Home » Provincia di Monza » Nova Milanese » Che cosa fare a Nova Milanese: guida per turisti
Cosa fare a Nova Milanese, la Chiesa di Sant'Antonino Martire

Che cosa fare a Nova Milanese: guida per turisti

Che cosa fare a Nova Milanese? Il tour tra le vecchie corti del centro è una delle proposte più interessanti di cui puoi approfittare nel corso di un giro in città. Nelle prossime righe scoprirai quali sono gli edifici di maggior pregio, ma anche i più interessanti itinerari nella natura che meritano di essere esplorati.

La città

Città di quasi 24mila abitanti della provincia di Monza e Brianza, Nova Milanese si trova a 15 chilometri da Milano ed è attraversata dal canale Villoresi.

Il suo territorio rientra nel Parco Grugnotorto Villoresi.

Di Nova Milanese è originario il cantante Den Harrow, noto anche per essere stato concorrente dell’Isola dei Famosi.

Che cosa fare a Nova Milanese: i monumenti da vedere

Vuoi scoprire che cosa vedere a Nova Milanese? Ti suggerisco di iniziare il tuo tour della città da via Favaron, dove accanto al civico 18 sorge la Chiesa di San Bernardo, eretta tra il 1596 e il 1604.

Cosa fare a Nova Milanese, la Chiesa di San Bernardo
La Chiesa di San Bernardo

Lasciandoti la chiesa sulla sinistra, percorri via Favaron per poi girare a destra in via Diaz: da qui prosegui dritto fino a raggiungere via Garibaldi, dove al civico 1 c’è l’ingresso di Villa Vertua Masolo.

Cosa fare a Nova Milanese, Villa Vertua Masolo
Villa Vertua Masolo

Circondato da un bel parco all’italiana, questo edificio in stile liberty risalente ai primi anni del XX secolo è sede della Donazione del pittore Vittorio Viviani e della Collezione Permanente Arti del Fuoco: essa raccoglie opere pittoriche e sculture in terracotta, ceramica, porcellana e metalli provenienti da più di 20 Paesi di tutto il mondo.

Cosa fare a Nova Milanese, la Collezione Permanente delle Arti del Fuoco
L’ingresso della Collezione Permanente delle Arti del Fuoco

Da qui continua lungo via Garibaldi e prendi la seconda strada a destra, via XX Settembre, che ti porta (dopo il ponte sul canale Villoresi) in via dell’Assunta: qui di fronte al civico 27 puoi ammirare la Chiesa di Santa Maria Assunta, chiamata anche Geseta da Grantort. Sconsacrata e poi riconsacrata nel Novecento, risale di sicuro a prima del XIII secolo: all’interno è presente una pala d’altare che raffigura il miracolo di San Grato, rappresentato mentre devia una grandinata in un pozzo per proteggere i raccolti.

Cosa fare a Nova Milanese, la Chiesa di Santa Maria Assunta
La Chiesa di Santa Maria Assunta

Proseguendo la tua passeggiata in via Assunta, arrivi all’incrocio con via Caravaggio: qui puoi ammirare un affresco della Madonna di Caravaggio. Il dipinto rappresenta la scena dell’apparizione della Vergine a una ragazza di nome Giannetta, avvenuta nel maggio del 1432 a Caravaggio; sullo sfondo si nota proprio la Chiesa di Santa Maria Assunta.

Cosa fare a Nova Milanese, la Madonna di Caravaggio
L’affresco della Madonna di Caravaggio

A questo punto imbocca via Caravaggio e percorrila fino all’incrocio con via De Gasperi: sulla tua sinistra potrai osservare il curioso stile architettonico della Chiesa della Beata Vergine Assunta, realizzata negli anni ’70 del secolo scorso.

Cosa fare a Nova Milanese, la Chiesa della Beata Vergine Assunta
La Chiesa della Beata Vergine Assunta

A questo punto puoi tornare in via XX Settembre e da qui girare a destra in via Garibaldi, per raggiungere il civico 13: così avrai l’occasione di vedere una Crocifissione di Cristo dipinta da Vittorio Viviani. Realizzata su una lastra di amianto nei primi anni Sessanta, l’opera è inserita in una cornice in malta cementizia seicentesca.

[Se ti piace questo post, perché non metti Like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza?]

Da qui imbocca alla tua sinistra via San Sebastiano: al civico 25, i portici di destra della Curt dala Leca accolgono una statua del Cinquecento realizzata in legno di gelso che rappresenta San Domenico. In passato la statua veniva portata per le strade in occasione dei periodi di siccità e bagnata con l’acqua dai bambini in segno di preghiera.

Ti basta percorrere pochi passi per raggiungere Villa Brivio Vertua Prinetti, in piazzetta Vertua Prinetti. Costruita nel XV secolo e rinnovata nell’Ottocento, forse su progetto di Leopoldo Pollack, la villa fu utilizzata nella seconda metà del XIX secolo come caserma in cui venivano ospitate le uniformi e le armi della Guardia Nazionale. La residenza si sviluppa su tre piani e presenta pavimenti in cotto, granito e marmo; è circondata da un parco di più di 5mila metri quadri in cui si trova anche Villa Vertua Masolo.

Cosa fare a Nova Milanese, Villa Brivio Vertua Prinetti
Villa Brivio Vertua Prinetti

Da qui puoi imboccare via Paolo Mariani e raggiungere, al civico 1, la Curt dal Basan: sul muro che si affaccia sulla strada si nota un affresco della Madonna con Bambino e devoto datato tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento. Secondo la leggenda fu realizzato da un uomo che, caduto in un pozzo, riuscì a salvarsi per il tramite della grazia della Madonna.

Cosa fare a Nova Milanese, la Madonna con Bambino e Devoto alla Curt del Basan
La Madonna con Bambino e Devoto alla Curt dal Basan

Da via Paolo Mariani, ti ritrovi in piazza Marconi: sulla tua sinistra, tra via Roma e via Madonnina, puoi “spiare” Villa De Barzi Manfredini Ferrari Ardicini. La villa è costituita da due edifici collegati da una doppia galleria che si affacciano su un grande giardino; sul cancello di accesso puoi notare lo stemma con un’aquila rampante coronata del casato nobiliare De Barzi. Nel Settecento a occuparsi della progettazione del giardino fu Luigi Cagnola, il “papà” di Villa La Rotonda a Inverigo e della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Concorezzo.

Cosa fare a Nova Milanese, Villa De Barzi Manfredini Ferrari Ardicini
Villa De Barzi Manfredini Ferrari Ardicini

In piazza Marconi sorge anche la Chiesa di Sant’Antonino Martire. Costruita nel Duecento e successivamente sottoposta a vari ampliamenti, negli anni Venti del secolo scorso è stata affrescata da Luigi Morgari, autore dei 15 quadri dei Misteri del Rosario della Cappella della Beata Vergine; inoltre, ospita pitture di Osvaldo Bignami (Gesù consolatore e Giuseppe conforta dei sofferenti). A sinistra della Grotta della Beata Vergine Maria di Lourdes c’è, invece, un dipinto di San Carlo Borromeo realizzato nel 1817 da Abbondio Bagutti.

Cosa fare a Nova Milanese, la Chiesa di Sant'Antonino Martire
La Chiesa di Sant’Antonino Martire

Da qui imbocca via Madonnina. Al civico 6 trovi l’affresco di una Deposizione, con la Maria che accoglie il corpo di Cristo morto.

Cosa fare a Nova Milanese, l'affresco della Deposizione
L’affresco della Deposizione

Pochi passi più in là, in via Madonnina 16, puoi osservare ciò che resta di Villa Dugnani, che fa parte della Curt di Garlat, con un portale monumentale come ingresso.

Cosa fare a Nova Milanese, la Curt del Garlat
Il portale di ingresso della Curt del Garlat

Cinque colonne doriche in granito contraddistinguono il portico a doppia altezza, testimone delle nobili origini della dimora seicentesca dove, nel XIX secolo, ebbe modo di soggiornare Teresa Dugnani Viani.

Cosa fare a Nova Milanese, Villa Dugnani
Le colonne ereditate da Villa Dugnani

Ancora pochi passi e puoi svoltare a sinistra in vicolo Cortelunga per andare ad ammirare la Curt Lunga, risalente a prima del Settecento. Il portico a destra, tra l’altro, accoglie un Crocifisso in legno probabilmente realizzato alla fine del XIV secolo.

Cosa fare a Nova Milanese, la Curt Lunga
La Curt Lunga

Giunto in fondo a via Madonnina, puoi soffermarti ad ammirare un’edicola sacra in cui è raffigurata una Madonna con bambino.

Cosa fare a Nova Milanese, la Madonna con Bambino
La Madonna con Bambino di via Madonnina

Ora gira a destra in via Biondi e, dopo il ponte, a sinistra in via Villoresi. Superato il municipio, la prima strada a sinistra è via Zara, dove al civico 2 ti imbatterai nella Curt di Fus e dal Pesina, nota come ex Cassina Valera. Sulla parete destra all’interno è presente un affresco del 1903 che riproduce San Giobbe, protettore degli allevamenti di bachi da seta, e San Sebastiano, protettore dei campi.

Cosa fare a Nova Milanese, la Curt di Fus e dal Pesina
L’affresco con San Giobbe e San Sebastiano

Ritornato all’incrocio da cui sei arrivato, gira a sinistra e percorri via Villoresi fino in fondo: così ti troverai di fronte al civico 108 di via Garibaldi, dove merita di essere visto un affresco della Madonna Assunta in cielo realizzato da Osvaldo Bignami nel 1900.

Che cosa fare a Nova Milanese: gli itinerari naturalistici

Quando vuoi dedicarti al cicloturismo in Brianza, puoi recarti a Nova Milanese per percorrere la pista ciclabile del Villoresi. Puoi accedervi, per esempio, dal ponte tra via Giussani e via Villoresi.

Cosa fare a Nova Milanese, la pista ciclabile del Villoresi
La pista ciclabile lungo il Villoresi

Per esplorare le aree verdi della città, invece, puoi imboccare il sentiero che parte dalla rotonda di via Brodolini, dove c’è il campo sportivo, e regalarti una passeggiata nella Piana del Novale: un’altra delle risposte alla domanda “che cosa vedere a Nova Milanese?”.

Cosa fare a Nova Milanese, la Piana del Novale
La Piana del Novale

Nella stessa zona è presente uno skatepark, accessibile dal parcheggio tra via Brodolini e via Aspromonte.

Dove mangiare a Nova Milanese

Tra le pizzerie di Nova Milanese ti segnalo il ristorante Pomodoro Basilico, al civico 89 di via per Cinisello, che offre anche il servizio d’asporto. Il menù comprende tra l’altro orecchiette con le cime di rapa, paccheri con polpo fresco e salsiccia mantovana alla griglia.

Anche BellaVista è una pizzeria di Nova Milanese che vale la pena di prendere in considerazione: situata in via Giussani 16, il martedì propone il giro carne a 22 euro (bevande escluse), mentre il mercoledì è la volta del giro pasta e del giro riso a 15 euro. Non solo: il giovedì giro paella a 25 euro e il venerdì giro pesce a 25 euro.

In via Assunta 5 trovi Da Marta, accogliente trattoria in Brianza che offre pasta fatta in casa, cotoletta alla milanese e altri piatti della tradizione lombarda.

Se preferisci una location più elegante dove mangiare a Nova Milanese, ecco Matilda, ristorante e cocktail bar di via Locatelli 36/B: è aperto a cena dal martedì al sabato e a pranzo dal martedì al venerdì.

Brazao è un ristorante di Nova Milanese dove gustare hamburger in Brianza, aperto 7 giorni su 7, sempre in via Locatelli 36/B. Ogni sera è dedicata a un piatto unico diverso: per esempio, il lunedì a brasato e polenta e il venerdì alla paella, sempre al prezzo fisso di 10 euro.

Uno dei più apprezzati ristoranti di Nova Milanese è il Grig, in via Venezia 2. Aperto a cena dal martedì alla domenica e a pranzo tutti i giorni tranne il lunedì e il sabato, di sera ti permette di gustare anche la pizza.

Vuoi sperimentare la cucina giapponese in Brianza? Il ristorante Ran è ciò che fa al caso tuo: lo trovi in via Don Mezzera 1 all’angolo con via Foscolo. Zuppa di miso, scampi crudi e riso saltato con ananas e verdure sono solo alcune delle tante specialità disponibili in questo locale.

Nel caso in cui tu sia in cerca di una proposta di sushi all you can eat in Brianza, in via Diaz 21 c’è Nima Sushi, sempre aperto sia a mezzogiorno che di sera. Il menù è a prezzo fisso (a cena 26 euro, dolci e bevande esclusi), ma per diversi piatti è previsto un supplemento.

Cerchi un giro pizza in Brianza? Sempre in via Diaz 21 trovi More GiroPizza, con oltre 100 tipologie differenti, con menù da 13, 15 o 18 euro a seconda delle dimensioni della bibita che scegli.

Un’altra location dove mangiare a Nova Milanese piatti orientali è Mu Fish, aperto a pranzo e a cena dal martedì alla domenica. Situato in via Galileo 5, questo ristorante ti propone, tra l’altro, ravioli al vapore con ripieno di capesante, tartare di tonno con salsa ponzu e merluzzo nero dell’Alaska in salsa di miso.

Infine, la Bottega dei Golosoni è la location adatta per assaporare la cucina romena in Brianza: si trova in via Garibaldi 86. Tra le specialità del menù, ciorba de burta, sarmalute cu mamaliguta e tort de inghetata.

Come arrivare a Nova Milanese

Come arrivare a Nova Milanese in auto? Provenendo da Milano devi percorrere la Milano-Meda e uscire a Incirano / Nova Milanese (uscita 5). Alla prima rotonda dopo lo svincolo, vai a sinistra e prosegui dritto: arriverai così a destinazione.

Provenendo da Lecco devi percorrere la SS 36 e uscire a Desio Sud / Nova Milanese / Desio. Alla prima rotonda dopo lo svincolo gira a destra per immetterti sulla Strada Comunale Vecchia Muggiò, poi supera tre rotonde per arrivare a un incrocio che ti permette di andare solo a destra o a sinistra. Girando a sinistra, imbocchi la strada che ti porta a Nova Milanese.

A Nova Milanese non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Nova Milanese in treno puoi fare riferimento alla stazione di Desio, servita dalle linee suburbane S9 e S11 di Milano e collegata, tra l’altro, con Monza, Lissone, Seregno, Lentate sul Seveso, Carimate, Cantù, Cucciago, Seveso, Cesano Maderno e Ceriano Laghetto.

Per arrivare a Nova Milanese in autobus puoi sfruttare la linea Z205, che passa per Limbiate, Varedo, Muggiò e Monza, o la linea Z209, che ferma a Cesano Maderno, Bovisio Masciago, Desio, Muggiò e Lissone. Puoi raggiungere Nova Milanese anche con i bus Z219 se parti da Paderno Dugnano, Muggiò o Monza, o con i bus Z225 se parti da Cinisello Balsamo o Sesto San Giovanni (in corrispondenza con la fermata della linea 1 della metropolitana).






Ah, un’ultima cosa! Per un sito senza pubblicità è importante poter contare sulla collaborazione dei lettori: se ti va di lasciare una donazione contribuirai a far sì che questo progetto continui a esistere. Grazie mille!

Desideri scrivermi perché vuoi sapere chi sono, hai notato un errore in quello che ho scritto o vuoi semplicemente darmi un consiglio? Ti basta cliccare qui sotto!

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *