Home » Provincia di Monza » Cogliate » Cogliate, la Chiesa di San Damiano
La Chiesa di San Damiano fra Cogliate e Ceriano Laghetto

Cogliate, la Chiesa di San Damiano

In occasione di una gita a Cogliate la Chiesa di San Damiano è davvero una tappa obbligata. All’interno di questo piccolo santuario potrai ammirare da vicino magnifiche e sorprendenti decorazioni, con affreschi del XV e del XVI secolo che ti lasceranno a bocca aperta. Ti piacerebbe saperne di più? Leggi il resto di questo post!

Il Santuario della Beata Vergine di San Damiano

Visitare a Cogliate la Chiesa di San Damiano ti offre l’occasione di scoprire un vero gioiello nascosto.

Conosciuto anche come Santuario della Beata Vergine Maria di San Damiano, questo edificio è impreziosito da interni splendidamente affrescati.

Cogliate, il Santuario di San Damiano
La facciata del Santuario di San Damiano: nella lunetta sopra la porta ci sono i resti, ormai pressoché invisibili, di un affresco che con tutta probabilità rappresentava la Pietà

La chiesa, con facciata a capanna e pianta rettangolare a una navata sola, si trova a pochi passi dai boschi del Parco delle Groane e della Brughiera Briantea, proprio al confine tra i paesi di Cogliate e Ceriano Laghetto.

Già dall’esterno, però, mostra tutto il proprio fascino, con la sua facciata in mattoni e sassi di stile tardo romanico e il suo campanile rinascimentale.

Il campanile del Santuario di San Damiano
Il campanile del santuario

Il santuario è il fulcro della Madona de Marz, festa popolare correlata alla ricorrenza religiosa dell’Annunciazione a Maria che si celebra il 25 marzo di ogni anno.

La storia della chiesa

La Chiesa di San Damiano di Cogliate ha origine da una cappella di piccole dimensioni di un monastero benedettino risalente al XII secolo.

La Chiesa della Beata Vergine di San Damiano
Una veduta frontale della Chiesa della Beata Vergine di San Damiano

Questo monastero di sicuro esisteva già nel 1184: a quell’anno, infatti, risale il primo documento che ne parla, relativo a una controversia fra la badessa – donna Ambrosia – e la popolazione locale. La badessa pretendeva che i cogliatesi versassero al monastero le decime di diversi prodotti agricoli (castagne, vino, legumi, noci, rape e lino) e si occupassero della salvaguardia dei suoi averi: la sentenza dei Consoli di Milano le diede ragione, così che i residenti del borgo si ritrovarono vincolati in un rapporto di dipendenza dal monastero di tipo feudale.

La cappella era dedicata ai Santi Cosma e Damiano, i fratelli cristiani conosciuti anche come santi medici (si occupavano di guarire gli ammalati gratuitamente) che morirono decapitati sotto l’impero di Diocleziano ed entrarono a far parte della prima generazione di martiri.

Nella seconda metà del Trecento, quella cappella venne trasformata nell’abside della chiesa attuale.

La chiesa, intitolata a sua volta ai Santi Cosma e Damiano, diventò parrocchiale. In seguito, la popolazione locale commissionò agli artisti delle botteghe dei maestri attivi nelle zone di Seveso e Saronno ricche decorazioni interne, arrivando al punto di indebitarsi.

L'interno del Santuario di San Damiano di Cogliate
L’interno del santuario oggi

Nel frattempo nel 1479 il monastero benedettino, che ospitava solo due monache, venne aggregato al monastero di Santa Maria in Valle di Milano.

Tra il XV e il XVI secolo nella chiesa furono realizzati gli affreschi di cui ti parlerò in maniera più approfondita tra poco: nel Quattrocento si dipinse la Crocifissione della parete absidale, mentre nel Cinquecento venne affrescata la Cappella della Madonna.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: la cappella di Maria
La Cappella della Beata Vergine

Nel 1540, Antonio Carcassola vendette a Bartolomeo Arese la zona feudale della pieve del Seveso, che comprendeva anche Cogliate (all’epoca chiamata San Dalmazio) e, quindi, la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano.

Tre anni più tardi, papa Paolo III decretò l’unione dei beni del monastero con quelli della chiesa parrocchiale.

[Sei curioso di conoscere altri luoghi nascosti della Brianza? Inizia a seguire la pagina Facebook di Viaggiare in Brianza, e ogni giorno troverai foto, storie curiose e consigli per le tue gite in Lombardia]

Il 10 ottobre del 1567 Leonetto Clivone giunse a Cogliate in visita pastorale in rappresentanza di Carlo Borromeo, vescovo della diocesi di Milano. Egli descrisse la chiesa come “bella” e dotata di “due cappelle e due altari dipinti”, “ben costruita, con campanile e campane”, “ricca di immagini sacre”.

Il Santuario di San Damiano a Cogliate
Il santuario oggi

Alla fine del XVI secolo, però, la chiesa perse il titolo parrocchiale.

Nel Seicento venne realizzata la Cappella della Sacra Famiglia, decorata a stucco nel secolo successivo.

Sacra Famiglia nella Chiesa di San Damiano
La Cappella della Sacra Famiglia

Nel 1832 l’artista De Micheli dipinse, ai lati dell’altare maggiore, le effigi di Sant’Antonio e San Sebastiano, che in seguito furono spostate: oggi si possono ammirare sulla controfacciata, sopra il portale di ingresso.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: gli affreschi

Ogni singolo affresco all’interno della Chiesa di San Damiano a Cogliate merita la tua attenzione sin dal primo passo che compirai all’interno dell’edificio.

Sulla destra è presente un frammento di affresco strappato che è stato riportato qui dal pilastro di destra della Cappella della Madonna, e che rappresenta San Giovanni Battista.

L'affresco di San Giovanni Battista
L’affresco con San Giovanni Battista

Dopodiché ti imbatterai nelle immagini di alcuni santi incorniciati, tutte risalenti all’ultimo quarto del Quattrocento:

  • San Lorenzo e Santo Stefano nella stessa cornice;
  • San Celso;
  • San Nazario;
  • i Santi Cosma e Damiano, le cui effigi sono parzialmente cancellate dalla porta che conduce alla sacrestia.
Cogliate, la Chiesa di San Damiano: interno
Da destra verso sinistra: San Lorenzo e Santo Stefano, San Nazario, San Celso, San Cosma, San Damiano e la Madonna in trono con Bambino

Sopra i Santi Cosma e Damiano è presente uno stemma nobiliare, che forse è da attribuire ai Castel San Pietro.

Lo stemma nobiliare dei Castelsanpietro
Lo stemma nobiliare sopra i Santi Cosma e Damiano

Accanto a loro c’è, invece, una Madonna in trono con Bambino.

Proseguendo, trovi la Cappella di San Giuseppe, che venne eretta nella seconda metà del Seicento e oggi è splendidamente decorata con immagini di putti e volute barocche.

La parete di fondo della cappella accoglie una tela con la rappresentazione della Sacra Famiglia, realizzata nel XVIII secolo: il quadro è incorniciato da un affresco con putti che sollevano le cortine di tessuto.

Santuario di San Damiano, la tela della Sacra Famiglia
La tela con la Sacra Famiglia e, ai lati, i putti affrescati

La parete di destra mostra un affresco seicentesco che raffigura Gesù adolescente intento a spiegare a Maria le Sacre Scritture sotto lo sguardo vigile di Giuseppe.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: l'affresco della Cappella della Sacra Famiglia
L’affresco con Gesù adolescente

Dopo la cappella, ecco altri affreschi del tardo XV secolo:

  • San Rocco, patrono degli emarginati e degli ammalati di peste, rappresentato come pellegrino mentre indica una ferita sulla gamba;
  • La Madonna con Bambino;
  • San Bartolomeo martire, che morì scuoiato vivo e che veniva invocato per proteggersi dalle malattie della pelle (forse questo affresco è dei primi anni del Cinquecento).

In mezzo, una nicchia per gli orcioli utilizzati per la liturgia.

San Rocco, la Madonna con Bambino e San Bartolomeo
Da destra verso sinistra: San Rocco, la Madonna con Bambino e San Bartolomeo

Sulla parete di fondo della chiesa ci sono i resti della raffigurazione di una Madonna con Santi, di cui uno è San Sebastiano, a destra, e frammenti di affreschi con uno stemma nobiliare a sinistra: sempre opere di fine Quattrocento.

Ai lati dell’arco ogivale del presbiterio sono presenti due medaglioni che – forse – ritraggono i Santi Cosma e Damiano.

Medaglione nella Chiesa di San Damiano
Uno dei due santi raffigurati nei medaglioni accanto all’arco ogivale

Sul timpano principale della navata, sopra l’arco, è rappresentato il tema dell’Annunciazione: un’opera di tardo Quattrocento, che purtroppo fu rovinata quando, qualche secolo dopo, venne fissato un soffitto a cassettoni (oggi non più esistente).

Cogliate, Chiesa di San Damiano: l'Annunciazione
L’Annunciazione sopra l’arco

Ora ti puoi concentrare sulla cappella del presbiterio, iniziando dalla Crocifissione della parete di fondo. In primo piano ecco Maria, ai piedi della croce, circondata dalle pie donne che tentano di consolarla.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: la Crocifissione
La Crocifissione nella cappella del presbiterio

Sulla parete di destra, accanto alla Madonna col Bambino ci sono Sant’Ambrogio e San Bernardo; sono visibili anche Lucio di Coira e San Damiano (o San Cosma).

Cogliate, la Chiesa di San Damiano: la Madonna con Bambino
Da destra verso sinistra: San Bernardo, la Madonna con Bambino, Sant’Ambrogio, San Lucio e San Damiano (o San Cosma)
San Damiano, San Lucio e Sant'Ambrogio
Da sinistra verso destra: San Damiano (o San Cosma), San Lucio e Sant’Ambrogio. San Lucio, patrono delle greggi e martire della Val Cavargna, è rappresentato con una forma di formaggio, che era il cibo che donava ai poveri

Sulla parete di sinistra, ecco San Cosma (o San Damiano), la Veronica, Maria Maddalena, la Vergine col Bambino e Santa Caterina d’Alessandria.

La Veronica e San Cosma
La Veronica e San Cosma (o San Damiano)
Santa Caterina, la Veronica, la Maddalena, la Madonna col Bambino
Da sinistra verso destra: Santa Caterina d’Alessandria, la Madonna con Bambino, la Maddalena e la Veronica con il panno su cui è impresso il volto di Cristo

La volta dell’altare rappresenta il Cristo Pantocratore e i simboli dei quattro Evangelisti lungo le pareti curve.

La mandorla con il Cristo Pantocratore
La mandorla con il Cristo Pantocratore. Nella mano sinistra ha un libro in cui si legge: Ego sum lux mondi et via verita
I simboli degli evangelisti Luca e Giovanni
I simboli degli evangelisti Luca e Giovanni: il bue (il vangelo di Luca comincia con un sacrificio a Dio di un bue da parte di Zaccaria, marito di Elisabetta) e l’aquila (il vangelo di Giovanni comincia con il Verbo di Dio che porta la luce, come l’aquila che pur fissando il sole non ne rimane accecata)
I simboli degli evangelisti Matteo e Marco
I simboli degli evangelisti Matteo e Marco: l’uomo alato (il Vangelo di Matteo comincia con la genealogia di Gesù e, dunque, con la sua storia umana) e il leone (il Vangelo di Marco comincia con la presentazione di San Giovanni Battista che predica nel deserto tra le bestie selvatiche)

Ora voltati indietro e guarda la controfacciata: in alto ci sono i dipinti (di cui ti ho parlato in precedenza) che rappresentano Sant’Antonio Abate e San Sebastiano e risalgono al 1832.

Sant'Antonio Abate e San Sebastiano
A sinistra San Sebastiano e a destra Sant’Antonio Abate

Sulla parete di sinistra della chiesa, dopo la porta che conduce al locale deposito in cui sono custoditi ex voto che in precedenza si trovavano nella Cappella di Maria, è posizionato un affresco strappato che venne rinvenuto nel presbiterio sotto l’affresco con la Crocifissione: non si vede molto, ma si può intuire una Crocifissione con Maria e un santo che non può essere identificato.

Cogliate, Santuario di San Damiano: la Crocifissione
Ciò che rimane dell’affresco con la Crocifissione

Accanto, c’è un riquadro che raffigura – forse – la Madonna di Loreto tra San Giovanni Battista e San Rocco, databile a metà del Cinquecento. Accanto, un’altra effigie di San Rocco.

La Madonna di Loreto tra San Giovanni Battista e San Rocco
La Madonna di Loreto tra San Giovanni Battista e San Rocco

Prima della Cappella di Maria, trovi a sinistra in alto l’Angelo annunciante.

L'Angelo Annunciante
L’Angelo Annunciante

A destra della cappella, simmetricamente, è presente l’Annunciata.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: l'Annunciata
L’Annunciata

Oltre la cappella, i Santi Cosma e Damiano, tra due archi dipinti, una Madonna con Bambino e San Rocco, risalenti tutti alla seconda metà del Quattrocento.

La parete sinistra della Chiesa di San Damiano
Da sinistra a destra: San Rocco, la Madonna con Bambino, i Santi Cosma e Damiano

Cogliate, Chiesa di San Damiano: la Cappella della Beata Vergine

La Cappella della Beata Vergine della Chiesa di San Damiano di Cogliate propone cinque affreschi con le Storie di Maria. In sequenza, ecco:

  • la scena della Visitazione sulla parete di sinistra;
  • l’Adorazione dei Magi e la Fuga in Egitto in centro;
  • la Deposizione sulla parete di destra.
La Visitazione nella Chiesa di San Damiano
La Visitazione (a sinistra, San Cosma)
Chiesa di Cogliate: i Re Magi
La visita dei Re Magi
Cogliate, Chiesa di San Damiano: la Natività
L’Adorazione dei Magi
Fuga in Egitto a San Damiano
La Fuga in Egitto
La Pietà nel Santuario di San Damiano
La Deposizione (a destra, San Damiano)

La cappella è quasi interamente di epoca cinquecentesca, eccezion fatta per il volto della Madonna e il Bambino al centro, che sono precedenti.

Ti consiglio di volgere lo sguardo anche verso l’alto per osservare la volta, definita da cinque vele decorate; ognuna di esse vanta significati simbolici che devono essere messi in relazione con quelli delle altre vele.

La prima vela

Partendo da sinistra, la prima vela mostra tre volti identici aureolati con la croce: è una rappresentazione della Trinità secondo un antico modello iconografico. Sotto ognuno dei tre volti c’è un calice, che richiama il Sacramento dell’Eucarestia.

La prima vela della cappella di San Damiano
La prima vela della volta

Accanto ai calici, ecco quattro libri, allusione ai Vangeli o, più in generale, alle Scritture. Più in basso, due angeli incensieri, con navetta e turibolo, circondano un ostensorio.

La seconda vela

La seconda vela mostra gli strumenti del martirio di Gesù, e quindi è un evidente richiamo alla passione di Cristo. In mezzo, spicca la colonna della flagellazione con i flagelli ai lati, mentre dietro è visibile la corona di spine. Si notano, poi, il bastone con la spugna che alleviò la sete di Gesù e la lancia con la quale venne trafitto il suo costato.

La seconda vela della Chiesa di San Damiano
La seconda vela della cappella

Davanti alla colonna, in primo piano, ecco il panno che la Veronica offrì a Gesù, per permettergli di pulirsi il viso, in occasione della salita al Calvario: si riconosce il volto impresso. Va detto, per altro, che questo episodio non è presente nei Vangeli; ha iniziato a diffondersi come leggenda a partire dal Quattrocento, forse per influsso delle rappresentazioni sacre.

Sopra la colonna puoi vedere, appollaiato, un gallo, simbolo della Risurrezione: Gesù annuncia una nuova alba per gli uomini proprio come il gallo attraverso il proprio canto annuncia un nuovo giorno.

Ai piedi del gallo ci sono due tube, vale a dire le trombe dei romani: è un richiamo al Giudizio Universale (dal Vangelo secondo Matteo: “Egli manderà i suoi angeli che con grande tromba raduneranno tutti i suoi eletti dai quattro venti”).

La terza vela

La terza vela, quella centrale, propone in basso – fra due angeli tubicini (cioè che suonano le trombe) – una raffigurazione dell’Agnello, che è un simbolo di Gesù.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: la terza vela
La terza vela della cappella

L’Agnello è accovacciato su un libro, che rappresenta le scritture, in cui si preannuncia la missione di Gesù. Nella Bibbia si narra che fu l’agnello sgozzato a salvare dall’angelo sterminatore i figli degli Ebrei, mentre i Vangeli riportano che Giovanni Battista definì Gesù come l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.

Nella parte in alto della vela è raffigurato un pellicano, che abbassa il becco sul petto per nutrire i propri figli estraendo i pesci che ha nella borsa sotto la gola. Si tratta di un’operazione che può causare la fuoriuscita di sangue, ed è per questo che in passato si è diffusa la leggenda secondo la quale il pellicano nutre i propri piccoli con il sangue lacerandosi, a questo scopo, il petto: una leggenda che ha favorito il parallelismo con Gesù che ha sacrificato sé stesso per l’umanità.

Tra l’Agnello e il pellicano ci sono i raggi a croce di una ruota immaginaria, che simboleggia il movimento ciclico dell’umanità e la sua dinamicità; non a caso ai lati sono raffigurati anche il sole e la luna, a indicare la ciclicità del tempo. Infine, all’apice della vela si nota una corona, richiamo alla maestà dei cieli.

La quarta vela

La quarta vela mostra i simboli della dignità ecclesiastica, e per questo può essere considerata come dedicata all’istituzione della Chiesa.

Cogliate, Santuario di San Damiano: la quarta vela
La quarta vela della cappella

Ecco, allora, la mitra, che in passato veniva indossata dagli abati, dai cardinali e dai vescovi, e il pastorale, utilizzato dagli abati e dai vescovi.

Il pastorale è in posizione centrale, mentre in basso sono presenti due angeli a cavallo di due delfini: uno ha in mano una brocca di vino, l’altro una brocca di acqua. Anche questi, sono simboli importanti nella ritualità cristiana, con riferimento rispettivamente all’Eucarestia – il vino – e al Battesimo – l’acqua -.

E i delfini? Come loro seguono la scia delle barche, Gesù segue la Chiesa e la accompagna.

La quinta vela

La quinta e ultima vela, infine, vede in posizione centrale un candelabro a tre bracci, dove in realtà quello centrale non è che un calice. Quindi il candelabro e il calice si sovrappongono: uno è simbolo di luce, e l’altro è simbolo dell’Eucarestia, e quindi di fede.

La quinta vela della cappella di San Damiano
La quinta vela della cappella

In alto è raffigurato un libro aperto, con riferimento ai Vangeli, mentre in basso ci sono due cavallucci marini cavalcati da due putti.

I cavallucci marini erano simboli già presenti nelle religioni pagane (per esempio il carro del dio Nettuno era trainato proprio da questi animali); inoltre, il pesce che inghiottiva Giona nelle rappresentazioni cristiane più antiche era proprio un ippocampo.

Cogliate, Chiesa di San Damiano: come arrivare

Per raggiungere a Cogliate la Chiesa di San Damiano devi andare in via Petrarca.

La Chiesa di San Damiano fra Cogliate e Ceriano Laghetto
La Chiesa di San Damiano

Se prevedi di arrivare a Cogliate in auto, puoi lasciare la macchina proprio in via Petrarca, accanto alla chiesa.

Preferisci arrivare a Cogliate in treno? Allora sappi che la stazione più vicina è quella di Ceriano Laghetto-Solaro. Uscito dalla stazione, segui la strada che curva a sinistra (via I Maggio) e vai sempre dritto fino a un incrocio che ti permette di andare solo a destra o a sinistra. Qui, gira a sinistra in via Mazzini e poi prendi la prima strada sulla destra, via Volta. Ora vai sempre dritto e, non appena troverai il cartello che segna il confine di Cogliate, vedrai la chiesa alla tua destra.

Nel caso in cui tu voglia arrivare a Cogliate in autobus, invece, puoi sfruttare le linee Z161 o Z163 e scendere alla fermata di via Volta 119 (angolo via Matteotti) a Ceriano Laghetto. Da qui, lasciati i numeri civici dispari alla tua destra e vai sempre dritto: via Petrarca è la prima strada che trovi alla tua destra.

Cogliate, la Chiesa di San Damiano
La facciata del santuario e, accanto, la torre campanaria

A Cogliate la Chiesa di San Damiano è aperta la domenica mattina (per la celebrazione della Messa settimanale), in occasione della festa della Madona de Marz e durante eventi come Ville Aperte.

Che cosa vedere a Cogliate

Dopo aver visitato a Cogliate la Chiesa di San Damiano, potresti concederti una passeggiata nel resto del paese, alla scoperta dei suoi monumenti o dei boschi del Parco delle Groane. Clicca sul post qui sotto se desideri sapere che cosa vedere a Cogliate e come arrivare.





Ti ringrazio per aver letto fino a qui, ma ora arriva la parte imbarazzante in cui ti chiedo di aiutarmi 🙂 Scherzi a parte, se pensi che questo sito meriti di rimanere in vita puoi sostenermi con una donazione, che utilizzerò per pagare le spese di gestione.

Ma puoi anche supportarmi iniziando a seguire Viaggiare in Brianza su Twitter e su Instagram!

Se invece desideri scrivermi, magari perché hai trovato in questo o in altri post delle informazioni non aggiornate o non corrette, puoi farlo cliccando qui sotto: cercherò di risponderti il prima possibile.

Infine vorrei segnalarti i siti web della Società Storica Saronnese e della Parrocchia di Cogliate, da cui ho attinto alcune delle informazioni presenti in questo post, che è stato possibile redigere anche grazie alle ricerche compiute da Marco Meneguzzo.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.