Home » Brianza lecchese » Malgrate » Che cosa fare a Malgrate: guida per turisti

Che cosa fare a Malgrate: guida per turisti

Che cosa fare a Malgrate? Questo paese affacciato sul lago di Como ti regala splendide passeggiate in riva al Lario, con il Resegone sullo sfondo, ma è perfetto anche per gli amanti delle escursioni nei boschi grazie agli scenari del Parco del Monte Barro. Numerosi letterati hanno frequentato questi luoghi: scopri di chi si tratta.

La città

Paese di poco più di 4mila abitanti della Brianza lecchese, Malgrate fa parte della Valle Magrera e si affaccia sul lago di Como. Il suo territorio rientra nel Parco Naturale del Monte Barro, nel Parco Adda Nord e nella Comunità Montana Lario Orientale Valle San Martino.

Di Malgrate è originario l’arcivescovo emerito di Milano Angelo Scola.

Che cosa fare a Malgrate: i monumenti da vedere

Per iniziare a scoprire che cosa vedere a Malgrate potresti partire da via Parini 29: qui trovi la Filanda Bovara Reina, sorta in seguito alla trasformazione di una residenza settecentesca. Tre importanti ristrutturazioni tra il terzo decennio dell’Ottocento e la prima metà del Novecento ne hanno parzialmente modificato l’aspetto, senza comprometterne lo stile neoclassico.

Camminando in via Parini lasciandoti il lago alla tua sinistra, subito dopo il lavatoio troverai al civico 21 un dipinto sul muro che raffigura la Madonna, realizzato da Giuseppe Mozzanica.

Proseguendo, al civico 5 di via Parini ecco Palazzetto Reina, edificio dei primi decenni del XVIII secolo appartenuto a Francesco Reina, editore e biografo del Parini. Qui ebbero l’occasione di soggiornare anche Ugo Foscolo, Vincenzo Monti e Vittorio Alfieri.

Continua a passeggiare in via Parini e gira nella prima strada a destra, via Agudio 2: all’angolo destro noterai un altro affresco che rappresenta la Vergine.

Pochi metri più in là, il palazzo di via Agudio 6 è una delle location cinematografiche in Brianza che gli appassionati dei film di Adriano Celentano potranno riconoscere: si tratta, infatti, della casa del personaggio che il Molleggiato interpreta nel film Segni particolari: bellissimo.

Cosa fare a Malgrate, il film Segni particolari: bellissimo
A sinistra, il palazzo di via Agudio 6 a Malgrate come è oggi; a destra, le scene del film Segni particolari: bellissimo girate in questo scorcio di Malgrate

Da qui puoi girare a destra in via Reina, la stradina dove al civico 22 puoi osservare un dipinto sul muro realizzato da Paolo Dell’Oro.

Tornando indietro, puoi imboccare la stradina di fronte, via Sant’Antonio: al civico 14 noterai Casa Maggi, costruita tra il Quattrocento e il Cinquecento. Oggi purtroppo è in uno stato piuttosto degradato.

In fondo a via Sant’Antonio ecco la Chiesa di Sant’Antonio Abate, che pur essendo caratterizzata da decorazioni barocche risale alla prima metà del XV secolo. Tuttavia la sola testimonianza che permane oggi delle sue origini quattrocentesche è un frammento di affresco dietro la pala d’altare.

Ritornato in via Agudio, al civico 10 merita la tua attenzione Palazzo Agudio, che ospita il municipio: sulla sua facciata una lapide ricorda che qui ebbe modo di soggiornare Giuseppe Parini.

In via Agudio 15, invece, c’è Casa Agudio, con un camino scolpito in molera nel muro del portico.

Proseguendo la tua passeggiata in via Agudio, in corrispondenza dell’incrocio con la Salita Sant’Antonino ti imbatterai nella Cappella della Crocetta, collocata ai piedi della salita che conduce alla chiesa parrocchiale: si ritiene sia nata nel Cinquecento come mausoleo di Accorsino da Lodi.

Ora puoi girare a destra in via Scatti: è la strada in salita che ti conduce alla Chiesa di San Leonardo di Noblac (accanto al civico 2), costruita attorno al 1550 e poi restaurata all’inizio dell’Ottocento su progetto di Giuseppe Bovara. L’edificio ospita, tra l’altro, due quadri di Cherubino Cornienti e le statue che ritraggono Santa Monica e Sant’Agostino realizzate dallo scultore Giacomo Mattarelli.

Alla sinistra della Chiesa di San Leonardo di Noblac c’è l’Oratorio di San Giuseppe, eretto dai confratelli della Cintura nei primi anni del XVIII secolo. Al suo interno, puoi osservare una pala che rappresenta San Giuseppe e Maria intenti a dare il cingolo sacro ad Agostino.

[Prima di continuare a leggere che cosa vedere a Malgrate, dove mangiare e come arrivare, puoi fare un salto sulla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza e lasciare il tuo like!]

A questo punto potresti tornare indietro lungo via Scatti e percorrere a ritroso via Agudio, in modo da ritornare sul lungolago. Girando a destra imbocchi piazza Garibaldi: arrivando al civico 32 incontri Palazzo Consonni. Si pensa che Parini abbia scritto gran parte del Mattino proprio qui. Sempre qui, inoltre, sarebbe nato l’idillio amoroso tra la poetessa Francesca Manzoni e il librettista Luigi Giusti, ospiti di Giuseppe Candido Agudio, che in questa residenza era solito accogliere i soci dell’Accademia dei Trasformati.

Da piazza Garibaldi imbocchi via Volta, dove al civico 6 sorge Casa Agudio, adiacente a Palazzo Consonni.

Continua la tua passeggiata sul lungolago, e da via Volta passerai in viale Italia: al civico 16 incontrerai la Cappella dei Morti della Peste, costruita nel 1796 con l’immagine delle anime del Purgatorio e oggi incastonata nel muro di cinta della strada. Si pensa che sia stata notata da Alessandro Manzoni (che a Malgrate era spesso ospite degli Agudio) e menzionata nei Promessi Sposi.

A proposito di Manzoni: hai presente quando all’inizio del romanzo parla di un ponte che segna “il punto in cui il lago cessa, e l’Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago”? Ebbene, si trovava proprio a Malgrate. Oggi il ponte che vedeva l’autore dei Promessi Sposi non c’è più, sostituito dal Ponte Kennedy, un manufatto a tre campate in cemento armato inaugurato nel 1955 e lungo circa un centinaio di metri. A progettarlo fu Arturo Danusso, autore tra l’altro di Villa Vercelli a La Valletta Brianza e della Torre Galfa a Milano. Per raggiungerlo ti basta proseguire la passeggiata in viale Italia sul lungolago.

Superata la rotonda del Ponte Kennedy, imbocchi via Roma: al civico 8 c’è Palazzo Recalcati; oltre che ai Recalcati, è appartenuto alle famiglie dei Bonanomi e dei Testori. Al suo fianco, la Chiesa di San Carlo rappresenta un esempio di architettura del tardo Seicento ben conservato.

Che cosa vedere a Malgrate, ancora? In via Gaggio di fronte al civico 19, ti resta da ammirare la particolarissima Chiesa di San Grato.

Che cosa fare a Malgrate: gli itinerari naturalistici

Il lungolago di Malgrate è la meta ideale per chi desidera sperimentare una gita sul lago in Lombardia. Di fronte a Palazzo Recalcati c’è il porticciolo: secondo la leggenda si sarebbe imbarcato qui perfino Giulio Cesare, intenzionato a raggiungere la riviera opposta per trovare possedimenti da regalare ai propri veterani.

Se preferisci un’escursione nei boschi, puoi optare per il pianoro di Pian Sciresa, all’interno del Parco del Monte Barro: qui è presente, tra l’altro, un campo attrezzato per gare di orienteering. Puoi accedervi direttamente da via Pian Sciresa.

Il pianoro è attraversato dal sentiero 301, dal sentiero 304, dal sentiero 306 e dal sentiero 313.

Dove mangiare a Malgrate

Uno dei posti migliori dove mangiare a Malgrate è il Ristorante Da Giovannino, in viale Italia 4, con vista sul lago.

In viale Italia 2 trovi Grotta Renzo Lucia, pizzeria di Malgrate con menù a base di pesce che ti permette di pranzare o cenare con il Resegone sullo sfondo.

Tra le pizzerie di Malgrate ti segnalo San Gennaro, in via Volta 16, dove puoi gustare anche scialatielli ai frutti di mare, fritto misto e grigliate di pesce.

Al civico 18 di via Volta La Botte, la destinazione che fa per te se ti chiedi dove fare apericena in Brianza: il buffet dell’happy hour è particolarmente ricco.

Sempre in via Volta, al civico 36, puoi sperimentare un’altra location dove fare aperitivo in Brianza, il Fuoribordo.

In piazza Garibaldi 8 trovi un altro dei ristoranti di Malgrate più noti: si tratta dell’Osteria Era Ora, aperta a cena dal lunedì al giovedì. Qui puoi gustare, tra l’altro, petto d’anatra, ravioli d’oca, missoltini con polenta, lavarello in carpione o alborelle fritte.

In piazza Garibaldi 24 si affaccia il Covo Nord Ovest, ottima location dove mangiare a Malgrate. Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena, questo ristopub con pizzeria propone bruschette, stuzzichini, toast, piadini, panini e insalatone, ma anche piatti caldi e freddi.

Se sei un amante del sushi all you can eat in Brianza, in via Provinciale 39 c’è il ristorante Koi, con ayce a prezzo fisso di sera a 23.50 euro (bevande escluse, 13.50 euro per i bambini sotto i 10 anni).

Il Tavernacolo, invece, è tra le enoteche in Brianza più apprezzate, dove puoi gustare vini sfusi e in bottiglia accompagnandoli con bruschette, taglieri, piadine o panini. Si trova al civico 34 di via Gaggio.

Come arrivare a Malgrate

Come arrivare a Malgrate in auto? Provenendo da Milano devi percorrere la SS 36 fino allo svincolo di Lecco / Bellagio / Oggiono / Civate. Uscito dalla superstrada, andando sempre dritto arriverai a destinazione.

Provenendo da Como, devi seguire la SP 342 fino a Nibionno e qui immetterti nella SS 36, da percorrere fino allo svincolo di Lecco / Bellagio / Oggiono / Civate.

A Malgrate non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Malgrate in treno puoi fare riferimento alla stazione di Valmadrera, servita dalla linea Como-Lecco e dalla linea suburbana S7 di Milano: è collegata, tra l’altro, con Civate, Galbiate, Oggiono, Molteno, Costa Masnaga, Cassago Brianza, Renate, Besana in Brianza, Carate Brianza, Triuggio, Macherio, Biassono, Arcore, Villasanta, Monza, Rogeno, Merone, Anzano del Parco, Brenna e Cantù.

Per arrivare a Malgrate in autobus puoi sfruttare la linea D41, che passa per Lecco, Valmadrera, Civate, Suello, Cesana Brianza, Bosisio Parini, Pusiano, Erba, Albavilla, Albese con Cassano, Tavernerio, Lipomo e Como. Puoi raggiungere il paese anche con la linea Lecco-Bellagio.






E ora, un’ultima cosa! Se credi che questo post ti sia servito o comunque apprezzi il mio lavoro, puoi farmelo sapere con una piccola donazione: sarebbe fondamentale, per me, per continuare a cercare informazioni e consigli da darti.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.