Home » Provincia di Monza » Misinto » Che cosa fare a Misinto: guida per turisti
Cosa vedere a Misinto, la Chiesa di San Siro

Che cosa fare a Misinto: guida per turisti

Che cosa fare a Misinto? Puoi approfittare di una gita in paese per andare alla scoperta di alcuni degli scorci più belli del Parco delle Groane: la Riserva Naturale dei Boschi di Sant’Andrea e il Bosco del Curato ti stupiranno. Ma questo paese ha molto altro da offrirti: te ne accorgerai leggendo le prossime righe.

La città

Paese di poco meno di 6mila abitanti della provincia di Monza e Brianza, Misinto si trova a 18 chilometri da Como e a 25 chilometri da Milano.

[Se usi Facebook, metti Like alla pagina di Viaggiare in Brianza: ogni giorno potrai scoprire posti da visitare, piste ciclabili da percorrere, parchi da esplorare e storie da conoscere!]

Oltre al capoluogo, Misinto comprende la località Sant’Andrea e la frazione di Cascina Nuova.

Che cosa fare a Misinto: i monumenti da vedere

Sei curioso di scoprire che cosa vedere a Misinto? Scegli come prima tappa in paese il Parco delle Rimembranze: si trova in via dei Caduti di fronte al civico 49. Questo parco sorge dove fu costruito nel 1787 il primo cimitero comunale, rimasto tale fino al 1895; oggi ospita il Monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, che fu trasportato qui nel 1933. Sulla parete frontale della Cappella è presente una riproduzione di un celebre dipinto di Mauro Conconi, La Pietà. Conconi, esponente della Scapigliatura milanese, era tra l’altro zio del commendator Alessandro Riva, primo sindaco di Misinto tra il 1861 e il 1864.

Cosa fare a Misinto, il Monumento ai Caduti al Parco delle Rimembranze
Il Monumento ai Caduti al Parco delle Rimembranze. Sulla lapide incastonata sotto il dipinto della Pietà è scritto: “Alla pietà dei buoni terrieri questa riproduzione di opera egregia e lodata del rimpianto pittore Mauro Conconi il nipote Alessandro Riva, Sindaco del Comune, offeriva nel 1863 raccomandando la cara e preziosa memoria dei propri defunti, che qui riposano in pace”.

Lasciandoti il parco sulla sinistra, percorri via dei Caduti fino in fondo, per poi girare a destra in via San Siro: raggiungerai, così, la Chiesa di San Siro. Costruita nella prima metà del XVII secolo e successivamente ampliata negli ultimi anni dell’Ottocento con l’aggiunta della cripta (che conserva un prezioso reliquiario), è affiancata da un campanile in stile romanico.

Cosa vedere a Misinto, la Chiesa di San Siro
La Chiesa di San Siro

Qui è conservato, dal 7 maggio del 1824, il quadro di Antonio Busca Cristo incoronato di spine, anteriore al 1674.

Cristo incoronato di spine di Antonio Busca
Il Cristo incoronato di spine di Antonio Busca

Del pittore milanese Federico Bianchi (vissuto tra il 1635 e il 1718) è, invece, il Compianto sul Cristo morto. Entrambe le tele giunsero a Misinto, con tutta probabilità, negli anni ’10 dell’Ottocento provenienti dalla pinacoteca di Brera, che non si oppose alla loro concessione a causa del loro valore artistico ritenuto modesto.

Compianto sul Cristo morto di Federico Bianchi
Il Compianto sul Cristo morto di Federico Bianchi

Per conoscere meglio la storia della Chiesa di San Siro puoi leggere il post qui sotto, che ti racconta dettagli, notizie e curiosità su questo edificio.

Superata la chiesa e oltrepassata piazza Statuto, imbocca via Volta per raggiungere piazza Bergamonti: è intitolata ad Angelo Bergamonti, pilota motociclistico morto in un incidente in gara a 32 anni. A lui è dedicato anche il murales che puoi osservare in piazza, realizzato da Daniela Benedini e Dario Cresseri.

Misinto, il murales di Angelo Bergamonti
Il murale dedicato ad Angelo Bergamonti

Nel post qui sotto ti racconto tutto di Angelo Bergamonti e del murale a lui dedicato, realizzato a ricordo di un uomo che ha cambiato la storia del motociclismo italiano.

A questo punto ritornando all’incrocio tra via San Siro e via dei Caduti ti ritrovi in piazza Trento e Trieste, da dove puoi girare a destra in piazza Pietro Mosca: qui al civico 9 sorge Palazzo Maggi, che ospita il municipio. Notevole è il portico centrale a colonne binate, dove inizia uno scalone a due rampe.

Cosa fare a Misinto, Palazzo Maggi
Palazzo Maggi

Dalla piazza puoi imboccare via Saronno: se vai sempre dritto e la percorri fino in fondo arrivi nella frazione di Cascina Nuova e ti ritrovi in via Padovan, dove al civico 96 trovi la vecchia Chiesa di San Bernardo, realizzata nel 1570.

Cosa fare a Misinto, la vecchia Chiesa di San Bernardo
La vecchia Chiesa di San Bernardo

Ti basta proseguire di poche decine di metri lungo via Padovan per trovare, sulla tua sinistra, anche la nuova Chiesa di San Bernardo, risalente al 1927.

Cosa fare a Misinto, la Chiesa di San Bernardo
La Chiesa di San Bernardo

Che cosa fare a Misinto: gli itinerari naturalistici

Il territorio di Misinto fa parte del Parco delle Groane. Percorrendo il sentiero 29, accessibile da via San Domenico Savio, puoi entrare nel Bosco del Curato, così denominato perché di proprietà della parrocchia da oltre due secoli: è uno dei querceti più antichi della zona, con farnie che superano gli 80 anni di vita.

Questa è l’area della Riserva Naturale dei Boschi di Sant’Andrea, Sito di Interesse Comunitario dove puoi usufruire anche di una zona picnic (in quella che un tempo era una cava di argilla). Dopo un bosco di robinie ti ritroverai a passeggiare in un altro bosco con betulle e querce; volendo, potrai inoltrarti lungo il sentiero seguendo le indicazioni presenti sul tracciato.

Se sei in auto, prima di addentrarti nei boschi puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via San Francesco o di via della Pusterla. Proprio in via della Pusterla, per altro, se lo desideri puoi soffermarti per un momento presso la Cappella delle Anime Purganti, eretta nel 1727: si trova di fianco al civico 14.

Anche il sentiero 32 del Parco delle Groane tocca Misinto, in corrispondenza di via per Birago: se sei un appassionato di cicloturismo in Brianza apprezzerai la pista ciclabile che affianca la strada.

Dove mangiare a Misinto

Tra le location dove mangiare a Misinto c’è il Ristorante Club Horses di via per Birago 58, presso il centro ippico.

Un altro ottimo ristorante a Misinto è La Tana del Luppolo, in via Padovan 39: la pizza ligure alta, la pinsa romana e le pappardelle al cinghiale sono solo alcuni dei piatti forti di questo locale, consigliato anche quando hai voglia di un hamburger in Brianza.

Se cerchi una pizzeria a Misinto, in via Garibaldi 7 trovi La Pizzeria 2, che offre anche il servizio d’asporto.

A proposito di pizzerie a Misinto, poi, in piazza dello Statuto 2 c’è il Ristorante Caffè del Centro.

L’Osteria Sant’Andrea di via Sant’Andrea 13 è l’ultima location dove mangiare a Misinto che ti suggerisco, ideale anche quando hai voglia di una birra.

Come arrivare a Misinto

Come arrivare a Misinto in auto? Provenendo da Milano devi percorrere l’Autostrada A8 fino a Lainate e qui imboccare l’Autostrada A9. Prosegui fino allo svincolo con l’A36 (l’Autostrada Pedemontana), per poi uscire a Bregnano / Lazzate; alla rotonda successiva vai a sinistra, supera un’altra rotatoria e a quella dopo gira a destra. Continuando su quella strada (via Monte Bianco) giungerai a destinazione.

Provenendo da Como devi prendere da via Tentorio l’Autostrada A59 (Tangenziale di Como) e percorrerla fino a immetterti sulla A9: quindi esci allo svincolo per l’Autostrada A36 e dalla Pedemontana segui le indicazioni che ti ho fornito qui sopra.

A Misinto non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Misinto in treno puoi fare riferimento alla stazione di Rovellasca, servita dalla linea Saronno-Como e collegata, tra l’altro, con Caslino al Piano, Cadorago, Fino Mornasco e Luisago.

Per arrivare a Misinto in autobus puoi fare riferimento alla linea Z160, che passa da Lentate sul Seveso, Lazzate, Rovellasca e Saronno. Puoi raggiungere il paese anche con i bus Z163 se parti da Lazzate, Cogliate, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Seveso o Limbiate. Misinto, inoltre, è collegata con Lazzate, Cermenate, Vertemate con Minoprio, Fino Mornasco, Luisago, Casnate con Bernate e Como dai pullman C60.






Se questo post ti è servito o comunque apprezzi il mio lavoro, puoi ricompensarmi con una piccola donazione: per me sarebbe un importante riconoscimento per l’impegno profuso.

Cliccando qui sotto, infine, puoi scoprire perché ho realizzato il progetto di Viaggiare in Brianza. Se hai voglia, fammi sapere che cosa ne pensi!

Scrivimi anche se in questo o in altri contenuti del sito hai trovato delle informazioni non aggiornate o degli errori, oppure se ti va di propormi una collaborazione e far conoscere la tua attività alle migliaia di persone che ogni giorno leggono Viaggiare in Brianza 🙂

Infine, mi preme citare il volume Misinto. Aggiornamento storico, una preziosa fonte di informazioni per la stesura di questo post.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

2 commenti su “Che cosa fare a Misinto: guida per turisti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *