Home » Provincia di Monza » Seregno » Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno
La Madonna dei Vignoli a Seregno

Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno

Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno è una delle chiese storiche della città: ecco perché merita per forza una visita! Nelle prossime righe troverai tutte le indicazioni che ti servono se desideri visitare il santuario: scoprirai dove si trova, come raggiungerlo e soprattutto perché vale la pena di ammirare i suoi splendidi affreschi.

La storia del Santuario della Madonna dei Vignoli

Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno, più noto semplicemente come Chiesetta dei Vignoli, risale alla seconda metà dell’Ottocento.

Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno
Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno

Fino al 1858, nel punto in cui sorge oggi il santuario c’era – sul muro di cinta di un giardino – un’immagine della Beata Vergine del Rosario venerata dalla popolazione locale.

Cosa successe nel 1858? Semplicemente, gli abitanti del posto decisero di erigere un oratorio intitolato alla Vergine in segno di ringraziamento per essere scampati al morbo del colera che nel 1855 in altre zone di Seregno aveva causato numerosi morti.

[Prima di continuare la lettura, perché non fai un salto su Facebook e inizi a seguire la pagina di Viaggiare in Brianza?]

Già nel 1859 l’oratorio era pronto: largo 3 metri e mezzo e lungo 8, si trovava in un terreno di proprietà dei coniugi Barbarina e Pietro Colli, che avevano concesso il permesso di costruire senza chiedere nulla in cambio.

Proprio i Colli diedero al pittore Luigi Maria Sabatelli (figlio del celebre Luigi Sabatelli) l’incarico di dipingere la Beata Vergine della Vigna che ancora oggi si trova sull’altare maggiore.

L'altare maggiore del Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno
L’altare maggiore del santuario con il dipinto della Beata Vergine della Vigna

Negli anni successivi, l’edificio venne decorato a ornati dal pittore Antonio Martinoli.

Le decorazioni del Santuario dei Vignoli di Seregno
Le decorazioni della volta

Nel 1875 i fedeli avviarono gli interventi che avrebbero dovuto trasformare la cappella in una chiesa; tuttavia la costruzione crollò.

Si resero necessari, così, altri lavori. Nel maggio del 1876 venne posata la prima pietra del nuovo edificio, destinato a diventare una chiesa vera e propria, in presenza del patriarca Paolo Angelo Ballerini: questi era stato nominato arcivescovo di Milano da papa Pio IX ma non aveva mai potuto insediarsi per ragioni politiche, e aveva trovato rifugio a Seregno. Lo stesso Ballerini finanziò l’opera prima con 100 lire, e poi con altro denaro negli anni successivi.

Dopo la realizzazione del campanile, i lavori si conclusero nel 1892.

Il Santuario dei Vignoli di Seregno
La facciata del santuario

Era pronta, così, la Chiesa dei Vignoli. Ah, se te lo stai chiedendo, il suo nome deriva dal fatto che in questa zona un tempo erano presenti dei vigneti. Come è cambiata Seregno da allora!

Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno: le opere d’arte

Entrando nel Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno, non potrai che restare stupito dalla bellezza dei tre grandi dipinti che lo decorano.

Si pensa che tutte e tre le composizioni siano state realizzate da Luigi Maria Sabatelli.

La Beata Vergine della Vigna

L’affresco della Beata Vergine della Vigna, nota anche come Madonna del Vigneto, domina l’altare maggiore e raffigura il tema votivo del santuario mariano. Come ti ho accennato, il dipinto con tutta probabilità decorava la facciata della costruzione precedente.

Si può ipotizzare che per il viso della Vergine Sabatelli abbia tratto ispirazione da una donna del posto. Sulle ginocchia della Madonna – che mantiene uno sguardo assorto – è presente Gesù Bambino, con sguardo quasi birichino e un grappolo di uva nera in mano.

La Madonna dei Vignoli a Seregno
La Madonna del Vigneto

Sullo sfondo, una vasta campagna è illuminata da un cielo azzurro.

La Madonna del Rosario

La Madonna del Rosario fu affrescata nel 1874, probabilmente da Luigi Maria Sabatelli (anche se non esistono documenti ufficiali che lo certifichino); un’altra ipotesi è che sia stata realizzata da suo fratello Gaetano.

Il dipinto rappresenta l’apparizione della Madonna del Rosario a San Domenico sul sagrato di un tempio.

La Madonna del Rosario nel Santuario della Madonna dei Vignoli a Seregno
L’affresco della Madonna del Rosario

La Vergine è seduta in trono, con in braccio Gesù Bambino; ai suoi piedi è inginocchiato San Domenico, a cui viene porta la corona del Rosario. Tra nubi candide fanno capolino degli angeli.

In primo piano, in basso a destra, è visibile un cane con in bocca una candela. Si ipotizza che simbolizzi la sottomissione degli albigesi alla dottrina cattolica romana avvenuta dopo la predicazione di San Domenico.

La composizione è impreziosita da una cornice composta da quindici bozzetti che raffigurano i Misteri del Rosario.

I Misteri del Rosario del Santuario dei Vignoli
Un dettaglio dei bozzetti con i Misteri del Rosario

La Madonna di Caravaggio

La Madonna di Caravaggio fu affrescata nel 1882.

Il dipinto raffigura la scena dell’apparizione della Vergine alla contadina Giannetta de’ Vacchi, che secondo la tradizione cattolica si sarebbe verificata nelle campagne di Caravaggio il 26 maggio del 1432.

Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno, la Madonna di Caravaggio
Il dipinto della Madonna di Caravaggio

Si riconosce anche il rigagnolo d’acqua della sorgente miracolosa: una fonte d’acqua che non era mai esistita in precedenza e che aveva cominciato a sgorgare accanto a Giannetta proprio nel punto in cui era rimasta l’impronta dei piedi della Madonna.

La scena è incorniciata da colonne possenti e da un arco a cassettoni. In un angolo è presente la firma di Sabatelli.

I bassorilievi in cotto

Negli anni ’70 del Novecento quattro scultori hanno realizzato altrettanti bassorilievi in cotto che sono stati appesi alle pareti del santuario:

L'Assunzione della Vergine di Santo Caslini nel Santuario dei Vignoli di Seregno
L’Assunzione della Vergine di Santo Caslini. Caslini, originario di Carate Brianza, a Seregno ha realizzato anche la scultura Putti che giocano in piazza Roma e la Pietà laica per il Monumento ai Caduti del quartiere San Carlo
Maria Immacolata di Alberto Ceppi nel Santuario dei Vignoli
Maria Immacolata di Alberto Ceppi. Nativo di Meda, Ceppi a Seregno ha realizzato – tra l’altro – il bronzo del Cristo Deposto della Basilica di San Giuseppe e i bronzi della cattedra, dell’altare e dell’ambone (con le rappresentazioni della Pentecoste, di Emmaus e di Gesù Maestro) del Santuario di Santa Valeria
Il bassorilievo di Giancarlo Fontana nel Santuario della Madonna dei Vignoli a Seregno
L’Annunciazione di Giancarlo Fontana: la Vergine è immortalata nel momento del suo concepimento divino, con l’Angelo e la colomba. Fontana, artista di Lentate sul Seveso, a Seregno ha realizzato anche la Via Crucis della Chiesa di Sant’Ambrogio
Maria Madre della Chiesa nel Santuario dei Vignoli a Seregno
Maria Madre della Chiesa, bassorilievo di Mario Leveni: la Vergine protegge i fedeli che affollano le chiese. Leveni, nato nel 1917 a Seregno e morto nel 2011 a Novi Ligure, ha avuto come maestro lo scultore Alfredo Sassi. Durante la Seconda Guerra Mondiale giunse in Piemonte per scappare ai rastrellamenti nazifascisti, e qui decise di restare a vivere. È autore, tra l’altro, dei busti di Fausto Coppi e Costante Girardengo del Museo dei Campionissimi di Novi Ligure

La chiesa ospita, inoltre, una Via Crucis in terracotta creata da Maria Adele Grassi.

Vignoli di Seregno, la Via Crucis di Maria Adele Grassi
Una delle stazioni (VIII) della Via Crucis di Maria Adele Grassi: Gesù incontra le donne di Gerusalemme che piangono su di lui

Come arrivare al Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno

Il Santuario della Madonna dei Vignoli si trova in via Vignoli, all’incrocio con via Antonio Perego, a Seregno.

Il Santuario della Madonna dei Vignoli a Seregno: le decorazioni
Un altro dettaglio delle decorazioni del santuario

Se hai intenzione di arrivare a Seregno in auto, puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via Cesare Formenti o di via Vignoli.

Preferisci arrivare a Seregno in treno? Uscito dalla stazione, vai dritto in viale Mazzini; al semaforo, oltrepassa lo spartitraffico e poi vai a destra in via Stefano da Seregno. Vai dritto e al primo semaforo gira a sinistra in corso Matteotti: da qui prosegui e dopo circa 600 metri troverai via Vignoli sulla tua sinistra.

Infine, volendo arrivare a Seregno in autobus puoi fare riferimento alla linea Z115 e scendere alla fermata di corso Matteotti 130. Da qui, procedi lungo corso Matteotti tenendo i civici dispari alla tua destra: la prima strada che troverai sulla destra è via Vignoli, che ti porta verso il santuario.

Che cosa vedere a Seregno

Il Santuario della Madonna dei Vignoli è una delle tante tappe da non perdere durante una passeggiata nel centro cittadino. Vuoi sapere quali sono le altre location che meritano di essere scoperte? Leggi il post qui sotto, che ti svela che cosa vedere a Seregno (ma anche dove puoi fermarti a mangiare).






Spero che questo post ti abbia permesso di scoprire qualcosa che non conoscevi! Come vedi, questo sito e tutti i suoi contenuti sono gratuiti, ma se pensi che il mio lavoro meriti una ricompensa puoi farlo con una donazione: scegli tu l’importo che preferisci!

Cliccando qui sotto, invece, hai la possibilità di scrivermi. Contattami se vuoi:

  • segnalarmi un errore che hai trovato su Viaggiare in Brianza;
  • regalarmi consigli o suggerimenti;
  • far conoscere il tuo ristorante o la tua attività sul sito.

Ti risponderò appena possibile!

Infine, mi sembra giusto segnalarti che per la stesura di questo post ho consultato il volume Il Santuario della Madonna dei Vignoli (testi di Stanislao Brivio, Annamaria Conti, Rosanna Dell’Orto, Luigi Losa e Nino Malerba): ti consiglio di leggerlo, se ne hai la possibilità!

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

2 commenti su “Il Santuario della Madonna dei Vignoli di Seregno”

  1. Renzo Brumana

    Tutti gli articoli turistici (per gli appassionati) portano a conoscenza bellezze nuove. Un neo generale è la mancanza di informazioni riguardo la possibilità di visita, in primis gli orari di apertura degli stessi.

    1. Simone - Viaggiare in Brianza

      Buongiorno Renzo, grazie per il commento! Solitamente il Santuario della Madonna dei Vignoli è aperto e può essere visitato al mattino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.