Home » Brianza comasca » Fino Mornasco » Che cosa fare a Fino Mornasco: guida per turisti
Cosa fare a Fino Mornasco, Villa Mambretti

Che cosa fare a Fino Mornasco: guida per turisti

Che cosa vedere a Fino Mornasco? Nella città che vide sposarsi niente meno che Giuseppe Garibaldi puoi decidere di percorrere i sentieri della Valle dei Mulini per una gita a contatto con la natura, tra nuclei rurali storici e le rogge del Seveso. Non dimenticare di visitare, inoltre, Villa Mambretti e il suo meraviglioso parco.

La città

Città di quasi 10mila abitanti della Brianza comasca, Fino Mornasco comprende le località di:

  • Andrate;
  • Briccoletta;
  • Costa;
  • Firenzuola;
  • Mondello;
  • Pazzea;
  • Socco;
  • Valle Mulini.

A Fino Mornasco nacque e fu battezzata Giuseppina Raimondi, seconda moglie di Giuseppe Garibaldi, ripudiata dall’Eroe dei Due Mondi subito dopo le nozze a causa di un presunto tradimento.

[Se vuoi trovare altri consigli per organizzare le tue gite in Brianza, lascia un like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza! Qui sotto, invece, puoi scoprire dove mangiare a Fino Mornasco]

Qui, inoltre, ha trascorso gli anni della propria gioventù Stefano Casiraghi, marito della principessa Carolina di Monaco morto nel 1990 a causa di un incidente avvenuto durante i campionati del mondo offshore a Montecarlo.

Che cosa fare a Fino Mornasco: i monumenti da vedere

Vuoi sapere che cosa vedere a Fino Mornasco? Ti consiglio di iniziare la tua passeggiata in paese nella frazione di Socco, in via Don Angelo Sassi: di fianco al civico 25 puoi osservare la settecentesca Chiesa di Santa Maria Immacolata. Fondata nel ‘500, fu rifatta a metà del XVIII secolo.

Cosa fare a Fino Mornasco, la Chiesa di Santa Maria Immacolata
La Chiesa di Santa Maria Immacolata

Lasciandoti la chiesa sulla destra, incamminati lungo via Sassi; superando la rotonda di piazza Concordia, giungerai all’incrocio tra via Marconi e via I Maggio, dove trovi una statua che raffigura il Sacro Cuore di Gesù.

Cosa fare a Fino Mornasco, la statua del Sacro Cuore di Gesù
La statua del Sacro Cuore di Gesù

Ora imbocca via I Maggio e percorrila fino in fondo: allo stop gira a sinistra in via Garibaldi e vai dritto fino alla prima traversa a sinistra, via Isacco. Entra in questa strada e, all’incrocio con via Innocenzo XI, vedrai sulla tua destra l’ingresso di Villa Raimondi Odescalchi, dimora padronale in stile neoclassico in cui si sposò Garibaldi. Nel XVII secolo fu la residenza di Benedetto Odescalchi, destinato a diventare papa con il nome di Benedetto XI. La facciata neoclassica è frutto del progetto di Simone Cantoni.

L'ingresso di Villa Raimondi Odescalchi a Fino Mornasco
L’ingresso di Villa Raimondi Odescalchi

Il complesso, all’interno di un parco che sfiora i 50mila metri quadri, include una torretta, una ghiacciaia, una cappellina e un tempio dell’amore.

Cosa fare a Fino Mornasco, Villa Raimondi Odescalchi
Villa Raimondi Odescalchi

Ritornato su via Garibaldi, costeggerai il parco e all’incrocio con via Raimondi ti imbatterai in una torre merlata che fa parte del complesso di Villa Raimondi Odescalchi. Puoi riconoscere lo stemma della famiglia Raimondi (un leone rampante in bassorilievo) e lo stemma della famiglia Odescalchi: un’aquila nera a due teste, le chiavi pontificie con il gonfalone papale, una corona con una crocetta in oro e il mantello rosso con corde d’oro e risvolti di ermellino.

Cosa vedere a Fino Mornasco, la torre merlata di Villa Raimondi Odescalchi
La torre merlata di Villa Raimondi Odescalchi

Continua la tua passeggiata in via Garibaldi fino a incrociare sulla tua destra, in piazza Odescalchi, la Chiesa di Santo Stefano, risalente alla prima metà del secolo scorso. Al suo interno puoi ammirare un affresco cinquecentesco che ritrae il santo, realizzato dal pittore Giovanni Andrea De Magistris.

Cosa fare a Fino Mornasco, la Chiesa di Santo Stefano
La Chiesa di Santo Stefano

Ora puoi continuare a passeggiare in via Garibaldi: qui c’è, al civico 78, Villa Mambretti, risalente all’inizio del secolo scorso e progettata da Federico Frigerio, l’architetto del Tempio Voltiano di Como. Costruita in stile eclettico, è caratterizzata sul fronte principale da un portichetto a tre arcate su colonne, mentre la fascia sottogronda è decorata con motivi mitologici. Oggi i suoi locali accolgono il municipio, mentre il giardino esterno è stato adibito a parco pubblico.

Cosa fare a Fino Mornasco, Villa Mambretti
Villa Mambretti

Davanti alla villa puoi notare due statue di gusto neoclassico su piedistalli. Una raffigura la dea della caccia Diana, con le frecce nella faretra; al suo fianco il cane a lei sacro.

Cosa vedere a Fino Mornasco, la statua di Diana nel parco di Villa Mambretti
La statua di Diana

L’altra statua rappresenta una Musa (forse Clio, la Musa della Storia), con in mano una pergamena.

Cosa vedere a Fino Mornasco, la statua di Clio nel parco di Villa Mambretti
La statua della Musa

Pochi metri più in là, sempre all’interno del parco, ecco una macina che è stata utilizzata tra il 1910 e il 1960 per la produzione di olio dai semi di mais, di lino e di colza.

Cosa vedere a Fino Mornasco, la macina nel parco di Villa Mambretti
La macina nel parco di Villa Mambretti

Ora ritorna in piazza Odescalchi e da qui imbocca via Brera: andando sempre dritto, proseguirai lungo via Raimondi, e poi tenendo la destra in via Valle Mulini. D’ora in poi, fai molta attenzione: purtroppo via Valle Mulini è una strada provinciale senza marciapiede né pista ciclabile, quindi procedi con la massima cautela. Arrivato allo stop vai a destra, e poi prendi la prima traversa sulla sinistra: è via Pazzea, dove puoi ammirare Cascina Pazzea. Costruita nel Quattrocento, è un palazzo residenziale di epoca medievale; vista la sua collocazione rurale, in passato la cascina era dotata anche di mulini.

Cosa fare a Fino Mornasco, Cascina Pazzea
Cascina Pazzea

Ritornato su via Valle Mulini, prosegui fino alla rotonda e gira a sinistra; quindi vai dritto e alla rotonda successiva svolta di nuovo a sinistra per imboccare via Liguria. Andando dritto, ti imbatterai sulla tua destra nella struttura bianca della Chiesa di San Bartolomeo di Andrate, in via Andrate Vecchia. Impreziosita da un campanile a 3 campane (3 come le virtù teologali), la chiesa ha una pianta quadrata ed è circondata da un grande arco circolare.

Cosa fare a Fino Mornasco, la Chiesa di San Bartolomeo
La Chiesa di San Bartolomeo

La devozione di Andrate verso San Bartolomeo è dovuta alla presenza nella frazione, da ormai diversi decenni, di una nutrita comunità calabrese proveniente da Giffone, località in provincia di Reggio Calabria il cui patrono è, appunto, San Bartolomeo Apostolo. All’interno della chiesa è presente una reliquia del santo: un frammento osseo in un ostensorio d’argento. La reliquia fu donata alla comunità di Andrate nel 1991 dall’arcivescovo di Benevento, mons. Carlo Minchiatti.

La reliquia di San Bartolomeo nella chiesa di Andrate a Fino Mornasco
La reliquia di San Bartolomeo nella chiesa di Andrate

Accanto, ecco una statua in legno che raffigura San Bartolomeo, realizzata nel 1972 dallo scultore Pio Panizza. Secondo la tradizione, il santo venne ucciso trucemente, scuoiato vivo e decapitato: la statua, come molta iconografia tradizionale, lo ritrae con in mano un coltello mentre mostra la pelle di cui lo hanno privato i suoi assassini, con la sofferenza a deformarne i lineamenti del volto.

Cosa vedere a Fino Mornasco, la statua di San Bartolomeo nella Chiesa di Andrate
La statua in legno di San Bartolomeo

Che cosa fare a Fino Mornasco: gli itinerari naturalistici

Parte del territorio del paese rientra nel Parco delle Groane. Per scoprire che cosa vedere a Fino Mornasco nella natura potresti seguire il corso del Seveso, nella Valle dei Mulini, fino a raggiungere lo specchio d’acqua del Sassetto e la cascata omonima.

Dove mangiare a Fino Mornasco

Sei curioso di capire dove mangiare a Fino Mornasco? Un’ottima scelta è Il Casottino di via Dogana 10 (Valle dei Mulini), chiuso il lunedì tutto il giorno e il martedì a pranzo. Il locale include un parcheggio custodito e un grande parco giochi all’aperto.

Cosa fare a Fino Mornasco, Il Casottino
Il Ristorante Il Casottino

Uno dei migliori ristoranti di Fino Mornasco è Cascina La Costa, con carni alla griglia, menù di mare e pizze: si trova in via Costa 2 e prevede anche menù a prezzo fisso dall’antipasto al dessert.

Volendo pranzare o cenare in una pizzeria a Fino Mornasco, invece, puoi scegliere Real Pizza, in via Garibaldi 176, che presenta un terrazzo esterno e permette di usufruire del servizio di asporto.

Via Garibaldi ospita, al civico 169, anche un’eccellente gastronomia che propone cucina siciliana in Brianza: è la rosticceria Da Maria.

In via Garibaldi 81 c’è un altro locale dove mangiare a Fino Mornasco: si tratta di Grano Salis.

Toyo Sushi, in via Nazario Sauro 1, è la location che fa per te se hai voglia di mangiare sushi a Fino Mornasco: aperto tutti i giorni a cena e dal mercoledì alla domenica anche a pranzo, propone menù fisso serale a 26.90 euro.

Tornando alle pizzerie di Fino Mornasco, a offrire il servizio d’asporto è anche Pizza Inferno, in via Risorgimento 27.

Il Trekking Point di via Vivaldi 7 è una delle location dove mangiare le lumache in Brianza, e propone menù da 30 o 35 euro.

Nel novero dei migliori agriturismi in Brianza merita di essere incluso anche Il Nespolo del Nonno di via Andrate Vecchia, il cui menù include carne di produzione propria e pasta fatta in casa.

Infine, una trattoria in Brianza da non perdere è La Cantina di via Trieste 2, con piatti tipici e cucina casalinga: non di rado vengono organizzate serate a tema con specialità culinarie o karaoke e show musicali.

Come arrivare a Fino Mornasco

Come arrivare a Fino Mornasco in auto? Provenendo da Milano, devi percorrere l’Autostrada A8 e, dopo lo svincolo di Lainate, imboccare l’Autostrada A9; una volta superata l’area di servizio Lario, c’è l’uscita per Fino Mornasco.

Provenendo da Como, ti basta percorrere la SP 35 (per esempio da via Pasquale Paoli) e giungerai a destinazione.

Per arrivare a Fino Mornasco in treno puoi fare riferimento alla stazione cittadina, servita dalla linea Saronno-Como e collegata, tra l’altro, con Rovello Porro, Rovellasca, Lomazzo, Caslino al Piano, Cadorago e Luisago. In alternativa puoi sfruttare anche la stazione di Cucciago, che è più vicina alla Valle dei Mulini e ad Andrate: è servita dalla linea suburbana S11 ed è collegata, tra l’altro, con Cantù, Lentate sul Seveso, Seregno, Desio, Lissone e Monza.

Per arrivare a Fino Mornasco in autobus, puoi affidarti alla linea C60, che ferma Como, Luisago, Vertemate con Minoprio, Cermenate, Lazzate e Misinto. Il bus C85, invece, collega la città con Vertemate con Minoprio, Cucciago e Cantù. Il pullman C62, infine, permette di arrivare a Fino Mornasco partendo (tra l’altro) da Como, Luisago, Cassina Rizzardi, Guanzate o Mozzate.






Gestire e arricchire questo sito è un compito decisamente impegnativo. Se ti piace il modo in cui lo svolgo, puoi sostenermi con una piccola donazione, che mi aiuterà a far fronte alle spese di gestione. Grazie comunque!

Qui sotto, invece, mi presento: così saprai chi è l’autore di Viaggiare in Brianza!

Ovviamente hai sempre l’opportunità di scrivermi per:

  • segnalarmi un errore;
  • propormi una collaborazione;
  • chiedermi di modificare o rimuovere un contenuto;
  • suggerirmi di inserire un link o una citazione.

Proverò a risponderti il prima possibile!

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *