Home » Brianza comasca » Carimate » Il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate
Carimate, il Santuario della Madonna dell'Albero

Il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate

Nel post che stai per leggere potrai scoprire e ammirare tutti gli antichi affreschi che decorano il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate. Non ne hai mai sentito parlare? No problem: questa è l’occasione giusta per conoscere una chiesa dalla storia lunga e interessante, ma anche per visitare tutte le altre splendide location del paese.

Il santuario

La tradizione vuole che il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate sia stato costruito per volere della popolazione locale dopo un avvenimento miracoloso: l’apparizione della Vergine ad alcuni bambini e contadini.

L'affresco della Madonna dell'Albero di Carimate
L’affresco della Madonna dell’Albero

Nell’occasione, la Madonna avrebbe annunciato la conclusione della carestia che stava colpendo il territorio in quel periodo. Quale periodo, però, non si sa: non è noto, infatti, l’anno di quell’apparizione.

[Hai già iniziato a seguire la pagina Facebook di Viaggiare in Brianza? Ogni giorno ti propone nuovi posti da conoscere, consigli per le tue passeggiate e suggerimenti sui migliori ristoranti in Brianza!]

Quel che è certo è che il santuario è molto antico, come testimonia l’iscrizione presente sulla facciata che recita Philipus Tagliabobus fecit fieri hoc sacellum nomine comunitatis – 1517.

La facciata del Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
La facciata del Santuario della Madonna dell’Albero

L’edificio, infatti, venne consacrato il 5 giugno del 1517. Tuttavia alcune indagini stratigrafiche effettuate negli scorsi anni hanno permesso di scoprire un ciclo di affreschi, che raffigura alcuni santi e la Crocifissione, che risale addirittura al XIV secolo.

Gli affreschi medievali del Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
La Crocifissione trecentesca

Il ciclo pittorico trecentesco si trova nelle cappelle laterali, dove sono presenti anche graffiti attribuiti all’epoca medievale. Questo vuol dire che l’impianto della chiesa è di almeno 7 secoli fa.

Gli affreschi del Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate

Il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate è caratterizzato da una navata centrale, che termina con una cappella maggiore quadrangolare, con ai lati due cappelle semicircolari.

Molto particolare è la sequenza delle coperture:

  • volta a crociera sulla cappella maggiore;
  • volta a ombrello all’incrocio tra la navata e le cappelle laterali;
  • volta a botte con unghie sulla navata.

La volta a ombrello propone le immagini dei quattro Evangelisti (Matteo, Marco, Luca e Giovanni) e dei quattro Dottori della Chiesa (Agostino, Gregorio, Girolamo e Ambrogio).

La volta a ombrello del Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
La volta a ombrello del santuario

Le vele della crociera, invece, rappresentano la Trinità con varie figure di angeli.

La volta a crociera del Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
La volta a crociera del santuario

L’apparizione della Madonna dell’Albero è raffigurata nell’affresco dell’abside: la Vergine è assisa su un castagno e tiene in braccio il Bambino. In basso a destra si può notare la rappresentazione del Castello di Carimate, situato a poche decine di metri dal santuario.

L'affresco del Santuario della Madonna dell'Albero
Un’altra prospettiva dell’affresco della Madonna dell’Albero

La cappella di sinistra propone un affresco di Sant’Antonio Abate.

Sant'Antonio Abate nel Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
Sant’Antonio Abate

Un dipinto di Sant’Antonio Abate è presente anche nella cappella di destra, che accoglie – inoltre – un affresco della Deposizione attribuito alla scuola di Bernardino Luini.

Il Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate, Sant'Antonio Abate
Sant’Antonio Abate

Un’iscrizione ricorda la data in cui le decorazioni furono realizzate (il 1576) e il committente, il patrizio milanese Bernardo Pecchio.

Carimate, il Santuario della Madonna dell'Albero: la Deposizione
La Deposizione

Nel santuario sono deposti i resti di Annibale Visconti: costui fu uno dei proprietari del Castello di Carimate, ed era devoto alla Madonna dell’Albero al punto da averne istituito la celebrazione in corrispondenza della Natività della Vergine.

La tomba di Annibale Visconti nel Santuario della Madonna dell'Albero di Carimate
La tomba di Annibale Visconti

Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate: come arrivare

Il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate si trova in via Arnaboldi, di fianco al civico 7.

Carimate, il Santuario della Madonna dell'Albero
L’interno del santuario

Se hai in programma di arrivare a Carimate in auto, puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via per Subinago.

Preferisci arrivare a Carimate in treno? Uscito dalla stazione, imbocca il viale di fronte a te (via alla Stazione) e alla rotonda gira a destra in via del Seveso. Quindi prendi la seconda strada sulla sinistra, via Giovanni XXIII: da qui vai sempre dritto seguendo la strada; lasciato il castello alla tua destra, dopo poche decine di metri troverai il santuario alla tua sinistra.

Infine, qualora tu abbia in mente di arrivare a Carimate in autobus puoi fare riferimento alla linea C82 e scendere alla fermata di via Arnaboldi 3, che si trova proprio a pochi passi dal santuario.

Che cosa vedere a Carimate

Se hai deciso di visitare il Santuario della Madonna dell’Albero di Carimate, puoi approfittarne per scoprire anche il resto del paese. Non sai che cosa vedere a Carimate? Rimediamo subito: nel post qui sotto trovi tutti i suggerimenti e le indicazioni utili per una passeggiata tra le vie del paese e lungo i sentieri del Parco della Brughiera Briantea.






Grazie per aver letto fino a qui! Spero che tu abbia trovato consigli preziosi e informazioni interessanti. Se ti va, puoi ripagare il mio impegno e sostenere il mio lavoro con una donazione: decidi tu la cifra, apprezzerò comunque il gesto 🙂

Vuoi scrivermi per segnalarmi un errore tra i contenuti di Viaggiare in Brianza o semplicemente per propormi una collaborazione? Per contattarmi ti basta cliccare qui sotto.

Un’ultima cosa: se sei interessato a conoscere più da vicino i luoghi religiosi di Carimate, puoi leggere il volume Le chiese di Carimate (scritto da Piera Pappalardo), che si è rivelato una preziosa fonte di informazioni per la stesura di questo post.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.