Home » Provincia di Monza » Desio » Che cosa fare a Desio: guida per turisti
Cosa fare a Desio, la facciata di Villa Tittoni

Che cosa fare a Desio: guida per turisti

Che cosa fare a Desio? Nella città che ha dato i natali a Pio XI, papa ai tempi del Fascismo, puoi concederti una visita tra numerose ville antiche, tra cui la più importante è Villa Tittoni: il suo splendido e accogliente giardino ogni estate ospita eventi culturali e concerti, richiamando persone da tutta la Lombardia.

La città

Città di poco più di 40mila abitanti, Desio è conosciuta per avere ospitato una fabbrica della Autobianchi, da cui nel corso degli anni sono uscite la A112 e la Giardiniera, ma anche vetture della Fiat come la 126 e la Panda.

A Desio sono nati il giornalista Renato Farina, il calciatore Marco Sportiello, l’attrice Gisella Burinato e Luigi Giussani, il fondatore di Comunione e Liberazione. Qui ha vissuto, fino all’età di 19 anni, anche la giornalista Milena Gabanelli.

Di Desio, infine, era originario Achille Ratti, che con il nome di Pio XI fu papa tra il 1922 e il 1939.

Che cosa fare a Desio: i monumenti da vedere

Se sei finito su questa pagina è perché ti interessa sapere che cosa vedere a Desio: ti accontento subito!

Ti consiglio di iniziare la tua passeggiata in città da via Resegone 23: qui c’è Villa Ferrario Buttafava, realizzata nella seconda metà del Seicento. La residenza è di proprietà privata, e quindi puoi limitarti solo a “spiarla”. Più semplice è osservare, invece, la Chiesa di San Giuseppe che la affianca, a sua volta risalente al XVII secolo: ti basta incamminarti lungo la stradina sterrata accanto all’ingresso della villa, e troverai la chiesa sulla tua sinistra.

Cosa fare a Desio, la Chiesa di San Giuseppe
La Chiesa di San Giuseppe a Desio

Uscito da via Resegone, gira a sinistra in via San Giuseppe e, dopo il passaggio a livello, a destra in via de Sanctis. All’incrocio successivo vai ancora a destra in via Rossa, poi alla rotonda svolta a sinistra in via Milano. Qui, subito dopo l’incrocio con via Varese, troverai sulla tua destra il Santuario della Madonna Pellegrina. L’edificio fu costruito negli anni ’50 del secolo scorso per volere di Giuseppe Carpanelli come ringraziamento alla Vergine: era sopravvissuto a un incidente in cui era stato travolto da un tram mentre era a bordo della propria auto. Mentre era in macchina, era in viaggio, e dunque pellegrino: da qui l’intitolazione.

Cosa fare a Desio, il Santuario della Madonna Pellegrina
Il Santuario della Madonna Pellegrina

Continua la tua passeggiata lungo via Milano, e alla rotonda successiva tieni la sinistra per proseguire dritto in corso Italia. La sesta strada che trovi sulla sinistra ti permette di ammirare, in via Due Palme 2, il Collegio Arcivescovile Pio XI. Costruito negli anni ’10 del secolo scorso, spicca per la sua facciata imponente, divisa in verticale dalle paraste che incorniciano le due estremità e le aperture di accesso.

Cosa fare a Desio, il Collegio Arcivescovile Pio XI
Il Collegio Arcivescovile Pio XI

Lasciandoti il collegio sulla sinistra, imbocca via Carducci; superata la prima rotonda, raggiungi la seconda e gira a destra in via Milite Ignoto. Qui, dopo pochi metri, potrai vedere alla tua sinistra la Torre del Polo Tecnologico di Desio, uno dei tanti luoghi abbandonati in Brianza.

Cosa fare a Desio, la Torre del Polo Tecnologico
La Torre del Polo Tecnologico di Desio

Se vuoi conoscere più da vicino la storia di questo edificio, ti basta leggere il post qui sotto.

Ritornato davanti al cancello del Collegio Arcivescovile, attraversa corso Italia per imboccare via Battisti e percorri questa strada fino in fondo, per poi girare a sinistra in via Galli. Qui al civico 1 potrai osservare alla tua sinistra la facciata dell’edificio delle Poste, che presenta uno splendido esempio di street art in Brianza. Si tratta di un murale, intitolato Copernicium & Vaccinium Myrtillus, realizzato da Fabio Petani in cui sono rappresentati una pianta e un elemento chimico.

Cosa fare a Desio, il murales delle Poste
L’opera di Fabio Petani sulla facciata dell’edificio delle Poste di Desio

A questo punto ritorna all’inizio di via Battisti e gira a destra in corso Italia: così ti addentrerai nel centro storico di Desio. La quarta strada che incrocerai sulla destra è via Matteotti: imboccala per andare ad ammirare al civico 10 la seicentesca Villa Bonomi Cereda Gavazzi Aliprandi. Questo edificio è noto anche con il nome di “curt di leon” a causa delle statue di leoni che sormontano i quattro plinti della cancellata di ingresso.

Cosa fare a Desio, Villa Cereda Gavazzi
Villa Bonomi Cereda Gavazzi Aliprandi

Da qui continua a passeggiare in via Matteotti e preparati a incrociare un bel po’ di rotonde: alla prima vai dritto in via Rovagnati, alla seconda gira a destra in via Ferravilla, alla terza vai a sinistra per rimanere su via Ferravilla e alla quarta svolta a destra in via Di Vittorio. Così, ti troverai di fronte alla Chiesa di San Giovanni Battista, di cui noterai immediatamente la particolare architettura: spiccano i 14 pilastri a sezione circolare che delimitano l’aula liturgica e la copertura in legno lamellare.

Cosa fare a Desio, la Chiesa di San Giovanni Battista
La Chiesa di San Giovanni Battista

Superata la chiesa, gira a sinistra in via Monte Rosa e percorrila fino a quando non trovi alla tua destra, all’incrocio con via Tonale, la Chiesa di San Rocco, risalente agli anni ’50 del Novecento: la riconoscerai per il suo profilo a capanna inarcuato.

Cosa fare a Desio, la Chiesa di San Rocco
La Chiesa di San Rocco

Ora ritorna all’incrocio tra via Matteotti e corso Italia: ti ritrovi di fronte alla Basilica dei Santi Siro e Materno, in piazza Conciliazione. La chiesa fu costruita, nella sua versione attuale, a partire dal 1651; la torre campanaria, invece, risale all’inizio del XV secolo.

Cosa fare a Desio, la Basilica dei Santi Siro e Materno
La Basilica dei Santi Siro e Materno

Proprio davanti alla basilica puoi osservare il monumento a Pio XI, realizzato da Alberto Dresler: la statua raffigura il pontefice ed è circondata da quattro fontane con le allegorie delle virtù cardinali. Alla base della sedia gestatoria si nota la rappresentazione di Pietro Gasparri e Benito Mussolini intenti a firmare i Patti Lateranensi.

Cosa fare a Desio, la statua di Pio XI
La statua di Pio XI

Guardando la statua, la prima strada a destra è via Pozzo Antico: percorrila fino ad arrivare di fronte alla Chiesa della Beata Vergine Immacolata, all’incrocio con via Grandi. Realizzata in stile neogotico, si caratterizza per una facciata a capanna con sporgenze che simulano la presenza di navate laterali, anche se in realtà è una chiesa a navata unica.

Cosa fare a Desio, la Chiesa della Beata Vergine Immacolata
La Chiesa della Beata Vergine Immacolata

Da qui, gira a sinistra in via Grandi e raggiungi il civico 41: ecco una magnifica residenza, l’ottocentesca Villa Longoni.

Cosa fare a Desio, Villa Longoni
Villa Longoni

Al suo fianco, in via Grandi 47, sorge Villa Vernazzi Longoni, affiancata da una cappella in stile neoclassico.

Cosa fare a Desio, Villa Vernazzi Longoni
Villa Vernazzi Longoni

Ora ritorna indietro lungo via Pozzo Antico e gira nella seconda strada a destra, via Santa Maria: al civico 2 trovi Villa Fontana Colleoni, nata come monastero e diventata residenza signorile nel XVII secolo.

Cosa fare a Desio, Villa Fontana Colleoni
Villa Fontana Colleoni

Procedendo lungo via Santa Maria vedrai alla tua destra la Chiesa di Santa Maria, risalente al XVIII secolo.

Cosa fare a Desio, la Chiesa di Santa Maria
La Chiesa di Santa Maria

Superata la chiesa, ti ritrovi in via Pio XI, dove al civico 4 c’è la Casa Natale di Papa Pio XI, oggi adibita a museo: aperta ogni domenica pomeriggio (e negli altri giorni su prenotazione), ospita tra l’altro l’apparecchio radiofonico inventato da Guglielmo Marconi, che nel 1931 fu donato al pontefice. Insomma, hai a che fare con uno dei musei in Brianza più interessanti da visitare se ti appassiona la storia del Novecento.

Cosa fare a Desio, la casa natale di papa Pio XI
La lastra che segnala la casa natale di papa Pio XI

Prosegui la tua passeggiata in via Pio XI e giungerai in piazza Cavour, dove vale la pena di fermarsi ad ammirare il dipinto dedicato a San Bartolomeo, martire ucciso scorticato, protettore della contrada Dugana.

Cosa fare a Desio, la Contrada Dugana e il dipinto di San Bartolomeo
Il dipinto di Bartolomeo in piazza Cavour a Desio

Da qui, puoi procedere in via Lampugnani: alla tua sinistra, noterai il Santuario del Santo Crocifisso, chiesa in stile neogotico progettata da monsignor Spirito Maria Chiappetta (lo stesso architetto della Basilica della Santissima Immacolata di Merate e del Santuario della Madonna di Santa Valeria di Seregno). Il santuario è affiancato da un campanile la cui guglia in rame arriva a 30 metri di altezza; la cella racchiude 5 campane in tonalità di la bemolle calante.

Cosa fare a Desio, il Santuario del Santo Crocifisso
Il Santuario del Santo Crocifisso a Desio

Ancora pochi passi e alla tua destra, in via Lampugnani 62, scoprirai Villa Tittoni, conosciuta in tutta la Lombardia anche per i numerosi eventi che vengono organizzati all’interno del suo parco, in estate e non solo. Costruita nel Settecento, Villa Cusani Tittoni Traversi (questo è il suo nome completo) fu progettata da Giuseppe Piermarini, cioè il “papà” del Teatro alla Scala.

Cosa fare a Desio, Villa Tittoni
Villa Tittoni a Desio

La villa, tra l’altro, un museo intitolato allo scultore Giuseppe Scalvini. Il Museo Scalvini accoglie più di 30 sculture, oltre a incisioni e disegni a carboncino realizzati dall’artista lombardo, autore di due angeli sul timpano del frontone della Basilica di San Siro e Materno. Il museo è aperto dal venerdì alla domenica al mattino e al pomeriggio: per informazioni puoi contattare il numero 349 5134975.

Superata Villa Tittoni, puoi girare nella prima strada a destra, via Cavalieri di Vittorio Veneto, per entrare nel parco della villa e ammirare anche la sua facciata anteriore: ne vale la pena.

Cosa fare a Desio, la facciata di Villa Tittoni
La facciata anteriore di Villa Tittoni

Ripresa la strada in via Cavalieri di Vittorio Veneto, gira a destra in via Piermarini e poi di nuovo a destra in via Roma: al civico 25 meritano di essere scoperti un ex convento francescano e una torre in stile neogotico, la Torre del Palagi, che oggi ospitano il museo mineralogico e paleontologico La Miniera. Il convento, risalente al Duecento, fu in seguito trasformato in corte e ristrutturato da Pelagio Palagi. Il museo accoglie cristalli, fossili e minerali provenienti da ogni parte del mondo, con un reparto destinato alla vendita.

Cosa fare a Desio, la Miniera e la Torre dei Palagi
La Miniera e la Torre dei Palagi

Andando in fondo a via Roma, gira a destra e ti ritroverai in via Lampugnani: percorrila e, subito dopo il sottopasso, gira a sinistra in via Sicilia. Qui al civico 4 vale la pena di ammirare un murales realizzato in memoria della vittime del coronavirus: si tratta di una rappresentazione di quasi 30 metri che raffigura 17 città di tutto il mondo, inclusa Desio.

Cosa fare a Desio, il murales del coronavirus
Il murales dedicato alle vittime del coronavirus

Ritornato in via Lampugnani, percorrila fino in fondo, poi gira a sinistra in via Bareggi. Alla rotonda successiva vai a destra in via Tagliabue e prosegui dritto, scavalcando la superstrada. Superata una rotonda, gira nella strada a destra successiva (via Modigliani) e poi a sinistra in via Michelini: alla tua destra noterai, in piazza Carendon, la Cappella di S. Apollinare, risalente al XVII secolo.

Cosa fare a Desio, la Cappella di Sant'Apollinare
La Cappella di Sant’Apollinare

Che cosa fare a Desio: gli itinerari naturalistici

Ti piacerebbe scoprire che cosa vedere a Desio in mezzo al verde? Il parco comunale di Villa Tittoni, aperto liberamente al pubblico, ti consente di ammirare alberi di pregio storico e paesaggistico, tra cui un cedro del Libano ereditato dall’impianto ottocentesco del giardino nobiliare, e quindi con almeno un secolo e mezzo di vita.

[Prima di scoprire dove mangiare a Desio e tutti gli altri consigli utili per una gita in Brianza, se vuoi lascia il tuo like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza: te ne sarei grato!]

Un altro albero storico si trova in via Cavalieri di Vittorio Veneto, in quello che un tempo era chiamato Viale delle Magnolie: si tratta, appunto, di una magnolia grandiflora, che secondo la sezione locale di Legambiente potrebbe avere almeno 130 anni.

Tra via Ambrosoli e via Oslavia, infine, puoi passeggiare in un bosco di oltre un ettaro, con una radura circondata da piante di noce.

Dove mangiare a Desio

Se vuoi sapere dove mangiare a Desio una pizza o un hamburger, La Birreria Italiana di via Forlanini 71A è il posto che fa al caso tuo. Nel menù trovi anche pannocchie alla brace, galletto al forno e birramisù.

Un’altra ottima location dove mangiare hamburger in Brianza è Capitan Pizzurger, in via De Gasperi 11/A.

Per mangiare sushi all you can eat a Desio, invece, in via Milano 219 trovi lo Shabu, con prezzo fisso a 26 euro (e 15 euro per i bambini fino a 12 anni).

A breve distanza, in via Milano 189, puoi provare anche il Miho Sushi: in questo caso una cena a base di cucina giapponese in Brianza prevede un prezzo fisso di 22.90 euro.

Cosa fare a Desio, Miho Sushi
Miho è uno dei tanti sushi all you can eat che puoi trovare a Desio

Sempre in via Milano, ma al civico 19, c’è un altro ristorante di sushi all you can eat in Brianza, cioè Il Trabucco: a cena il prezzo fisso è di 20.80 euro, incluso un dolce a scelta.

Nel novero delle pizzerie di Desio ti segnalo Il Tramonto, in via XXV Aprile 5, che nel menù include anche paella valenciana, fritto misto e cotoletta alla milanese. Il locale è aperto tutti i giorni sia a pranzo che a cena.

In via Mascagni 83, il Rock on the Road è un pub che propone musica dal vivo ed è uno dei locali dove fare aperitivo in Brianza.

L’Eurotaverna è un altro dei locali dove mangiare a Desio, in via Lavoratori Autobianchi 1: da provare il menù emiliano con gnocco fritto e tortelloni di magro.

Tra gli altri ristoranti a Desio, in via Per Seregno 49 c’è La Nostra Trattoria, aperta a cena dal mercoledì al sabato e a pranzo tutti i giorni.

Cosa fare a Desio, La Nostra Trattoria
L’ingresso de La Nostra Trattoria

Il Binario 181 di via Garibaldi 181, poi, è la meta ideale per chi è in cerca di una trattoria in Brianza.

L’Osteria della Gabella (in via Gabellini 20) è il posto dove mangiare a Desio polenta con asino, cinghiale o cervo e formaggi della baita.

Il Tulipano Nero Bistrò di via Trezzi 1, poi, è consigliato a chi vuole divertirsi con una cena con delitto in Brianza.

Uno dei migliori ristoranti a Desio, infine, è la Trattoria del Tacco, in via Lombardia 56, chiuso la domenica sera e lunedì tutto il giorno: qui puoi sperimentare la cucina pugliese in Brianza, ma soprattutto approfittare di una carta dei vini che include più di 400 etichette.

Della Trattoria del Tacco, per altro, ti parlo in questo post dedicato ai ristoranti di cucina regionale in Brianza da provare.

Come arrivare a Desio

Come arrivare a Desio in auto? Provenendo da Milano o da Lecco, puoi percorrere la SS 36 e uscire, a seconda della tua destinazione, a Lissone centro / Desio sud, a Desio centro o a Lissone C.na Aliprandi / Desio nord.

Per arrivare a Desio in treno puoi fare riferimento alla stazione cittadina, servita dalle linee suburbane S9 e S11 di Milano e collegata tra l’altro con con Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Seveso, Seregno, Lissone, Monza, Cucciago, Cantù, Carimate, Lentate sul Seveso, Milano Certosa e Rho Fiera.

Per arrivare a Desio in bus, puoi sfruttare la linea Z209 se parti da Cesano Maderno, da Bovisio Masciago, da Nova Milanese, da Muggiò o da Lissone; da Lissone passa anche la C80, che collega Desio con Cantù, Mariano Comense, Cabiate, Meda e Monza. La linea Z231 ti porta a Desio se parti da Carate Brianza, da Verano Brianza, da Giussano o da Seregno; se vieni dalla provincia di Lecco, invece, ti conviene usufruire della Z232, che passa da Monticello Brianza, Casatenovo, Besana in Brianza, Carate Brianza, Verano Brianza, Giussano e Seregno. La linea Z242 unisce la città con Seregno, Carate Brianza, Verano Brianza, Giussano, Besana in Brianza, Briosco, Veduggio con Colzano, Renate, Monticello Brianza e Casatenovo. Infine, i bus Z250 arrivano a Desio passando per Lissone, Seregno, Cesano Maderno e Limbiate, mentre la linea Z251 collega la città con Limbiate, Senago, Varedo e Bovisio Masciago.






Ah, un’ultima cosa! Come vedi, questo sito non ha pubblicità fastidiose, pop-up invadenti o banner ingombranti: se ti va di sostenermi economicamente perché apprezzi il mio lavoro, quindi, puoi farlo con una piccola donazione grazie al pulsante qui sopra.

Preferisci contattarmi direttamente, magari per propormi una collaborazione? Ti basta cliccare qui sotto per scrivermi.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *