Home » Brianza comasca » Capiago Intimiano » Che cosa fare a Capiago Intimiano: guida per turisti
Cosa fare a Intimiano, il murales Il roccolo

Che cosa fare a Capiago Intimiano: guida per turisti

Che cosa fare a Capiago Intimiano? Se sei alla ricerca di qualche idea per organizzare una gita in Brianza con i bambini, i suggerimenti che trovi nelle prossime righe fanno al caso tuo: hai l’occasione per scoprire un paese poco noto, ricco di splendidi edifici da vedere e con sentieri immersi nel verde dei boschi.

La città

Paese di poco più di 5mila abitanti della Brianza comasca, Capiago Intimiano si trova sulle colline a sud est di Como. Il comune è nato nel 1928 dalla fusione di due paesi: Capiago e Intimiano, appunto.

[Sai che mettendo Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza puoi scoprire i posti più belli della Brianza? Luoghi abbandonati, luoghi selvaggi e tante altre mete per gite fantastiche!]

Nel cimitero di Intimiano in via per Montorfano sono state effettuate alcune riprese di Sessomatto, uno dei tanti film girati in Brianza: la pellicola, diretta da Dino Risi, ha come protagonisti Giancarlo Giannini e Laura Antonelli.

Laura Antonelli al cimitero di Capiago Intimiano in Sessomatto
Laura Antonelli al cimitero di Intimiano nel film Sessomatto
Location cinematografiche in Brianza, il cimitero di Intimiano
Il cimitero di Intimiano oggi

Curiosità: dal punto di vista della liturgia cattolica, Capiago è di rito romano, perché fa parte della diocesi di Como, mentre Intimiano è di rito ambrosiano, perché fa parte dell’arcidiocesi di Milano.

Che cosa fare a Capiago Intimiano: i monumenti da vedere

Sei curioso di sapere che cosa vedere a Capiago Intimiano? Ti consiglio di iniziare il tuo tour del paese da via Castelletto: tra i civici 4 e 12 si trova, appunto, il Castelletto. Il suo cortile accoglie ancora un pergolato: fino agli anni ’50 tutti gli edifici del Castelletto ne avevano uno per l’uva americana. In passato erano presenti anche un torchio per l’uva, un forno per il pane e ul carlun, un mulino per pre-macinare il mais.

Cosa fare a Capiago Intimiano, il Castelletto
Il Castelletto

Sotto il portico, è visibile un dipinto della Madonna di Caravaggio.

La Madonna di Caravaggio al Castelletto di Capiago
Il dipinto della Madonna di Caravaggio al Castelletto

Da qui, tenendo i civici dispari sulla tua destra, raggiungi l’incrocio e gira a sinistra; vai dritto, proseguendo in via Roma e in via Umberto I, per poi prendere la prima strada a destra, via Mirasole, in fondo alla quale al civico 9 potrai ammirare Cascina Mirasole. La corte è abitata dal 1900, e deve il proprio nome al fatto che da qui è possibile scorgere facilmente sia l’alba che il tramonto, vista la posizione su un’altura. Qui un tempo veniva portato il latte prodotto nelle cascine del paese; una volta misurato e controllato, lo si portava a Senna Comasco per la lavorazione.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Cascina Mirasole
Cascina Mirasole

Ritornato all’inizio di via Mirasole, gira a destra in via Umberto I: subito alla tua destra troverai il lavatoio di Capiago. Costruito più di 200 anni fa (nel 1819), presenta una vasca divisa in due parti: in quella grande la biancheria veniva insaponata e lavata, mentre in quella piccola veniva risciacquata. Le panche in pietra servivano ad appoggiare le ceste con il bucato.

Cosa vedere a Capiago, il lavatoio
Il lavatoio di Capiago

Proseguendo la tua passeggiata in via Umberto I, arriverai alla Curt da Baldinoo al civico 21. Il suo nome deriva probabilmente dalla città svizzera di Baden, località di origine della prima famiglia che visse qui; di certo si sa che la corte è abitata dall’inizio del XIX secolo. Un tempo, oltre alle stalle erano presenti un abbeveratoio, una cantina, un forno e una pira, cioè un enorme sasso scavato dove venivano schiacciate le patate destinate a nutrire i maiali.

Cosa fare a Capiago, la Curt da Baldinoo
La Curt da Baldinoo

Superata piazza Mazzini, continuando a passeggiare in via Umberto I vedrai alla tua destra la scritta “Molti nemici molto onore”, frase attribuita a Benito Mussolini: anche questa è una testimonianza storica preziosa.

Capiago, la frase di Mussolini
La citazione attribuita a Mussolini in centro a Capiago

Quindi, sempre sulla tua destra, al civico 17 di via Umberto I ecco la Curt da Damit. La corte fu costruita agli inizi del XIX secolo, e da qui partivano cunicoli sotterranei che permettevano di raggiungere altre tenute del paese. Questo era il luogo in cui venivano pesati i bozzoli dei bachi da seta e in cui veniva raccolto e trebbiato il grano.

Cosa vedere a Capiago Intimiano, la Curt da Damit
La Curt da Damit

Alla tua sinistra c’è, invece, la Curt da Firipp, al civico 6 di via Umberto I. Meritano di essere visti gli affreschi sulle pareti esterne: alcuni raffigurano vecchi scorci di Capiago, mentre altri sono ritratti di santi.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Curt da Firipp
La Curt da Firipp

Si riconoscono, tra gli altri, Santa Cecilia e Santo Stefano. Cecilia era una nobile romana convertita al cristianesimo: fu condannata a morte per decapitazione, divenendo martire, e oggi è considerata patrona della musica e dei cantanti. Stefano, invece, morì per lapidazione, come puoi intuire dalle pietre presenti nell’affresco: è venerato come protomartire, essendo stato il primo cristiano a sacrificare la propria vita pur di testimoniare la fede.

Santa Cecilia e Santo Stefano a Capiago Intimiano
Santa Cecilia e Santo Stefano sul muro della Curt da Firipp

Proprio di fronte all’ingresso della Curt da Firipp puoi imboccare via Belvedere. Arrivi così, all’incrocio tra strada delle Fontane e via al Riscio, dove sorge la Curt da Maghit. Occupata nel XVII secolo da alcuni monaci, era originariamente un monastero prima di essere abitata da contadini.

Cosa fare a Capiago, la Curt da Maghit
La Curt da Maghit

Ora puoi salire lungo via al Riscio: sulla tua sinistra ti imbatterai in un’edicola sacra dedicata alla Madonna di Caravaggio.

La Madonna di Caravaggio in via al Riscio a Capiago
Il dipinto con la Madonna di Caravaggio

Arrivato al civico 27 di via al Riscio, scoprirai Cascina Mara, conosciuta anche come Crotto dei Cacciatori: i piatti tipici, infatti, erano polenta e cacciagione. La cascina risale ai primi anni del Novecento, esempio caratteristico di architettura lombarda.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Cascina Mara
Cascina Mara

Ritornato in via Umberto I davanti alla Curt da Firipp, lasciati l’ingresso della corte sulla sinistra per girare a sinistra in via alla Chiesa e ammirare un altro affresco, che raffigura la Natività.

L'affresco della Natività a Capiago
L’affresco della Natività all’esterno della Curt da Firipp

Arrivi, così, in piazza della Chiesa, dove trovi un pannello che ti aiuterà a conoscere i luoghi storici di Capiago.

Il pannello dei luoghi storici di Capiago
Il pannello dei luoghi storici di Capiago

Accanto, in piazza della Chiesa 1, c’è la Cascina degli Ursenigh, abitata sin dal XVII secolo: si chiama così perché i primi residenti erano originari di Orsenigo, appunto. La corte è così piccola che in passato la trebbiatrice non riusciva a entrare: così il grano veniva trebbiato direttamente nella piazza della Chiesa.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Cascina degli Ursenigh
La Cascina degli Ursenigh

Se piazza della Chiesa si chiama così è perché qui puoi scoprire la Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio, edificio con pianta a croce latina che accoglie all’interno superfici interamente affrescate. Merita di essere notato, sopra l’arco della quinta campata, il medaglione delimitato da statue di due angeli. Da ammirare anche la pala d’altare dell’altare maggiore.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio
La Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio

Di fronte, ecco la Palazzina San Luigi Guanella.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Palazzina San Luigi Guanella
La Palazzina San Luigi Guanella

Lasciandoti la chiesa alla tua sinistra, percorri viale Rimembranze e poi gira a sinistra in via Serenza: da qui vai sempre dritto fino alla terza traversa a sinistra, via Salvadera, dove al civico 2 sorge Villa Castelli.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Villa Castelli
Villa Castelli

Alla tua sinistra, invece, noterai la meravigliosa e antica Cascina Salvadera.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Cascina Salvadera
Cascina Salvadera

Ritornato in via Serenza, prosegui fino all’incrocio successivo a gira a destra in via Vittorio Emanuele: dopo pochi metri vedrai, alla tua destra, la Chiesa di San Leonardo, nel piazzale Paolo VI.

Cosa fare a Intimiano, la Chiesa di San Leonardo
La Chiesa di San Leonardo

Il sagrato della chiesa ospita una statua di Ariberto da Intimiano, arcivescovo di Milano nell’XI secolo e originario proprio di Intimiano. Ariberto fu, tra l’altro, custode della Chiesa di San Vincenzo di Galliano a Cantù, per la quale commissionò un ciclo di affreschi.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la statua di Ariberto da Intimiano
La statua di Ariberto da Intimiano

Di fronte alla Chiesa di San Leonardo, inoltre, è presente una serie di quattro murales.

Il primo, intitolato Ratitt e Buitt, racconta il campanilismo tra Capiago e Intimiano: prima che i due paesi venissero uniti nel 1928, il confine che li separava si trovava proprio in corrispondenza dell’attuale piazzale della chiesa. Ecco, quindi, la raffigurazione (realizzata dalla pittrice Giusi Valente) tra i buoi di Capiago e i topi di Intimiano.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Ratitt e Buitt
Il murale Ratitt e Buitt

Ti parlo in maniera più approfondita di Ratitt e Buitt (ma anche di altri murales in Brianza) nel post qui sotto.

Il secondo murale della piazza (La trebbiatura) rappresenta il momento della trebbiatura, ed è opera di Monica Latorraca e Nicola Facciuto. Nel dipinto si può notare la cosiddetta macchina del Batt, cioè la trebbiatrice di colore rosso che in passato passava per le cascine del paese.

Cosa fare a Capiago Intimiano, il murale La trebbiatura
Il murale La trebbiatura

Il terzo murale, realizzato da Olga Bellocco e Angela Molteni, è intitolato La bachicoltura.

Cosa vedere a Capiago Intimiano, il murales La bachicoltura
Il murale La bachicoltura

Infine, il quarto murale si intitola Il roccolo, ed è stato creato da Stefano Gaffuri. In passato, nei boschi dei dintorni c’era oltre una decina di roccoli, che permettevano di catturare gli uccelli destinati alla tavola.

Cosa fare a Intimiano, il murales Il roccolo
Il murale Il roccolo di Stefano Gaffuri

Accanto alla teoria di murales, su una cabina dismessa dell’Enel puoi osservare un affresco che riproduce il Carroccio, che fu inventato proprio da Ariberto da Intimiano. Si trattava di un carro trainato da buoi con una croce e un altare, presente sui campi di battaglia: da qui veniva celebrata la messa mentre i soldati si sfidavano.

Cosa fare a Capiago Intimiano, il murale del Carroccio
Il dipinto murale del Carroccio

Dalla chiesa, raggiungi la rotonda e gira a sinistra in corso Ariberto, per poi svoltare a destra in via del Carroccio: qui prendi la prima stradina sulla sinistra per raggiungere, al civico 3, l’ex Castello di Ariberto, che oggi ospita i locali della biblioteca cittadina. Come vedi, è un castello di nome, ma non di fatto: si tratta, invece, di una villa sette-ottocentesca, abitata in passato dalle famiglie Luraschi, Tatti e Consonni. Negli anni ’20 del Novecento il complesso fu acquistato dallo scrittore Guido da Verona, che qui visse con la compagna, la ballerina Elena Bulavintzeva.

Cosa fare a Capiago Intimiano, il Castello di Ariberto
Il Castello di Ariberto

Ritornato all’incrocio tra via del Carroccio e corso Ariberto, gira a destra e poi prendi la prima strada a destra, via Montecastello: dopo pochi metri sulla tua destra, all’incrocio con via Don Santini, troverai la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
La Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Ora continua lungo via Montecastello e vai dritto proseguendo in via Garibaldi, al termine della quale girerai a sinistra in via per Senna; da qui prendi la prima traversa sulla destra, via Roncaccio. Al civico 10 puoi vedere Villa Soave, abitata dal noto architetto e costruttore Bruno De Mico fino alla sua morte.

Cosa fare a Capiago Intimiano, Villa Soave
Villa Soave

Ritornato all’incrocio tra via Roncaccio e via per Senna, gira a destra e poi prendi la prima strada a destra, via Olmeda, che ti porta fino in via San Carlo: qui merita di essere ammirata da vicino la Chiesa di San Carlo.

Il sentiero da Olmeda a Capiago
L’inizio del sentiero che porta da Olmeda a Capiago

Che cosa fare a Capiago Intimiano: gli itinerari naturalistici

Vorresti sapere che cosa vedere a Capiago Intimiano durante una passeggiata nella natura?

Di fronte alla Chiesa di San Carlo inizia il sentiero per Capiago.

Un’altra piacevole passeggiata è quella che parte da Strada delle Fontane, che ti porta verso il Campaccio.

Cosa fare a Capiago Intimiano, il Campaccio
Il sentiero che conduce al Campaccio

Da via Mirasole, invece, puoi prendere il sentiero per il lago di Montorfano.

Dove mangiare a Capiago Intimiano

Tra i migliori posti dove mangiare a Capiago Intimiano ti segnalo il Ristorante Grillo, in via Chigollo 6: è aperto a cena tutti i giorni e a pranzo dal giovedì al lunedì.

In via Umberto I 17 trovi la Pizzeria dell’Ottocento, con pizza d’asporto e consegna a domicilio.

Cosa fare a Capiago Intimiano, la Pizzeria dell'Ottocento
La Pizzeria dell’Ottocento

Anche Il Pashà è una pizzeria di Capiago Intimiano che offre il servizio d’asporto: la trovi in via Umberto I 1. Ogni pizza può essere richiesta anche con l’impasto senza glutine con un supplemento di 4 euro.

Un’altra ottima pizzeria a Capiago Intimiano è Marialia, in via Bossi 1.

Se cerchi un locale dove fare aperitivo in Brianza, invece, puoi recarti da Lilli e il Vagabondo, in via Serenza 92.

In alternativa, anche il Bar Frigerio è una splendida location per un apericena in Brianza: è in piazza San Pietro 4.

Ti consiglio di provare, poi, il Ristorante Da Rosa: nel menù spiccano il risotto con cicale, vongole e puntarelle, la trilogia di ostriche e i polipetti in umido su polenta alla griglia. Questo ristorante di Capiago Intimiano è situato in via Fiume 19 ed è chiuso il lunedì.

Nel novero dei locali dove mangiare a Capiago Intimiano, infine, non dimenticarti della Trattoria Pizzeria Stilo, in via Canturina 5.

Come arrivare a Capiago Intimiano

Come arrivare a Capiago Intimiano in auto? Provenendo da Milano devi percorrere l’Autostrada A8 in direzione Varese/Como/Chiasso e prendere l’uscita A9 per Como/Chiasso; quindi prosegui sull’autostrada fino all’uscita A59 e imbocca la A59 (la Tangenziale di Como). Vai sempre dritto: supera una rotonda e subito dopo gira a sinistra in via alla Guzza; all’incrocio successivo vai a destra in via Acquanera. Alla rotatoria che incrocia via Canturina gira a destra, poi segui le indicazioni che trovi sulla strada.

Provenendo da Como, devi andare in via Mirabello e imboccare la SP 28: quella è la strada che ti condurrà a destinazione.

A Capiago Intimiano non ci sono stazioni ferroviarie. Per arrivare a Capiago Intimiano in treno devi fare riferimento alla stazione di Cantù, servita dalla linea ferroviaria Como-Lecco e collegata, tra l’altro, con Brenna, Anzano del Parco, Merone, Rogeno, Molteno, Oggiono, Galbiate, Civate e Valmadrera.

Per arrivare a Capiago Intimiano in autobus puoi sfruttare la linea C50, che passa da Como, Cucciago e Cantù, o la linea C52, che a sua volta collega il paese con Cantù e Como.






Credi che i miei suggerimenti ti siano serviti? Nel caso in cui tu voglia supportarmi, puoi farlo con una piccola donazione: per me sarebbe un importante stimolo e un aiuto per sostenere le spese di manutenzione del sito.

Se sei curioso di sapere chi sono, puoi cliccare qui sotto puoi scoprirlo.

Scrivimi se hai trovato su Viaggiare in Brianza un errore, delle informazioni non aggiornate o dei contenuti che pensi debbano essere rimossi, ma anche se ti va di far conoscere la tua attività su questo sito 🙂

Ti consiglio, infine, di visitare il sito dell’Associazione Il Gambero, che si occupa di difesa del territorio e ha sede proprio a Capiago Intimiano: sarà una bella scoperta.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.