Home » Brianza comasca » Parco della Brughiera Briantea: il sentiero 4 da Cabiate a Mariano Comense
Cabiate, il Ponte della Marca

Parco della Brughiera Briantea: il sentiero 4 da Cabiate a Mariano Comense

Hai voglia di una passeggiata avventurosa nella natura? Il sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea da Cabiate a Mariano Comense ti propone ponticelli sospesi, torrenti da attraversare e boschi nascosti in cui entrare. Nelle prossime righe ti mostrerò il percorso nel dettaglio, segnalandoti i punti più belli e dandoti le indicazioni necessarie per percorrerlo.

L’accesso al sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea

L’accesso al sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea a Cabiate è da via Nicolini: se arrivi in auto, hai a disposizione numerosi parcheggi in via Monte Grappa, che è la strada parallela. All’ingresso del percorso trovi le indicazioni per i laghetti della Mordina e Cascina Belvedere.

Parco della Brughiera Briantea, l'ingresso del sentiero 4
L’ingresso del sentiero

Incamminandoti lungo il sentiero ciottolato costeggi il torrente Valletta, alla tua sinistra.

Sentiero 4 a Cabiate nel Parco della Brughiera
Il tratto iniziale del sentiero che costeggia il torrente Valletta

Sempre volgendo lo sguardo a sinistra puoi notare due macine di un antico mulino.

Sentiero 4: macine di mulino a Cabiate
Le vecchie macine sul letto della Valletta

Alla tua destra, invece, il vecchio muro di cinta del parco di Villa Padulli.

Sentiero 4: il muro di cinta di Villa Padulli
Oltre il muro a destra, c’è il parco di Villa Padulli

Poco dopo incroci altre vecchie macine e un tavolo con panchine, ma forse è un po’ presto per concederti già la prima sosta! Ancora poche decine di metri, ed ecco il primo bivio: proseguendo dritto puoi raggiungere il sentiero 5, ma tu devi girare a sinistra per continuare sul sentiero 4.

Sentiero 4 a Cabiate, la deviazione a sinistra
La deviazione verso sinistra

Inizia, da questo momento, una serie di numerosi ponticelli molto suggestivi. Il primo è il Ponticello degli Anemoni, che scavalca il torrente Valletta: il ponte si chiama così perché in questa zona nel mese di marzo gli anemoni (o fiori di San Giuseppe) danno vita a un tappeto colorato spettacolare.

Sentiero 4: il Ponte degli Anemoni a Cabiate
Il Ponte degli Anemoni

Lungo 13 metri, è stato realizzato nel marzo del 1981 e installato al posto di una vecchia passerella.

Cabiate: Ponte degli Anemoni nel Parco della Brughiera
La passerella del Ponte degli Anemoni

Fu costruito con legno di robinia ricavato proprio in questo bosco, tagliato in luna giusta per prevenire i danni da tarli, scortecciato e catramato.

Il Ponte degli Anemoni a Cabiate
Il ponte sopra il letto del torrente Valletta

Il secondo ponticello giunge dopo una zona boschiva con carpini, castani, querce e robinie; a sua volta scavalca il torrente Valletta, e si chiama Ponte della Marca (ti trovi, infatti, nel bosco della Marca).

Il Ponte della Marca sul sentiero 4
Il Ponte della Marca

Fu realizzato nella primavera del 1980, e poggia su due pilastri a fascio.

Il Ponte della Marca a Cabiate
Sembra che non regga, ma regge 🙂

Se ci fai caso, su ogni cartello trovi la sigla G.N.B: indica il Gruppo Naturalistico della Brianza, l’associazione che negli anni ’80 si è occupata della realizzazione di questi ponticelli (e di tutti gli altri che incrocerai lungo il percorso).

Cabiate, il Ponte della Marca
Il Ponte della Marca visto dall’alto
Sentiero 4: la passerella del Ponte della Marca
Il percorso sul ponte
Il Ponte della Marca nella Brughiera Briantea
Hai fatto caso all’indicazione “Sentiero Ecologico”?
Sentiero 4 a Cabiate: il Ponte della Marca
Un’altra visuale sul ponte

Giungi, così, nel Bosco della Cappellina in località Madonnina, che deve il proprio nome a un’edicola votiva realizzata nel 1981.

Parco della Brughiera Briantea, la località Madonnina
L’indicazione per la località Madonnina

Il Bosco del Crocifisso

La presenza religiosa è molto forte lungo il sentiero: in pochi passi, infatti, raggiungi il Bosco del Crocifisso. Avvicinandoti, puoi notare sedute in granito con nomi di persone (un omaggio a volontari del gruppo naturalistico scomparsi negli anni).

Panca in pietra commemorativa nel Bosco del Crocifisso del Parco della Brughiera Briantea
Una delle panche in pietra commemorative nel Bosco del Crocifisso: è dedicata a Peppino Terraneo, anima del gruppo naturalistico insieme con Davide Abbondi e Piero Ronzoni

Per raggiungere il Bosco del Crocifisso, dove le piante sono tutte farnie, devi compiere una leggera deviazione rispetto al sentiero 4: giusto pochi metri, di sicuro non corri il rischio di non ritrovare la strada.

Bosco del Crocifisso a Cabiate nel Parco della Brughiera
Le indicazioni per il Bosco del Crocifisso

Facile capire perché il bosco si chiami così: il Crocifisso in legno che vedi è stato installato nel 1980. Alto 3 metri, presenta una copertura spiovente in rame e larice, e alla base ha un piedistallo in pietra.

Sentiero 4: il Bosco del Crocifisso nel Parco delle Groane
Lo spiazzo davanti al Crocifisso

Di fronte c’è un piccolo altare in legno che permette la celebrazione di riti religiosi.

Sentiero 4: Bosco del Crocifisso a Cabiate
Il Bosco del Crocifisso

Di fianco, è presente una lapide che commemora i morti in combattimento: un tempo era il Monumento ai Caduti di Cabiate.

Sentiero 4 a Cabiate: il Bosco del Crocifisso
Il vecchio Monumento ai Caduti di Cabiate e il Crocifisso

Ripreso il percorso lungo il sentiero 4, percorrerai un altro ponticello: il terzo, come opportunamente segnalato dai cartelli. Si tratta del Ponte degli Alpini, lungo circa 15 metri e costituito da tre campate; risale al 1982.

Sentiero 4: Ponte degli Alpini
Il terzo ponte sul torrente Valletta
Il ponte sul torrente Valletta a Cabiate
Il Ponte degli Alpini
Ponti a Cabiate nel Parco della Brughiera
Il Ponte degli Alpini visto da un’altra prospettiva
Sentiero 4: la struttura del Ponte degli Alpini
La struttura del Ponte degli Alpini

Il quarto è, invece, il Ponticello di San Francesco: è più recente, essendo stato realizzato nel 1992, ed è lungo circa 15 metri.

Sentiero 4: il Ponte di San Francesco
Il Ponticello di San Francesco

Non ti senti un po’ Indiana Jones ad attraversare tutti questi ponti nella natura?

Cabiate: Ponte di San Francesco nella Brughiera Briantea
È il quarto ponte dall’inizio del sentiero
Il ponticello di San Francesco a Cabiate
Il ponte visto di lato

Da qui, infatti, puoi salire verso il Bosco di San Francesco alle Betulle.

Sentiero 4: il Bosco di San Francesco
Il Bosco di San Francesco

Il Bosco di San Francesco

Nel Bosco di San Francesco troverai una cappellina in mattoni con il santo, patrono dell’ecologia, raffigurato mentre parla agli uccelli in un bassorilievo in terracotta realizzato dalla Scuola d’Arte di Cabiate.

Sentiero 4 a Cabiate, il bassorilievo di San Francesco
Il bassorilievo con San Francesco

A giudicare dalla quantità di rosari, fiori, foto e monete lasciate davanti all’edicola, si tratta di un luogo di devozione molto sentito, per fortuna al riparo da vandalismi.

Sentiero 4: la Cappella di San Francesco
L’edicola con i doni dei fedeli

In questo piccolo spiazzo ci sono anche due panchine che ti daranno il necessario sollievo se inizi a sentirti stanco.

Sentiero 4 a Cabiate: San Francesco
Lo spiazzo davanti alla cappelletta

A questo punto puoi riprendere il tuo percorso: passerai sotto il parapioggia alla Beula del Gos.

Il parapioggia alla Beula del Gos
Il parapioggia alla Beula del Gos

Come puoi notare, il sentiero è ricco di indicazioni, sia sulle strutture in legno che sulle pietre.

Pietra sul sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea
Le indicazioni non mancano, direi

Una breve gradinata in legno in salita ti conduce alla località Campo dei Girasoli.

La scalinata del sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea
La scalinata che conduce alla località Campo dei Girasoli

A questo punto, mancano poche decine di metri ai laghetti della Mordina.

Parco della Brughiera Briantea, la località Campo dei Girasoli
La località Campo dei Girasoli

Il tratto seguente è molto caratteristico: non solo perché, uscito dal bosco, ti ritrovi in uno spiazzo verde, ma soprattutto perché la tua passeggiata è accompagnata dal latrare dei cani di una pensione per animali domestici che si trova a breve distanza.

Cascina Mordina

Arrivi, finalmente, al primo dei due laghetti della Mordina, che offre uno spettacolo variabile a seconda della stagione: in estate, per esempio, potresti vederlo quasi completamente ricoperto di vegetazione acquatica.

Sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, il laghetto della Mordina
Uno dei due laghetti della Mordina

Costeggia il laghetto, magari approfittandone per leggere le informazioni contenute sui pannelli didattici o per un’altra sosta su una delle panchine presenti, e poi svolta a destra: pochi metri dopo troverai sulla tua sinistra Cascina Mordina.

Se vuoi conoscerla da vicino, ti basta leggere questo post dedicato a Cascina Mordina.

Superata la cascina, affronti una discesa abbastanza ripida per poi attraversare il guado del torrente Terrò (quasi sempre in secca).

Il guado del torrente Terrò
Il guado del torrente Terrò

Arrivi, così, nella Valle del Terrò, per poi imbatterti in un bivio. Il percorso sulla destra è quello del sentiero 3, ma tu devi seguire quello sulla sinistra, che ti farà affrontare una lieve salita.

Sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, la salita dalla Valle del Terrò
La salita è piuttosto breve e facile da percorrere

Quando il terreno si fa in piano, ti trovi nell’area dei vivai di Mariano Comense.

I vivai di Mariano Comense
L’area dei vivai di Mariano Comense

Dopo qualche decina di metri dovrai svoltare a sinistra, ma i cartelli sono chiari e non puoi sbagliare. Prosegui dritto: ora il bosco non c’è più, ma passi tra case e altri edifici. La strada si fa asfaltata e potresti avere l’impressione che il sentiero si sia concluso, complici le indicazioni che questa volta potrebbero trarti in inganno: infatti, non si fa più menzione di Cascina Belvedere, e ciò potrebbe farti pensare che l’hai già superata. Tranquillo, non è così: arrivato all’incrocio con una strada abbastanza trafficata (via Sant’Agostino), devi girare a destra.

Sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, le indicazioni sul percorso
Questi cartelli non menzionano più Cascina Belvedere e potrebbero trarti in inganno

Presta la massima attenzione, sia perché non ci sono marciapiedi sia perché i tornanti rendono pericoloso l’attraversamento.

Sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea, l'attraversamento di via Sant'Agostino
L’attraversamento da via Sant’Agostino a via Belvedere a Mariano Comense

Appena trovi una strada sulla sinistra, infatti, devi imboccarla: è via Belvedere.

Via Belvedere a Mariano Comense
Ecco la strada che devi imboccare per raggiungere Cascina Belvedere

Sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea: Cascina Belvedere

Preparati ad assistere a uno spettacolo meraviglioso, perché il panorama che hai visto fino a questo momento è destinato a cambiare: niente più boschi, ma i prati del belvedere di Mariano, con le montagne sullo sfondo e la città sulla tua destra, che puoi dominare dall’alto con lo sguardo.

Il sentiero per Cascina Belvedere
Quella là in fondo è Cascina Belvedere

Il sentiero ti porta alla splendida Cascina Belvedere: anche se è abbandonata, è davvero affascinante.

Cascina Belvedere e il sentiero 4 del Parco della Brughiera Briantea
Cascina Belvedere a Mariano Comense

Se vuoi sapere tutto sulla Cascina Belvedere, leggi il post che le ho dedicato.

A questo punto, ripreso il percorso in via Belvedere, arrivi all’incrocio con via Matteotti: il sentiero 4 è finito, ma di fronte a te (in via Riviera) trovi le indicazioni che ti servono se vuoi proseguire la tua passeggiata verso Olgelasca o addirittura Montorfano.

E questo è tutto, ma voglio darti ancora qualche consiglio.

Per scoprire come arrivare a Cabiate, che cosa vedere e dove mangiare nei dintorni, clicca qui sotto.

Se, invece, vuoi sapere che cosa vedere a Mariano Comense e dove mangiare nei dintorni, puoi cliccare qui.






Con una piccola donazione puoi dimostrarmi il tuo apprezzamento e il tuo supporto: un sito come Viaggiare in Brianza ha bisogno anche del contributo di chi lo legge per poter sopravvivere 🙂

Se vuoi scrivermi, puoi farlo cliccando qui sotto: aspetto i tuoi suggerimenti, le tue critiche e magari anche le tue proposte di collaborazione!

Contattami anche se hai trovato su Viaggiare in Brianza delle informazioni sbagliate o non aggiornate: cercherò di correggerle il prima possibile!

Infine, mi sembra doveroso farti sapere che alcune delle informazioni che ho riportato in questo post sono tratte dal volumetto Il Parco Sovraccomunale della Brughiera Briantea, scritto da Marino Barzaghi.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

6 commenti su “Parco della Brughiera Briantea: il sentiero 4 da Cabiate a Mariano Comense”

  1. Gualberto berti

    Interessante percorso, lo farò con il mio cane. Come si fa per ritornare al punto di partenza venendo da Milano forse é meglio venire in treno con la nord.

    Grazie e saluti

    1. Simone - Viaggiare in Brianza

      Ciao! Da Milano prendi il treno per Canzo-Asso e scendi alla stazione di Cabiate. Da lì all’ingresso del sentiero sono cinque minuti a piedi. Cane sempre al guinzaglio, mi raccomando 🙂

  2. Ciao, per il ritorno c’è un altro sentiero oppure bisogna semplicemente rifare la stessa strada dell’andata? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.