Home » Provincia di Monza » Triuggio » Il Santuario di Rancate: la Chiesa di Santa Maria Assunta a Triuggio
Il Santuario di Santa Maria Assunta a Rancate

Il Santuario di Rancate: la Chiesa di Santa Maria Assunta a Triuggio

Il Santuario di Rancate si trova in uno dei paesi più affascinanti dell’intera Brianza, Triuggio. Sorto nel Quattrocento, è una delle tappe del Cammino di Sant’Agostino e ospita meravigliosi affreschi di Andrea Appiani. Ma non mi dilungo oltre: nelle prossime righe troverai tutte le informazioni che ti servono per scoprire e visitare questa splendida chiesa.

La storia del Santuario di Rancate

Costruito nel XV secolo, il Santuario di Rancate ha origine dalla storia di un miracolo. Si racconta, infatti, che qui la Vergine sia apparsa a due fratellini impegnati a raccogliere fiori sulle rive del fiume Lambro. Uno di questi due bambini era sordomuto, e dopo l’apparizione riacquistò la parola e l’udito, così che potesse andare a raccontare ciò che era successo.

La Chiesa di Santa Maria Assunta a Rancate
La Chiesa di Santa Maria Assunta a Rancate

A ricordo del miracolo in quel luogo venne costruita una cappella, che ben presto si rivelò troppo piccola per accogliere i devoti che la frequentavano.

Così, grazie alle offerte dei fedeli e alle elemosine raccolte nei paesi dei dintorni, l’edificio fu ampliato, venendo concluso alla fine del XVI secolo: risale al 1599 il campanile realizzato da Felice Luganese.

[Se ami scoprire musei, monumenti, sentieri e paesaggi naturali della Brianza, perché non metti Like alla pagina Facebook di Viaggiare in Brianza?]

Denominata inizialmente Chiesa dei Santi Bernardino e Maria del Miracolo, nel 1606 venne eretta in Parrocchia come Chiesa di Santa Maria Assunta dal Cardinal Federico Borromeo.

Che cosa vedere nel Santuario di Rancate

La prima cosa che colpisce del Santuario di Rancate è che la facciata non è rivolta verso la strada, ma verso la parte opposta: e ciò verso le rive del Lambro, luogo dell’apparizione.

Il Santuario di Santa Maria Assunta a Rancate
La facciata del santuario

La facciata è a capanna, con una finestra ad arco centrale fiancheggiata da altre due sotto il timpano. Si può notare, inoltre, lo stemma della famiglia Biumi, con una torre.

L’interno del Santuario di Rancate è a tre navate, separate da colonne, con una volta a botte come copertura.

Al termine delle navate laterali, abbassate, ci sono due altari racchiusi da una balaustra con colonnine di marmo.

L’altare maggiore ospita un affresco della Vergine risalente al 1507, di cui non si conosce l’autore, che proviene dalla prima cappella.

La Madonna è rappresentata seduta su un trono addossato a un muro; in una mano tiene una rosa di campo, mentre con l’altra sorregge il Bambino in piedi sulle sue ginocchia.

L'altare con l'affresco della Vergine nel Santuario di Rancate
L’altare con l’affresco della Vergine

Ai lati dell’immagine della Madonna, racchiusa in marmi policromi, ci sono due statue in legno che raffigurano San Giovanni Apostolo e l’Addolorata.

Il presbiterio e il coro, invece, sono adornati da tele dei fratelli Campi tardocinquecentesche, che raffigurano i Cinque Misteri Gaudiosi del Rosario. Le tele del coro, tra una finestra e l’altra, raffigurano:

  • la Visitazione;
  • l’Annunciazione;
  • la Disputa di Gesù con i dottori.

Le due tele del presbiterio, più grandi, rappresentano:

  • la Natività;
  • la Presentazione di Gesù al tempio.
La Natività nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Triuggio
La tela della Natività
La presentazione di Gesù al tempio nel Santuario di Rancate
La presentazione di Gesù al tempio

Il catino dell’abside e la volta del presbiterio furono decorati nel 1618 da Bartolomeo Roverio.

La volta, invece, raffigura la Vergine Assunta in Cielo con Angeli.

La volta del presbiterio del Santuario di Rancate
La volta del presbiterio

Il catino dell’abside (semicircolare) è suddiviso in sei spicchi da fasce dorate. Sono rappresentati Cherubini che si librano in cielo (nella parte più ristretta degli spicchi) e che sovrastano Angeli Musicanti rivolti verso la Madonna. Le lunette alla base di cinque spicchi mostrano i Profeti che sorreggono lastre su cui sono riportate iscrizioni bibliche. Il sesto spicchio è quello sopra l’altare, e mostra due Angeli con una fascia che presenta la scritta Assumpta est Maria in coetum – Gaudent angeli. Proprio così: è scritto coetum e non coelum. Un errore dell’artista.

La volta della navata centrale accoglie pitture di Andrea Appiani, tre grandi ovali che rappresentano episodi biblici: Assuero che dichiara di sposare EsterGiuditta che mostra la testa decapitata di Oloferne agli israeliti e Giacobbe che incontra le sorelle Rachele e Lia.

Assuero che dichiara di sposare Ester
Assuero che dichiara di sposare Ester
Giuditta e Oloferne al Santuario di Rancate
Giuditta che mostra la testa decapitata di Oloferne agli israeliti
Giacobbe incontra le sorelle Rachele e Lia
Giacobbe incontra le sorelle Rachele e Lia

Si tratta di opere di un Appiani ancora inesperto (realizzate nel 1785, quando aveva poco più di 30 anni), come dimostra il fatto che i dipinti non guardano tutti dalla stessa parte: un altro “errore” artistico.

Tali affreschi sono decorati con stucchi di Giocondo Albertolli, artista svizzero che in seguito avrebbe collaborato proprio con Appiani alla decorazione della Villa Reale di Monza.

Sugli altari minori, infine, ci sono due tele: a destra una Vergine con i Santi del Seicento; a sinistra una Iniziazione della Vergine di Antonietta Bisi.

L'iniziazione della Vergine al Santuario di Rancate a Triuggio
L’iniziazione della Vergine di Antonietta Bisi

Come visitare il Santuario di Rancate

Per prenotare una visita guidata, o anche solo chiedere informazioni, è possibile contattare il numero 0362 970012.

Come arrivare al Santuario di Rancate

Il Santuario di Rancate si trova in via Serafino Biffi 4 a Triuggio.

Il Santuario di Rancate a Triuggio
Il Santuario di Rancate a Triuggio

Se hai in mente di arrivare al Santuario di Rancate in auto, puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via Appiani o di viale Susani.

Preferisci arrivare al Santuario di Rancate in treno? La stazione più vicina è quella di Triuggio-Ponte Albiate. Uscito dalla stazione, gira a destra in via Dante e prosegui fino al primo grande incrocio, dove svolterai a sinistra in via Rimembranze. Da qui segui la strada principale, e dopo aver superato il municipio gira a destra in piazza Boretti. Continua lungo questa strada, che dopo un paio di tornanti diventa via Serafino Biffi: troverai il santuario sulla tua sinistra.

Infine, volendo arrivare al Santuario di Rancate in autobus, puoi fare riferimento alla linea Z233 e scendere alla fermata Vittorio Veneto Municipio. Da qui, imbocca piazza Boretti e segui le indicazioni che ho scritto qui sopra.

Una visita al Santuario di Rancate potrebbe essere l’occasione per scoprire anche il resto di Triuggio. Per sapere che cosa vedere in paese (e anche dove mangiare), dai un’occhiata ai consigli che trovi qui sotto.






Un sito come questo, senza pubblicità, ha bisogno anche del sostegno dei lettori: se ti va di aiutarmi, hai la possibilità di farlo con una piccola donazione.

Ti piacerebbe scrivermi per propormi una collaborazione, farmi notare un errore, chiedermi di eliminare una foto o darmi un consiglio? Clicca qui sotto!

Un’ultima cosa: ho scritto questo contenuto avvalendomi di diverse fonti, ma se ritieni doverosa una citazione specifica non hai che da segnalarmelo, e la inserirò immediatamente.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *