Home » Provincia di Monza » Brianza vimercatese » Mezzago » Che cosa fare a Mezzago: guida per turisti
Che cosa fare a Mezzago: la Chiesa di Santa Maria

Che cosa fare a Mezzago: guida per turisti

Che cosa fare a Mezzago? I tanti sentieri agricoli che circondano il paese, ma anche la sagra dell’asparago rosa e i ristoranti che propongono piatti della tradizione lombarda: ecco i motivi per vivere da turisti questa località della Brianza vimercatese. Senza dimenticare l’intrattenimento del Bloom, locale in cui ha suonato niente meno che Kurt Cobain.

La città

Paese della Brianza vimercatese di poco più di 4mila abitanti, Mezzago è noto perché sede esclusiva di coltivazione dell’asparago rosa, cui è dedicata una sagra nel mese di maggio. Mentre nel resto d’Italia questo ortaggio ha l’apice di colore verde o bianco, solo a Mezzago esso è rosato.

Cosa fare a Mezzago, l'asparago rosa
L’asparago rosa di Mezzago

La sagra dell’asparago rosa prevede l’apertura di un ristorante ad hoc a Palazzo Archinti, ma anche mostre, eventi musicali, iniziative sportive e manifestazioni culturali: te ne parlo anche in questo post dedicato a tutte le sagre in Brianza da gennaio a dicembre.

Mezzago, inoltre, è conosciuta dagli appassionati di musica alternativa di tutta Italia per la presenza del Bloom, locale che negli anni ’90 ha ospitato, tra l’altro, i concerti di Nirvana e Green Day: si trova in via Curiel 39 ed è un vero e proprio centro multiculturale, che propone anche una programmazione cinematografica di nicchia e una libreria notturna, oltre a mostre e iniziative per bambini.

A Mezzago è nato l’ex calciatore del Milan Angelo Colombo, vincitore di due Coppe dei Campioni e una Coppa Intercontinentale.

Che cosa fare a Mezzago: i monumenti da vedere

La Chiesa di Santa Maria Assunta è l’edificio religioso più importante di Mezzago: la trovi in piazza Chiesa. Progettata da Giacomo Moraglia (“padre” anche della Basilica di San Vittore a Missaglia e della Chiesa di San Giovanni Battista a Cernusco Lombardone), al proprio interno accoglie cappelle dedicate alla Madonna Assunta e a Santa Rita.

Lasciandoti la chiesa sulla destra, puoi imboccare via Roma e proseguire in via Concordia: fermati al civico 37 per ammirare la settecentesca Villa Brasca. Ristrutturata di recente, accoglie un nucleo di vicinato solidale e comprende due appartamenti, spazi comuni, una foresteria e un grande giardino con alberi da frutto aperto a tutti. Sei incuriosito? Qui puoi approfondire la questione.

Riprendi la tua passeggiata in via Concordia e poi gira a destra in via Unione: qui, all’incrocio con via Indipendenza, sorge la seicentesca Chiesa di San Gerolamo. l’oratorio è privo di campanile, ma presenta solo una piccola campana sostenuta da due pilasti sul tetto. Al suo interno puoi osservare, tra l’altro, un tabernacolo del 1880 e una statua che raffigura Sant’Antonio.

Di fronte a te c’è piazza Libertà, dove al civico 4 sorge Palazzo Archinti il punto di riferimento storico del paese: la sua torre, alta 28 metri e articolata su 7 piani, risale addirittura al XII secolo. Il palazzo si compone di vari edifici che compongono una corte a forma di trapezio. Il grande orologio situato al sesto piano della torre è un unicum in Lombardia: in regione non ci sono altre “ore civili”.

Da Palazzo Archinti puoi imboccare via del Pozzo, dove poco oltre il civico 7 trovi la Cappelletta del Bosco: risalente al XII secolo, è circondata da una grande area verde denominata Bosco in Città o, appunto, Bosco della Cappelletta.

Che cosa fare a Mezzago, la Cappelletta del Bosco
La Cappelletta del Bosco a Mezzago

Se ti interessa sapere che cosa vedere a Mezzago tra le architetture rurali di un tempo, infine, in via Cascina Orobona trovi Cascina Orobona, composta da una corte del Trecento e una corte del Quattrocento, nota anche come Cassina de’ Piatti.

Che cosa fare a Mezzago: gli itinerari naturalistici

Sei indeciso su che cosa fare a Mezzago? I sentieri del Parco del Rio Vallone ti permettono di passeggiare nella natura anche se hai con te uno o più bambini.

L’itinerario 1 passa da Mezzago collegando Verderio con Gessate, dove c’è la fermata della linea verde della metropolitana di Milano. Puoi accedervi da via Pace.

L’itinerario 6, invece, attraversa Mezzago collegando Sulbiate e Cornate d’Adda: puoi percorrerlo lungo la Strada Vicinale del Bosco Grande.

Dove mangiare a Mezzago

Se vuoi sapere dove mangiare a Mezzago i piatti della tradizione brianzola puoi andare alla Biada de l’Omm (al civico 5 di Cascina Orobona): risotto con l’anguilla, risotto con le lumache o zuppa di rane in guazzetto sono solo alcune delle specialità proposte.

All’Antico Borgo di via Indipendenza 53, invece, è il ristorante di Mezzago in cui puoi scegliere tra pizza e pasta fresca (pappardelle al ragù di cervo), con un vasto assortimento di birre artigianali e tisane. Chiuso il lunedì sera, rientra a sua volta tra le location dove mangiare le lumache in Brianza.

Un altro posto dove mangiare a Mezzago è il Circolo In Piazza di piazza Libertà 2: appuntamento fisso con la trippa il mercoledì sera

Infine, l’ultimo ristorante di Mezzago che ti segnalo è l’Osteria Social Food di via Eugenio Curiel 1.

Come arrivare a Mezzago

Come arrivare a Mezzago in auto? Provenendo da Milano puoi percorrere la A51 (la Tangenziale Est) e poi, a Vimercate, proseguire lungo la SP2.

A Mezzago non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Mezzago in treno puoi fare riferimento alla stazione di Carnate, distante 8 chilometri, che è servita dalla linea suburbana S8 di Milano ed è collegata, tra l’altro, con Monza, Arcore, Osnago, Cernusco Lombardone, Olgiate Molgora e Airuno.

Per arrivare a Mezzago in bus, puoi sfruttare la linea Z321, che passa da Monza, Concorezzo, Agrate Brianza, Vimercate, Burago di Molgora, Bellusco, Sulbiate, Ornago, Roncello, Busnago, Cornate d’Adda e Trezzo.Il bus Z322, invece, ti permette di arrivare a Mezzago se parti da Vimercate, Bellusco, Sulbiate, Busnago, Trezzo, Burago di Molgora, Ornago, Roncello o Cornate d’Adda.






E ora, un’ultima cosa! Come avrai notato, hai potuto leggere questo post senza pubblicità invadenti o pop-up fastidiosi; se ti va, puoi aiutarmi a pagare le spese di gestione del sito con una piccola donazione. Grazie in ogni caso per essere passato di qui!

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *