza che puoi provare in città è il Miho di via per Arosio 2, aperto tutti i giorni a pranzo e a cena: di sera il costo è di 25 euro e 90 centesimi, incluso il coperto.

Nel novero dei ristoranti giapponesi in Brianza che trovi a Mariano Comense ti segnalo , infine, lo Yume Sushi di via San Francesco 39.

In via San Francesco 29, invece, c’è il ristorante Le Piazze di Zio Fo’, dove puoi venire quando sei in cerca di una pizzeria a Mariano Comense: è aperto a pranzo e a cena tutti i giorni tranne il martedì. Nel menù trovi, tra l’altro, il risotto alla pescatora, gli scialatielli allo scoglio e la cotoletta alla milanese.

Tra le pizzerie di Mariano Comense c’è anche La Pantera Rosa di via Montebello 75, aperta tutti i giorni a pranzo e a cena: tra l’altro, è uno dei locali dove mangiare hamburger in Brianza.

A proposito di hamburger in Brianza puoi provare il Taco Burger di via XX Settembre 60: nel menù trovi anche burritos, tortillas, nachos con chili e formaggio fuso, alette di pollo e molte altre sfiziose specialità.

Un ottimo ristorante di Mariano Comense è Risoamaro, in via P. Masciadri 2, sempre aperto sia a mezzogiorno che di sera: panzerotti con farina di legumi, spaghetti con vongole e bottarga, paella e hamburger sono solo alcune delle tante proposte tra cui puoi scegliere.

Sei un amante della cucina brasiliana in Brianza? Scegli il Churraskinho di via Isonzo 104: picanha, feijoada e batata al forno sono solo alcune delle proposte del menù. Il locale è aperto tutte le sere e, nel fine settimana, anche a pranzo.

Nel novero delle location dove mangiare a Mariano Comense ti segnalo, poi, il 152 A Restaurant di via per Cabiate 152: puoi scegliere, tra l’altro, un menù degustazione da 4 portate da 40 euro o uno da 5 portate da 50 euro. Tra le proposte culinarie spiccano le capesante del Nord America, il petto d’anatra affumicato e le pinse.

In via per Novedrate 130 trovi Al Camp, ristorante di Mariano Comense che ti permette di gustare piatti di pesce, carne cotta sulla pietra lavica o una grande varietà di pizze.

Se ti interessa provare un giro risotto in Brianza, sappi che Il Nuovo Circolo di via Garibaldi 10 lo propone tutti i mercoledì.

Per un ristorante di carne a Mariano Comense, la meta ideale è La Piemontese (chiuso il lunedì), in via San Martino 48. Nel menù alla carta spiccano velette di lingua bollita, coda di bue in terrina e ribs di maialino glassate.

Quando hai voglia di sperimentare i sapori di una trattoria in Brianza, La Vecchia Fornace è la location che fa per te: si trova in via Sant’Agostino 170 ed è sempre aperta tranne il martedì sera.

Come arrivare a Mariano Comense

Come arrivare a Mariano Comense in auto? Provenendo da Milano, devi percorrere la superstrada Milano-Meda (SS 35 dei Giovi, sui cartelli stradali è indicata come Milano-Como) e uscire a Meda. Allo svincolo segui per Meda centro e tieni la destra, anche dopo la rotonda. Quindi svolta a sinistra per rimanere in via Cadorna, vai dritto e gira a destra in via Indipendenza. Subito dopo svolta a sinistra in viale Brianza: percorrilo tutto, supera l’abitato di Cabiate e sarai giunto a Mariano.

Provenendo da Lecco o dalla Valtellina, percorri la SS 36 ed esci a Verano Brianza. Vai sempre dritto lungo la SP 110, oltrepassa Giussano e sarai arrivato a destinazione.

Per arrivare a Mariano Comense in treno, puoi fare riferimento alla stazione cittadina, situata lungo la linea Milano-Canzo-Asso e servita anche dalla linea suburbana S2 di Milano; essa è collegata – tra l’altro – con Varedo, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Seveso, Meda, Cabiate, Carugo, Arosio, Inverigo, Lambrugo, Merone, Erba, Ponte Lambro, Caslino d’Erba e Canzo.

Per arrivare a Mariano Comense in bus, puoi sfruttare la linea C80, che passa da Monza, Lissone, Desio, Seregno, Meda e Cabiate e Cantù. Cantù e Mariano sono unite anche dalla linea C81, che passa per le frazioni di Mirabello e Perticato, e dalla linea C82, che ferma anche a Carimate. Il bus Z221, invece, collega la città con Giussano, Verano Brianza, Carate Brianza, Albiate, Sovico, Macherio, Biassono, Monza e Sesto San Giovanni (in corrispondenza della fermata della linea rossa della metropolitana di Milano). Puoi arrivare a Mariano Comense anche con la linea C45, che passa da Como, Lipomo, Montorfano, Tavernerio, Orsenigo, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Lurago d’Erba, Inverigo, Arosio, Carugo e Cantù.






Ah, un’ultima cosa! Se pensi che Viaggiare in Brianza sia un progetto che merita di essere sostenuto, puoi dimostrarmelo con una piccola donazione: per me sarebbe un importante riconoscimento, e in più mi aiuteresti ad affrontare le spese di gestione del sito.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *