Home » Brianza comasca » Mariano Comense » Che cosa fare a Mariano Comense: guida per turisti
Cosa fare a Mariano Comense, la Cappella Besana

Che cosa fare a Mariano Comense: guida per turisti

Che cosa fare a Mariano Comense? Quando hai voglia di una gita fuori porta da Milano per bambini, questa potrebbe essere una location adatta, grazie ai diversi sentieri che ti permettono di scoprire i boschi della Brughiera Briantea. Per concludere la giornata, poi, non c’è niente di meglio di una cena giapponese, cinese o brasiliana.

La città

A metà strada tra Como e Milano, Mariano Comense conta quasi 25mila abitanti ed è nota per aver ospitato nei suoi boschi (insieme a quelli confinanti di Lentate sul Seveso) la prima Festa dell’Unità d’Italia, nel settembre del 1945.

A Mariano Comense sono nati l’ex difensore del Milan Luigi Sala e l’attrice Lavinia Longhi. Qui vive anche il cantante, imprenditore e conduttore tv Francesco Facchinetti.

Che cosa fare a Mariano Comense: i monumenti da vedere

Per scoprire che cosa vedere a Mariano Comense potresti iniziare la tua passeggiata in città da via Lombardia: di fronte al civico 6 c’è l’ingresso del Parco dei Vivai, dove merita di essere osservato – sulle pareti dell’edificio dei bagni pubblici – uno dei più suggestivi murales in Brianza, creato per l’iniziativa Mariano in Arte. L’opera, realizzata da Lorenzo Croci, si compone di quattro immagini legate al corpo umano, accompagnate dalle scritte To love, To smile, To Look e To live. Un cuore palpitante è stato dipinto sulla facciata che ospita un defibrillatore; una ragazza sorridente, invece, è stata raffigurata sulla facciata rivolta verso la vicina scuola, in modo che possa essere vista in qualunque momento dagli studenti.

Cosa vedere a Mariano Comense, i murales di Lorenzo Croci
I murales di Lorenzo Croci

Uscito dal parco da via Lombardia, gira a destra e alla rotonda vai a destra in via per Cabiate; prosegui dritto in via dei Cipressi fino alla rotonda successiva, dove svolterai in via Sant’Agostino. Raggiungi il civico 24 ed entra nello spiazzo verde che trovi accanto; dopo pochi metri guarda alla tua sinistra: potrai ammirare la Cappella Besana.

Cosa vedere a Mariano Comense, la Cappella Besana
La Cappella Besana

Si tratta della cappella mortuaria della famiglia patrizia dei Besana: la sua costruzione fu voluta dai fratelli Eugenio e Giovanni Besana negli anni ’70 del XIX secolo. Oggi è visibile solo da fuori, parzialmente nascosta dalle piante: riesci a notarla anche dalla strada, senza che tu debba per forza addentrarti nel prato.

La Cappella Besana a Mariano Comense
La Cappella Besana parzialmente nascosta dalla vegetazione

L’edificio sorge in località Ronco del Monte, e all’epoca fu costruito in questo punto perché si trovava a più di 500 metri dal centro abitato e a più di 300 metri da qualunque altra abitazione, secondo le norme igieniche e di polizia mortuaria dell’epoca. L’articolo 15 del Regolamento di Polizia Mortuaria, infatti, stabiliva che le cappelle gentilizie non facenti parte del cimitero dovessero trovarsi in aperta campagna.

Cosa fare a Mariano Comense, la Cappella Besana
La scalinata davanti alla cappella

Ritornato alla rotonda di via Sant’Agostino, gira a sinistra in via Cardinal Ferrari, poi vai a destra in via Porta Spinola e quindi svolta a sinistra in via Santo Stefano. Qui, di fronte al civico 55 puoi scoprire la Chiesa di Santo Stefano Protomartire: il santo è raffigurato nel mosaico sulla facciata, dove si notano anche le statue della Speranza, della Fede e dello stesso Santo Stefano.

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di Santo Stefano
La Chiesa di Santo Stefano

Alla sinistra della chiesa sorge, invece, il Battistero di San Giovanni Battista, splendido esempio di stile romanico. Databile al XII secolo, si caratterizza per la cupola ottagonale e per i due capitelli che sormontano le colonne ai lati della porta, in marmo paglierino e in calcare bianco.

Cosa vedere a Mariano Comense, il Battistero della Chiesa di Santo Stefano
Il Battistero della Chiesa di Santo Stefano

Ti piacerebbe conoscere più da vicino la Chiesa di Santo Stefano e il Battistero di San Giovanni Battista? Puoi leggere il post qui sotto, che te ne parla in maniera più approfondita.

A destra della chiesa noterai un affresco realizzato dall’artista Anna Catalano che riproduce Mariano Comense come viene immortalata in una foto risalente al 1910: un progetto di recupero della memoria decisamente suggestivo.

L'affresco di Mariano Comense in via Santo Stefano
L’affresco di Anna Catalano

Lasciandoti la chiesa sulla sinistra, prosegui lungo via Santo Stefano fino a sbucare in piazza Roma; gira a sinistra e vai dritto fino al primo incrocio, oltre il quale – in via Matteotti 3 – potrai ammirare il Palazzo Storico delle Esposizioni. Costruito nel 1920, a partire dal 1931 diventò la sede di una Esposizione Permanente di Mobili.

Cosa vedere a Mariano Comense, il Palazzo Storico delle Esposizioni
Il Palazzo Storico delle Esposizioni

Imbocca proprio via Matteotti, e poi imbocca la quinta traversa sulla sinistra, via Dante Alighieri; vai dritto fino all’incrocio con via Lazzaretto, dove troverai – appunto l’edificio del Lazzaretto. Se vuoi visitarne l’interno (e ti consiglio di non perdere questa occasione) puoi farne richiesta ai residenti del civico 24 (proprio accanto al Lazzaretto), che custodiscono la chiave e che, compatibilmente con i propri impegni, ti accompagneranno nella visita.

Cosa fare a Mariano Comense, il Lazzaretto
Il Lazzaretto

All’interno troverai affreschi realizzati negli anni ’50 del secolo scorso da Rinaldo Donzelli, artista marianese noto per essere stato, tra l’altro, l’ideatore della bicicletta Graziella. I dipinti raffigurano San Carlo Borromeo e la peste degli anni 1566 e 1567.

San Carlo Borromeo e il Lazzaretto di Mariano Comense
San Carlo Borromeo e la peste degli anni 1566 e 1567

L’epidemia è ricordata anche dai teschi conservati sotto l’altare, accanto alla raffigurazione degli strumenti della Passione.

Gli strumenti della Passione nel Lazzaretto di Mariano Comense
I teschi e, in mezzo, la raffigurazione degli strumenti della Passione. Si riconoscono, da sinistra verso destra: il gallo che cantò per il rinnegamento di San Pietro, la lancia del centurione con la scala, il sudario con il volto di Cristo, la corona di spine, il martello e la tenaglia, la colonna della flagellazione e i dadi utilizzati dai soldati per tirare a sorte la tunica

Ora puoi ritornare in piazza Roma: alla tua destra, al civico 59 trovi l’ex Broletto, risalente addirittura al XIII secolo. Chiamato Palatium Communis, in epoca medievale era l’edificio in cui i consoli marianesi convocavano il Consiglio dei Capifamiglia.

Mariano Comense, l'ex Broletto
L’ex Broletto di Mariano Comense

Da qui vai sempre dritto fino a che non ti ritroverai in piazza Martiri della Libertà, dove merita di essere osservato il Monumento ai Caduti, ideato dallo scultore Ernesto Bazzaro. La statua rappresenta l’esercito vincitore reduce dalla guerra. Un soldato tiene nella mano destra una bandiera italiana con al posto della lancia una statua che raffigura la Vittoria Alata; nella mano sinistra, invece, ha un ramoscello di ulivo, simbolo di pace. Seduta su una roccia, una donna vedova allatta un bambino: è il simbolo della generazione futura che potrà godere di una patria civile grazie all’eroismo dei caduti.

Il Monumento ai Caduti di Mariano Comense
Il Monumento ai Caduti di Ernesto Bazzaro

Ora torna indietro e gira nella prima strada a destra, via Emanuele d’Adda: arrivato all’incrocio con piazza Console Teodoro Manlio, vedrai il palazzo comunale, ospitato nei locali di Villa Passalacqua Trotti.

Il palazzo municipale di Mariano Comense
Villa Passalacqua Trotti a Mariano Comense, oggi sede del municipio

Il suo giardino accoglie la scultura Il passo dell’Alpino, opera dell’artista comasco Abele Vadacca.

Il Passo dell'Alpino di Abele Vadacca
Il Passo dell’Alpino di Abele Vadacca

Realizzata in marmo, è formato da un arco che rappresenta una porta ed è attraversato dalla piuma, simbolo degli alpini; sulla base sono impresse le impronte di due scarponi di un alpino, come se stesse per varcare la porta e guardare le montagne. Nella parte posteriore ci sono, invece, impronte di mani, di adulti e bambini.

Il monumento Passo dell'Alpino a Mariano Comense
La parte posteriore del monumento

Accanto, un’altra opera d’arte: la scultura Segmento ibrido di Ercole (Lino) Cappellini, realizzata in gasbeton.

Segmento ibrido di Ercole Lino Cappellini
Segmento ibrido di Ercole Lino Cappellini

Prosegui la tua passeggiata in via Emanuele d’Adda e gira a sinistra in via Montebello: tra il civico 42 e il civico 36 potrai osservare l’elegante Villa Sormani. L’edificio, che fa parte dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, è circondato da un parco di più di 4mila metri quadrati.

Cosa fare a Mariano Comense, Villa Sormani
L’esterno di Villa Sormani

Ora prosegui fino alla fine di via Montebello e poi gira a destra in via San Rocco: giunto all’incrocio con via De Gasperi, ti imbatterai nel Santuario della Madonna di San Rocco. Risalente almeno al XVI secolo, in passato venne impiegato come lazzaretto in occasione delle epidemie di colera e peste.

Cosa fare a Mariano Comense, il Santuario della Madonna di San Rocco
Il Santuario della Madonna di San Rocco

La mezza lunetta del pronao è stata decorata dal pittore comasco Mario Bogani, con la raffigurazione della Madonna con Bambino tra San Rocco e San Luigi.

La lunetta del pronao del Santuario di San Rocco a Mariano Comense
La mezza lunetta del pronao

All’interno del santuario sono ospitate statue che raffigurano:

  • San Rocco;
  • San Michele Arcangelo;
  • San Domenico Savio.
La statua di San Rocco nel Santuario di San Rocco a Mariano Comense
La statua di San Rocco: il santo è rappresentato con accanto un cane che tiene un pezzo di pane in bocca. Secondo la tradizione, infatti, quando Rocco era malato di peste e isolato, fu assistito da un cane che ogni giorno gli portava un tozzo di pane per sfamarlo
La statua di San Michele Arcangelo nel Santuario di San Rocco a Mariano Comense
La statua di San Michele Arcangelo; come da iconografia tradizionale, l’arcangelo è raffigurato, con le ali sulla schiena e la spada in mano, nell’atto di schiacciare Satana
La statua di San Domenico Savio nel Santuario di San Rocco a Mariano Comense
La statua di San Domenico Savio. Domenico fu allievo di San Giovanni Bosco, aiutandolo nei soccorsi ai malati di colera; devoto all’Immacolata Concezione, morì all’età di 14 anni di tubercolosi

A colpire più di tutto la tua attenzione, però, sarà il gigantesco affresco realizzato all’inizio degli anni ’90 dal pittore Alberto Bogani (cugino del Mario Bogani di cui ti ho parlato prima): un vero e proprio omaggio alla città di Mariano Comense. I volti raffigurati, infatti, non sono frutto di immaginazione, ma quelli di marianesi realmente esistiti: puoi riconoscere, tra l’altro, don Giuseppe Tagliabue, che era prevosto al tempo in cui il dipinto venne completato. Nell’opera si notano anche la Chiesa di Santo Stefano e il suo battistero.

L'affresco di Alberto Bogani nella Chiesa di San Rocco a Mariano Comense
L’affresco di Alberto Bogani. Di origine comasca, Bogani si formò alla Scuola d’Arte degli Artigianelli Pavoniani di Monza e poi al Beato Angelico di Milano; nella prima metà degli anni ’60 realizzò gli affreschi di molte chiese in Brasile

La cappelletta che si affaccia su via San Rocco conserva i teschi di Carlo Pontiggia dettro il Vetraio e Antonio Brunati detto il Forino, due delinquenti di Albese condannati a morte nel settembre del 1778 dopo essere stati processati davanti al Senato di Milano, colpevoli di aver compiuto numerosi furti e aggressioni a mano armata nel Comasco. I due furono trascinati da un cavallo verso il luogo del patibolo e poi appesi alle forche.

La cappelletta con i teschi della Chiesa di San Rocco di Mariano Comense
La cappelletta che accoglie i teschi. Sulla facciata si legge:
Iustitia huius saeculi nos a mundo abstulit
Pietas vestra nobis caelos aperiat
(La giustizia di questo secolo ci tolse dal mondo
La vostra pietà ci apra i cieli)

Prosegui la tua passeggiata in via San Rocco e allo stop vai dritto, oltre la rotonda a fagiolo, in via Como. Continua fino all’incrocio con via per Arosio (prestando attenzione perché nell’ultimo tratto non ci sono marciapiedi): qui puoi vedere, sotto il ponte del Lottolo, un’altra opera di street art in Brianza. Si tratta di un murale realizzato da Gregorio Mancino, fondatore della Movimentart: sono rappresentati due leoni che tengono tra le zampe un cuore con un ricciolo finale, “firma” tipica dell’artista lombardo.

I murales di Mariano Comense di Gregorio Mancino
Il murale di Gregorio Mancino

Ritornato in via Montebello, percorrila tutta a ritroso e prosegui lungo via XXIV Maggio, per poi imboccare la prima strada a destra dopo il passaggio a livello (dove c’è largo Alpini): di fronte a te vedrai, in via San Francesco, la Chiesa di San Francesco, fondata da Sant’Antonio da Padova nel 1228.

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di San Francesco
La Chiesa di San Francesco

Lasciandoti la chiesa sulla destra, raggiungi la rotonda e superala, poi tieniti sulla destra immettendoti in via San Carlo e gira a destra in via Cardinale Borromeo. La seconda strada che incrocerai sulla sinistra è via Sant’Ambrogio, dove di fronte al civico 32 sorge la Chiesa del Sacro Cuore: a progettarla su Paolo Mezzanotte, come puoi dedurre notando la sua somiglianza con la Chiesa di Santa Maria Nascente a Meda.

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa del Sacro Cuore
La Chiesa del Sacro Cuore

Superata la chiesa, gira a destra in via Papa Giovanni XXIII e alla rotonda successiva vai a sinistra in via Isonzo; andando dritto, imbocchi via Padre Masciadri, e a questo punto devi attraversare la strada alla tua destra per poi prendere la seconda strada a destra (quella dove c’è il cartello che segna l’inizio della frazione di Perticato). Ti ritrovi così in via Sant’Alessandro, dove accanto al civico 35, all’incrocio con via Elia Dell’Orto, potrai osservare la Chiesa di Sant’Alessandro, costruita nel 1900 (il campanile, invece, risale alla seconda metà degli anni ’20).

Cosa fare a Mariano Comense, la Chiesa di Sant'Alessandro a Perticato
La Chiesa di Sant’Alessandro a Perticato

Curiosità: la chiesa fu elevata a parrocchia nel 1926, e per poter costruire il beneficio parrocchiale tutta la popolazione del posto si autotassò. Era prevista addirittura la tassa sul vino: di ciascun bicchiere di vino che si pagava in osteria, una piccola parte del denaro veniva versata alle offerte per la parrocchia.

La chiesa di Perticato a Mariano Comense
Un’altra prospettiva della chiesa di Perticato

L’edificio è dedicato a Sant’Alessandro di Bergamo in onore del senatore Alessandro Besana, defunto marito della benefattrice Emilia Prinetti, colei che aveva donato il terreno su cui la chiesa fu eretta. Sulla facciata, le lunette sopra le tre porte di ingresso accolgono formelle in bronzo realizzate nel 2004 dalla Scuola d’Arte di Cabiate: quella al centro raffigura Emmaus, mentre quelle ai lati sono intitolate La maternità e La luce.

Emmaus nella chiesa di Perticato
Emmaus
La maternità nella chiesa di Perticato
La maternità
La luce nella chiesa di Perticato
La luce

All’interno puoi ammirare le decorazioni del pittore medese Primo Busnelli. Le tele della Via Crucis, invece, sono opera dell’artista locale Luigi Terruzzi, risalenti ai primi anni ’90.

La Via Crucis di Luigi Terruzzi nella chiesa di Perticato
Una delle tele della Via Crucis della chiesa di Perticato: la V Stazione, Gesù è aiutato dal Cireneo a portare la croce. L’autore Luigi Terruzzi, ex lucidatore di mobili in pensione, si dedicava alla pittura per hobby. Per l’occasione realizzò ben quattro serie di Via Crucis diverse: fu il parroco dell’epoca, don Carlo Parma, a scegliere quella che puoi vedere ancora adesso in chiesa, sia per la disposizione verticale delle tele sia per il loro stile classico (le altre Via Crucis dipinte dal Terruzzi, invece, erano più “moderne”)

Lo stesso Terruzzi è autore anche dell’olio su tela che rappresenta il Cristo crocifisso appeso sulla controfacciata, sopra il portale di ingresso.

Il Cristo crocifisso di Luigi Terruzzi nella chiesa di Perticato
Il Cristo crocifisso di Luigi Terruzzi

Il dipinto di Gesù battezzato da Giovanni Battista, infine, è opera di Marcello Mariani.

Il Battesimo di Gesù nella chiesa di Perticato
Gesù battezzato da Giovanni Battista

Che cosa fare a Mariano Comense: gli itinerari naturalistici

Se vuoi sapere che cosa vedere a Mariano Comense in mezzo alla natura, i boschi del Parco della Brughiera Briantea sono un’oasi di pace per rilassanti immersioni nella natura.

Il sentiero 1 collega Mariano Comense con Lentate sul Seveso: dopo che ti sarai addentrato nel Boscaccio, avrai la possibilità di scoprire il Lago Azzurro, Cascina Imperatore, la Valle del Seveso e i boschi di Copreno. Puoi accedere al percorso da via Sant’Agostino, poco oltre la Fornace Fusari, esattamente di fronte alle indicazioni del sentiero 7.

Nel post qui sotto, comunque, ti fornisco i suggerimenti di cui hai bisogno per percorrere interamente il sentiero 1 del Parco della Brughiera Briantea.

Il sentiero 3 unisce Mariano Comense e Cabiate: puoi accedere a questo percorso da via Caravaggio, proseguendo verso il depuratore. Dopo che avrai svoltato a sinistra e attraversato il letto del torrente Terrò, giungerai alla Cascina Mordina; nei dintorni sono presenti due laghetti realizzati nel XIX secolo per l’irrigazione.

Cosa fare a Mariano Comense, la Cascina Mordina
Cascina Mordina a Mariano Comense

Sviluppata su tre piani, la cascina presenta un loggiato e un porticato; puoi notare, inoltre, un pozzo, un forno e un rustico annesso all’edificio principale. Continuando lungo il tracciato, poi, arriverai in località Ipporonco a Cabiate.

Cosa fare a Mariano Comense, Cascina Mordina: il rustico e il pozzo
Il rustico e il pozzo di Cascina Mordina

Nel post qui sotto, trovi tutte le indicazioni per affrontare il sentiero 3 del Parco della Brughiera Briantea.

Anche il sentiero 4 passa per Mariano Comense e Cabiate: puoi accedervi da via Belvedere (all’incrocio con via Matteotti). Dopo aver superato Cascina Belvedere, attraversa l’area dei vivai e scendi lungo la scarpata per proseguire nella Valle del Terrò; quindi, raggiungi Cascina Mordina e in corrispondenza dei laghetti svolta a sinistra, proseguendo il percorso verso Cabiate.

Cosa fare a Mariano Comense, Cascina Belvedere
Cascina Belvedere a Mariano Comense

Nel post qui sotto ti illustro tutto il sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, con foto e indicazioni utili per non perderti.

Il sentiero 7, invece, dal nucleo un tempo rurale di Castel Marino ti conduce a Cascina Cottina. Poi, volendo, hai la possibilità di proseguire verso la Zoca dei Pirutit a Meda e il Pian delle Monache. Puoi imboccare il percorso da via Castelmarino.

Qui sotto, se vuoi, trovi nel dettaglio la descrizione completa del sentiero 7 del Parco della Brughiera Briantea.

Il sentiero 12 collega Cascina San Martino con Cascina Amata, frazione di Cantù. Dalla cascina percorri la strada sterrata in discesa al termine della quale devi girare a destra verso un altro percorso sterrato. Proseguendo, risalirai lungo una valletta e dopo aver attraversato un bosco di pini silvestri e querce arriverai alla strada del Radizzone: da qui a Cascina Amata ci sono pochi minuti di cammino. Puoi imboccare il sentiero alla fine di via San Martino, dove sorge la Chiesetta di San Martino, realizzata più di mille anni fa e adiacente alla cascina omonima: peculiare è la scelta dei materiali poveri usati per la costruzione dell’esterno, in sassi e tufo.

Infine, il sentiero 14 – che porta da Carugo a Pozzolo, frazione di Brenna – tocca Mariano Comense prima nella zona della settecentesca Cascina Vignazza e poi nella Valle del Laghetto. Cascina Vignazza merita una sosta, non solo perché espone nei loggiati superiori attrezzi contadini di un tempo, ma anche per i mobili d’epoca che arredano le sue stanze. All’esterno puoi osservare la legnaia, il forno, il pozzo e i pollai; per visitarla all’interno, invece, devi aspettare che vengano organizzati dei tour guidati. Puoi imboccare il sentiero proprio da Cascina Vignazza, a sua volta raggiungibile da Cascina San Martino.

[Prima di scoprire dove mangiare a Mariano Comense e come arrivare, se vuoi lascia il tuo like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza: te ne sarei grato!]

Dove mangiare a Mariano Comense

Per mangiare sushi all you can eat a Mariano Comense puoi andare al Ristorante Tomo, in via Milano 17, con menù cena a prezzo fisso a 22 euro e 90 centesimi, esclusi il coperto, le bevande e i dolci.

Se sei un amante della cucina giapponese in Brianza, merita la tua attenzione anche il Nuii di via Giovanni Songia 32: a pranzo il prezzo fisso per l’open sushi è di 16 euro, mentre a cena è di 26. In alternativa, puoi comunque propendere per il menù alla carta.

Un altro sushi all you can eat in Brianza che puoi provare in città è il Miho di via per Arosio 2, aperto tutti i giorni a pranzo e a cena: di sera il costo è di 25 euro e 90 centesimi, incluso il coperto.

Dove mangiare a Mariano Comense, Miho Restaurant
Miho Restaurant

Fra gli all you can eat a Mariano Comense, poi, c’è Moya, in via Como 82. Il prezzo è di 14 euro a pranzo (18 euro nei festivi e nel weekend) e di 25 euro a cena, esclusi coperto, dessert e bevande. Da provare le polpette di polpo fritte e l’anatra curry bao.

Dove mangiare a Mariano Comense, il ristorante Moya
Il ristorante Moya

Nel novero dei ristoranti giapponesi in Brianza che trovi a Mariano Comense ti segnalo, infine, il Kaen Sushi di via San Francesco 37: con la formula ayce, il prezzo è di 11.90 euro a pranzo e di 21.90 euro a cena, esclusi dessert e bevande.

Dove mangiare a Mariano Comense, Kaen Sushi
Kaen Sushi

In via San Francesco 29, invece, c’è il ristorante Le Piazze di Zio Fo’, dove puoi venire quando sei in cerca di una pizzeria a Mariano Comense: è aperto a pranzo e a cena tutti i giorni tranne il martedì. Nel menù trovi, tra l’altro, il risotto alla pescatora, gli scialatielli allo scoglio e la cotoletta alla milanese.

Dove mangiare a Mariano Comense, Le Piazze di Zio Fò
Le Piazze di Zio Fò

Tra le pizzerie di Mariano Comense c’è anche La Pantera Rosa di via Montebello 75, aperta tutti i giorni a pranzo e a cena: tra l’altro, è uno dei locali dove mangiare hamburger in Brianza. Non solo: qui trovi anche pizze, arancini, focacce e panzerotti con la Nutella.

Dove mangiare a Mariano Comense, la Pantera Rosa
La Pantera Rosa

A proposito di hamburger in Brianza puoi provare il Taco Burger di via XX Settembre 60: nel menù trovi anche burritos, tortillas, nachos con chili e formaggio fuso, alette di pollo e molte altre sfiziose specialità.

Dove mangiare a Mariano Comense, Taco Burger
Taco Burger

Un ottimo ristorante di Mariano Comense è Risoamaro, in via P. Masciadri 2, sempre aperto sia a mezzogiorno che di sera: panzerotti con farina di legumi, spaghetti con vongole e bottarga, paella e hamburger sono solo alcune delle tante proposte tra cui puoi scegliere.

Dove mangiare a Mariano Comense, Risoamaro
Il ristorante Risoamaro

Sei un amante della cucina brasiliana in Brianza? Scegli il Churraskinho di via Isonzo 104: picanha, feijoada e batata al forno sono solo alcune delle proposte del menù. Il locale è aperto tutte le sere e, nel fine settimana, anche a pranzo.

In via per Novedrate 130 trovi Al Camp, ristorante di Mariano Comense che ti permette di gustare piatti di pesce, carne cotta sulla pietra lavica o una grande varietà di pizze.

Il Nuovo Circolo ti propone, fra l’altro, parmigiana di melanzane, hamburger, pizze, focaccione e wrap, ciò tortillas di grano ripiene. Si trova in via Garibaldi 10 (ma c’è un ingresso anche in via Emanuele D’Adda 13) ed è aperto a cena dal martedì alla domenica e a pranzo la domenica e dal martedì al venerdì.

Dove mangiare a Mariano Comense, Il Nuovo Circolo
Il Nuovo Circolo

Per un ristorante di carne a Mariano Comense, la meta ideale è La Piemontese (chiuso il lunedì), in via San Martino 48. Nel menù alla carta spiccano velette di lingua bollita, coda di bue in terrina e ribs di maialino glassate.

Quando hai voglia di sperimentare i sapori di una trattoria in Brianza, La Vecchia Fornace è la location che fa per te: si trova in via Sant’Agostino 170 ed è sempre aperta tranne il martedì sera.

In via Como 76, infine, l’Osteria del Km Zero è un locale dove mangiare a Mariano Comense i piatti della tradizione lombarda. Segnati questo nome anche se sei in cerca di posti che organizzino una cena con delitto in Brianza!

Dove mangiare a Mariano Comense, l'Osteria del Km Zero
L’Osteria del Km Zero

Come arrivare a Mariano Comense

Come arrivare a Mariano Comense in auto? Provenendo da Milano, devi percorrere la superstrada Milano-Meda (SS 35 dei Giovi, sui cartelli stradali è indicata come Milano-Como) e uscire a Meda. Allo svincolo segui per Meda centro e tieni la destra, anche dopo la rotonda. Quindi svolta a sinistra per rimanere in via Cadorna, vai dritto e gira a destra in via Indipendenza. Subito dopo svolta a sinistra in viale Brianza: percorrilo tutto, supera l’abitato di Cabiate e sarai giunto a Mariano.

Provenendo da Lecco o dalla Valtellina, percorri la SS 36 ed esci a Verano Brianza. Vai sempre dritto lungo la SP 110, oltrepassa Giussano e sarai arrivato a destinazione.

Per arrivare a Mariano Comense in treno, puoi fare riferimento alla stazione cittadina, situata lungo la linea Milano-Canzo-Asso e servita anche dalla linea suburbana S2 di Milano; essa è collegata – tra l’altro – con Varedo, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Seveso, Meda, Cabiate, Carugo, Arosio, Inverigo, Lambrugo, Merone, Erba, Ponte Lambro, Caslino d’Erba e Canzo.

Per arrivare a Mariano Comense in bus, puoi sfruttare la linea C80, che passa da Monza, Lissone, Desio, Seregno, Meda e Cabiate e Cantù. Cantù e Mariano sono unite anche dalla linea C81, che passa per le frazioni di Mirabello e Perticato, e dalla linea C82, che ferma anche a Carimate. Il bus Z221, invece, collega la città con Giussano, Verano Brianza, Carate Brianza, Albiate, Sovico, Macherio, Biassono, Monza e Sesto San Giovanni (in corrispondenza della fermata della linea rossa della metropolitana di Milano). Puoi arrivare a Mariano Comense anche con la linea C45, che passa da Como, Lipomo, Montorfano, Tavernerio, Orsenigo, Alzate Brianza, Anzano del Parco, Lurago d’Erba, Inverigo, Arosio, Carugo e Cantù.






Ah, un’ultima cosa! Se pensi che Viaggiare in Brianza sia un progetto che merita di essere sostenuto, puoi dimostrarmelo con una piccola donazione: per me sarebbe un importante riconoscimento, e in più mi aiuteresti ad affrontare le spese di gestione del sito.

Cliccando qui sotto, invece, puoi contattarmi per propormi una collaborazione, darmi un suggerimento o chiedermi informazioni.

Se hai trovato informazioni sbagliate in questo post o ritieni che manchi la citazione di una fonte, segnalamelo: rimedierò subito!

A proposito: ci tengo a segnalarti che per la stesura di questo post mi sono servito anche delle informazioni contenute nei volumi Storia di Mariano Comense negli ultimi tre secoli di Gianfranco Lucca e Vecchia Mariano di Gianfranco Lucca, Dino Mauri, Giuseppe Secchi ed Egidio Novati. Ti consiglio di leggerli se ti interessa conoscere la storia del paese 🙂

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *