Home » Provincia di Monza » Albiate » Che cosa fare ad Albiate: guida per turisti
Cosa fare ad Albiate, Villa Campello

Che cosa fare ad Albiate: guida per turisti

Che cosa fare ad Albiate? Tra una passeggiata nella natura lungo le rive del Lambro e una visita al Santuario di San Fermo, non dimenticare di andare alla scoperta di Villa Campello e del suo grande parco. Ma in paese trovi anche trattorie e ristoranti da non perdere: scopri quali sono leggendo le prossime righe.

La città

Situato sulla destra del fiume Lambro, Albiate è un paese di poco più di 6mila abitanti della provincia di Monza e Brianza. Qui viene organizzata la sagra più antica della Brianza: si tratta della Sagra di San Fermo, nata addirittura nel 1609.

Il territorio di Albiate fa parte del Parco Regionale della Valle del Lambro.

Ad Albiate sono nati Vittorino Colombo (più volte ministro tra gli anni ’60 e gli anni ’70, oltre che presidente del Senato nel 1983) e Bernardo Caprotti, il “padre” dell’Esselunga.

Se ti interessa il turismo cimiteriale, puoi trovare la tomba di Bernardo Caprotti nel cimitero cittadino di via Giorgio La Pira.

Cosa fare ad Albiate, la tomba di Bernardo Caprotti
La tomba di Bernardo Caprotti nel cimitero di Albiate

Te ne parlo anche in questo post dedicato alle tombe di personaggi famosi in Brianza.

Che cosa fare ad Albiate: i monumenti da vedere

Per scoprire che cosa vedere ad Albiate potresti iniziare il tuo tour del paese dal Santuario di San Fermo, in viale Lombardia, accanto al civico 2. In origine era consacrato a San Pietro, e ottenne la nuova intitolazione dopo il restauro del 1570. All’interno sono presenti due mosaici di Giorgio Scarpati e una pala dell’Ecce Homo, che al tempo della Seconda Guerra Mondiale fu prelevata da alcuni militari sul fronte albanese da una chiesa che stava andando a fuoco.

Cosa fare ad Albiate, il Santuario di San Fermo
Il Santuario di San Fermo

Il santuario tra la prima domenica di agosto e la prima domenica di settembre accoglie le reliquie dei Santi Fermo e Rustico, che nel resto dell’anno sono conservate nella Chiesa di San Giovanni Evangelista (che scoprirai tra poco).

Albiate, il Santuario di San Fermo
La statua di San Fermo davanti al santuario

Nel piazzale di fronte al santuario puoi osservare una croce di ferro su una colonna in pietra, che ricorda che quel luogo in occasione della peste del 1630 fu utilizzato come cimitero.

Cosa fare ad Albiate, la croce in ferro del lazzaretto
La croce in ferro che ricorda la peste del 1630

Lasciandoti il santuario sulla destra, percorri viale Lombardia e alla rotonda gira a destra in via Italia, per poi raggiungere il civico 2: qui, circondata da un grande parco che comprende vari rustici e una palazzina all’inglese, sorge Villa Tanzi. L’edificio ospita la casa dei Padri Betharramiti dalla metà del Novecento, ma risale ad almeno un secolo prima; purtroppo puoi osservarlo solo da fuori.

Cosa fare ad Albiate, Villa Tanzi
Villa Tanzi

Ti basta percorrere qualche metro per giungere in piazza Conciliazione, sulla quale si affaccia la Chiesa di San Giovanni Evangelista. Costruita negli anni ’80 del Settecento, la chiesa fu ampliata all’inizio del XX secolo secondo un progetto di Spirito Maria Chiappetta. Al suo interno sono presenti affreschi di Raffaele Casnedi (di cui puoi osservare pitture anche nella Basilica dei Santi Pietro, Marcellino ed Erasmo a Besana in Brianza).

Cosa fare ad Albiate, la Chiesa di San Giovanni Evangelista
La Chiesa di San Giovanni Evangelista

La torre campanaria fu realizzata con tutta probabilità nella prima metà dell’XI secolo e presenta un concerto di cinque campane: tre risalgono al 1832, mentre le altre due furono aggiunte tra il 1880 e il 1882.

Cosa fare ad Albiate, la torre campanaria della Chiesa di San Giovanni Evangelista
La torre campanaria della Chiesa di San Giovanni Evangelista

Sempre in piazza Conciliazione, al civico 34, trovi la Casa del Conte Tomini, nota come Palazzo Tomini, edificio che fino a qualche decennio fa era di proprietà della famiglia Caprotti. Dell’impianto settecentesco originale restano solo il portale centrale e il triportico ad archi ribassati della parte posteriore.

Cosa fare ad Albiate, Palazzo Tomini
Palazzo Tomini

[Ti piace questo sito e vorresti dimostrarmi il tuo apprezzamento? Mi farebbe piacere ricevere il tuo like sulla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza!]

Se vai dritto puoi imboccare via San Valerio, dove al civico 11 c’è Villa San Valerio, conosciuta anche come Villa Airoldi Caprotti. Costruita sulle rovine di alcune fortificazioni medievali nel XVII secolo, è poco visibile dalla strada, essendo protetta da una muraglia rivestita di piante rampicanti. Si nota, comunque, la torre merlata, ma vale la pena di osservare anche il timpano mistilineo a mensola del portone di servizio che si affaccia sulla strada.

Cosa fare ad Albiate, Villa San Valerio
Villa San Valerio (o, almeno, ciò che si riesce a vedere)

Di fronte alla villa c’è l’Oratorio di San Valerio, in origine era intitolato alla Beata Vergine Immacolata: ancora oggi ospita una pala d’altare che raffigura la Madonna affiancata da San Carlo e San Francesco. Sotto l’altare è presenta un’arca di legno dorato con cristalli, che fu usata per trasportare da Roma le reliquie di San Valerio.

Cosa fare ad Albiate, l'Oratorio di San Valerio
L’Oratorio di San Valerio

A questo punto ti consiglio di percorrere a ritrovo via San Valerio, girare a sinistra in via Roma e, alla fine di questa strada, imboccare sulla destra il tornante di via Viganò che ti porta in via Salvadori 1: arriverai così in Villa Campello. Costruita nei primi anni del Novecento, la villa oggi ospita il municipio all’interno di un parco di 50mila metri quadri con cedri, tigli e faggi. L’edificio si sviluppa su tre piani ed è raggiungibile attraverso un suggestivo viale alberato.

Cosa fare ad Albiate, Villa Campello
Villa Campello

Vuoi conoscere Villa Campello più da vicino? Clicca qui sotto per leggere l’approfondimento che le ho dedicato.

Che cosa fare ad Albiate: gli itinerari naturalistici

Il parco di Villa Campello è aperto tutti i giorni: puoi accedervi da via Salvadori o da via Dante 15/A. All’interno è presente anche un bagno pubblico.

Per scoprire che cosa vedere ad Albiate in mezzo alla natura, poi, potresti concederti una passeggiata lungo il Lambro, partendo dal parcheggio di via Lambro: qui inizia il sentiero Roggia del Principe che ti conduce fino a Canonica di Triuggio. Lungo il percorso ti imbatterai negli edifici della filatura Galeazzo Viganò, uno dei tanti luoghi abbandonati della Brianza che meritano di essere visti: se vuoi saperne di più ti basta leggere il post qui sotto.

Dove mangiare ad Albiate

Dove mangiare ad Albiate? Per esempio da Secondo me, in via IV Novembre 25: decisamente invitanti la tartare di salmone marinato e il risotto con cime di rapa e tartare di gambero.

Tra i ristoranti di Albiate che meritano di essere provati c’è anche Parco dei Principi, in via Roma 24.

Non ti basta? La Trattoria Vecchia Brianza di via Marconi 17 è un’eccellente alternativa tra i ristoranti di Albiate più interessanti.

Poco più in là, al civico 54 di via Marconi, puoi imbatterti nell’Osteria Perri, pizzeria di Albiate aperta a pranzo tutti i giorni e a cena dal mercoledì alla domenica.

Nel novero delle pizzerie di Albiate c’è, in via Italia 9, Sandy’s Steakhouse, sempre aperta tranne il lunedì sera. Il menù comprende anche tartare di angus, risotto con cacao e lamponi e un vasto assortimento di hamburger (inclusi quelli al salmone, al bufalo e al canguro).

Dove mangiare ad Albiate, Sandy's Steakhouse
Sandy’s Steakhouse

In via Trento 39, infine, trovi un’altra location dove mangiare ad Albiate: è La Dispensa, aperta tutti i giorni a pranzo e a cena. Tra le specialità proposte, polenta fritta, paella alla valenciana e pad thai, piatto tipico della cucina thailandese.

Come arrivare ad Albiate

Come arrivare ad Albiate in auto? Provenendo da Milano devi percorrere la SS 36 e uscire a Seregno San Salvatore; quindi gira subito a destra e vai dritto lungo via Sole delle Alpi. Alla rotonda successiva vai a sinistra per immetterti in via Arno; poi svolta a destra in via Montello: quella è la strada che ti porta a destinazione.

Provenendo da Lecco, devi percorrere la SS 36 e uscire a Seregno San Salvatore; alla prima rotonda vai a sinistra per salire sul ponte che oltrepassa la superstrada, e alla rotonda successiva gira a destra: andando sempre dritto, giungerai ad Albiate.

Ad Albiate non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare ad Albiate in treno devi fare riferimento alla stazione di Triuggio, servita dalla linea suburbana S7 di Milano e collegata, tra l’altro, con Monza, Villasanta, Arcore, Biassono, Macherio, Carate Brianza, Besana in Brianza, Renate, Cassago Brianza, Costa Masnaga, Molteno, Oggiono, Galbiate, Civate e Valmadrera.

Per arrivare ad Albiate in autobus puoi sfruttare la linea Z221, che passa da Mariano Comense, Giussano, Verano Brianza, Carate Brianza, Sovico, Macherio, Biassono, Vedano al Lambro, Monza e Sesto San Giovanni (in corrispondenza con la fermata della linea 1 della metropolitana di Milano). I bus Z233, invece, collegano il paese con Triuggio, Carate Brianza e Seregno.






Nel mio piccolo, con questo sito provo a fornirti consigli e suggerimenti che spero possano tornarti utili. Tu, se vuoi, puoi ricompensarmi con una donazione, anche piccola: basta cliccare sul tasto qui sopra.

Infine, se vuoi farmi sapere che cosa pensi di Viaggiare in Brianza, puoi scrivermi cliccando qui sotto.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *