Home » Provincia di Monza » Biassono » Biassono, il Museo Civico Carlo Verri
Il frantoio del museo civico di Biassono

Biassono, il Museo Civico Carlo Verri

Entrando a Biassono nel Museo Civico Carlo Verri ti sembrerà di essere catapultato in un’altra epoca: anzi, in mille altre epoche, perché quello che ti aspetta è un viaggio nel tempo che parte da migliaia di anni fa arrivando al XX secolo. Vorresti saperne di più? Leggi il resto di questo post e scoprirai tutto!

Biassono, Museo Civico Carlo Verri: che cos’è

Il Museo Civico Carlo Verri di Biassono è un museo fondato nel 1977 su iniziativa del Gruppo di Ricerche Archeostoriche del Lambro, in seguito a importanti ritrovamenti archeologici avvenuti nella zona.

Il museo civico Carlo Verri
La targa all’ingresso del museo civico

Al suo interno ti attendono collezioni numismatiche, archeologiche, preistoriche ed etnografiche. Così, avrai la possibilità di vedere da vicino:

  • attrezzi agricoli;
  • costumi tradizionali locali;
  • oggetti di cultura popolare;
  • monete di epoca romana;
  • reperti dell’antico Egitto;
  • e molto, molto altro ancora.

Il tutto accompagnato da pannelli didattici che ti spiegano in maniera chiara e approfondita ogni dettaglio di quel che stai vedendo.

L'ingresso del museo civico Carlo Verri
L’ingresso del museo

Sei pronto a entrare nel museo con me?

Museo di Biassono: gli spazi all’aperto

Il museo è allestito nel cortile e nei locali dell’antica Cascina Cossa, una cascina rurale del Quattrocento trasformata, in seguito, nell’abitazione del fattore dei Conti Verri.

Cascina Cossa a Biassono
Cascina Cossa

Davanti all’ingresso del museo è collocato un frantoio per l’estrazione di olio da semi di lino e di ravizzone, di epoca sette-ottocentesca. Il frantoio, realizzato con macine in ceppo della valle del Lambro e denti in legno di robinia, in origine era mosso dall’energia idraulica ricavata dalle acque del Lambro.

Il frantoio del museo civico di Biassono
Il frantoio davanti all’ingresso del museo

Superato l’arco di ingresso, ti trovi nel cortile del museo. Alla tua destra, la riproduzione di un angolo di osteria del passato: La Taberna De la Cazia.

Biassono, museo civico: il cortile
Uno scorcio del cortile del museo

Devi sapere, infatti, che proprio i locali di Cascina Cossa nel Quattrocento accoglievano un hospitium, un ostello collocato lungo la strada che univa Milano con Monza: si chiamava, appunto, Taberna de la Cazia, cioè Taverna della Caccia. La struttura comprendeva, oltre alle camere, un forno, un pozzo, una corte e una cantina sotterranea.

Biassono, museo civico: la Taverna della Caccia
La ricostruzione della Taberna de la Cazia

Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1737 furono i Verri a entrare in possesso dell’osteria, che all’epoca era formata da una bottega con cucina, un forno, una corte con “portighetto” e una cantina. Si pensa che l’attività sia proseguita fino ai primi anni del XX secolo, quando le proprietà Verri vennero alienate.

La Taberna de la Cazia a Biassono
La Taberna de la Cazia

Molto interessante è il pannello dedicato all’attività venatoria che si svolgeva a Biassono nei secoli passati. I grandi proprietari terrieri e i nobili si dedicavano alla caccia non solo per esigenze alimentari, ma anche per svago personale; i popolani e i contadini, si concentravano soprattutto su uccelli di piccola taglia o comunque animali non troppo grandi, visto che non disponevano di attrezzature specifiche o armi.

Lo stemma della famiglia Verri
Lo stemma della famiglia Verri nel cortile del museo

Nel cortile è esposta la Collezione Graziano Sbragion, una serie di strumenti di lavoro moderni e antichi donati da Graziano Sbragion e dalla moglie Maria Taibi.

Biassono, museo civico: la collezione Graziano Sbragion
Una parte della collezione Graziano Sbragion

Puoi osservare, inoltre, diversi frammenti archeologici ed elementi lapidei.

I frammenti archeologici nel cortile del museo di Biassono
Alcuni dei frammenti archeologici nel cortile del museo

La tua attenzione sarà colpita anche da alcune bottiglie di Sgurbatel, vino che viene prodotto proprio a Biassono. Si tratta di un vino non destinato alla vendita, ma che viene realizzato a partire dal 2014 (le prime piantine sono state messe a dimora nel 2011) su iniziativa dell’amministrazione comunale, a cura del Gruppo Ricerche Archeostoriche del Lambro e dell’Associazione Fiera di San Martino, al fine di perpetuare la tradizione della viticoltura locale.

Il cortile di Cascina Cossa a Biassono
Le bottiglie di Sgurbatel nel cortile di Cascina Cossa

Lo Sgurbatel è un rosso o rosato di 11 gradi; i 5 filari del vigneto si trovano nei pressi di via Madonna delle Nevi a Biassono. Ah, se te lo stai chiedendo, il nome del vino deriva da Sgurbat (“corvo”), soprannome con cui sono conosciuti i biassonesi.

Lo Sgurbatel di Biassono
Le bottiglie di Sgurbatel

Museo di Biassono: la sezione etnografica

A questo punto puoi entrare nei locali interni del museo civico di Biassono.

Alla tua destra, noterai alcune armi risalenti alle Cinque Giornate di Milano del 1848:

  • sciabole sabaude;
  • sciabole da ufficiale di fanteria austriaca;
  • un archibugio da caccia;
  • fucili militari ad avancarica con baionetta e bacchetta di carica.
Le armi delle 5 giornate di Milano
Le armi delle 5 giornate di Milano

Davanti a te, invece, vedi una riproduzione di un tipico costume brianzolo femminile. Accanto, sono esposte due sperade in vero argento, ornamento caratteristico delle donne lombarde.

Il costume lombardo da donna
Il tipico costume lombardo per le donne

I genitori regalavano il primo spillone della sperada alla figlia diventata signorina. A quel punto la ragazza era già in età da marito; una volta trovato un fidanzato, riceveva da lui gli spadit o spazzaorecc, degli spilloni. Il loro numero dipendeva dall’età della ragazza: se aveva 17 anni, per esempio, otteneva 17 spadine, sempre che il pretendente avesse la disponibilità economica per acquistarle. Dopodiché, ad ogni anniversario di matrimonio o compleanno si aggiungeva una spadina, fino a un massimo di 47. Se una ragazza era sposata, al centro della raggiera c’era una spadina traforata; se era ancora promessa sposa, la spadina non c’era.

La sperada in argento
La sperada in argento

Il lavoro nei campi

Andando a sinistra, dopo aver attraversato uno spazio allestito per le esposizioni temporanee puoi entrare nella sala dedicata al lavoro nei campi.

Attrezzi agricoli nel museo di Biassono
La sala dedicata al lavoro nei campi

Di fronte a te, una grande incubatrice di bachi da seta usata in passato dalla famiglia Mellerio (gli antichi proprietari di Villa Mellerio a Gerno di Lesmo).

L'incubatrice di bachi da seta nel museo di Biassono
L’incubatrice di bachi da seta

Aprendola, trovi nella parte superiore le cassettine, separate le une dalle altre da un telaio di listarelle, con riportati i nomi delle famiglie affittuarie che ricevevano le uova dei bachi da seta destinate all’allevamento.

Biassono, museo civico: l'incubatrice dei bachi da seta
L’interno dell’incubatrice

La parte inferiore, invece, era quella che accoglieva la lampada a spirito da cui proveniva il calore; isolata con uno strato di ovatta, conteneva acqua calda nell’intercapedine delle pareti.

I cassetti di un'incubatrice di bachi da seta
I cassetti con i cognomi delle famiglie affittuarie

In questo locale puoi osservare, tra l’altro, un tagliafoglie, strumento che veniva usato per triturare le foglie del gelso destinate al nutrimento dei bachi da seta. il movimento della lama di taglio azionava in maniera automatica il meccanismo di avanzamento delle foglie.

Museo di Biassono Carlo Verri, il tagliafoglie
Il tagliafoglie

Ecco, poi, una seminatrice per grano

La seminatrice per grano
La seminatrice per grano

… e una selezionatrice per cereali. Grazie a questa macchina era possibile usufruire per il raccolto dei migliori chicchi: cioè di quelli più grossi, e quindi più pesanti. Si trattava di uno strumento che costava molto, e per questo appannaggio unicamente di consorzi e grandi proprietari terrieri. I contadini semplici, invece, non potevano fare altro che selezionare i semi a mano; questo però comportava una minore precisione perché, inevitabilmente, tra i semi rimanevano molte impurità.

La selezionatrice per cereali
La selezionatrice per cereali

La sgraviscia, o sfregasc, era – invece – una sorta di erpice formata con rami intrecciati che serviva per diserbare, per spianare o per interrare le sementi.

Museo Carlo Verri, la sgraviscia
La sgraviscia

Hai l’opportunità di vedere da vicino anche Giorgia, una sgranatrice per il mais formata da uno scivolo che faceva scendere le pannocchie nel punto in cui due dischi in ghisa dentati controrotanti, spinti tramite una manovella, sgranavano i chicchi. Questi, per effetto della forza centrifuga, venivano lanciati in direzione di un condotto di raccolta, mentre i tutoli fuoriuscivano dalla parte inferiore.

La sgranatrice per il mais Giorgia
La sgranatrice per il mais Giorgia

Non manca, poi, una sgranatrice manuale per granoturco.

La sgranatrice manuale per granoturco
La sgranatrice manuale per granoturco

Un altro “gigante” della sala è il ventilabro, necessario per pulire i grani trebbiati. Il ventilatore di questo macchinario produceva una corrente d’aria in cui venivano sparsi i grani. Così, era possibile separare i grani più leggeri e quelli più pesanti, oltre a polvere, pula e sassolini. La polvere, in particolare, era pericolosa perché agevolava la comparsa di muffe, e quindi metteva a repentaglio la conservazione delle sementi.

Biassono, museo civico: il ventilabro
Il ventilabro

Ul stee era lo staio, che serviva a misurare le granaglie: uno staio era pari a 18.25 litri. Si tratta di un recipiente di forma cilindrica realizzato in ferro o in legno. Dal fondo, in mezzo, parte un ago, cioè un’asta di ferro che si incrocia con la maniglia, una barra orizzontale a sua volta in ferro che permetteva di colmare lo staio in maniera perfetta, con la giusta rasatura.

Museo di Biassono, lo staio
Lo staio

Artigianato e antichi mestieri

La sala successiva della sezione etnografica ti propone un salto all’indietro nel tempo fra artigianato e mestieri di una volta.

La ricostruzione della bottega artigiana comprende, fra l’altro:

  • punte;
  • scalpelli;
  • tenaglie;
  • pinze;
  • martelli;
  • incudini.
Biassono, museo civico: gli arnesi da fabbro
La ricostruzione della bottega artigiana

Interessante anche l’angolo con il bancone da falegname, di cui sono visibili i principali attrezzi di lavoro:

  • pialle;
  • seghe;
  • cacciaviti;
  • raspe;
  • lime;
  • martelli;
  • scalpelli.
Biassono, il museo Carlo Verri: gli strumenti da falegname
Il bancone e gli strumenti da falegname

Non perdere, poi, i diversi arnesi usati dai ciabattini di una volta: oltre al deschetto, ecco l’incudine in ferro sagomato che si usava per battere le tomaie e le suole, ma anche i trincetti destinati al taglio del cuoio. E poi, ancora, tacchi, forbici, aghi e pinze.

Attrezzi da calzolaio nel museo civico di Biassono
Gli strumenti dei ciabattini

Infine, ecco gli strumenti del sarto: anche in questo caso forbici e aghi, insieme con ferri da stiro di varie dimensioni e la macchina da cucire.

Attrezzi da fabbro nel museo di Biassono
Gli strumenti del sarto

La camera da letto e la cucina

Dopo tanto lavoro, è tempo del meritato riposo! Entri, così, in una tipica camera da letto di una volta: la camera di una famiglia benestante, come puoi intuire dalla ricchezza del suo mobilio.

Biassono, museo civico: la camera da letto
La riproduzione di un’antica camera da letto

Nelle case contadine, la camera da letto era importante quasi quanto la cucina. In genere, si trovava al piano superiore, proprio sopra la cucina, in modo da esserne riscaldata indirettamente. Genitori e figli dormivano tutti nella stessa camera. L’imbottitura dei materassi poteva essere formata da piume, lana o foglie di granoturco, mentre le lenzuola erano di linone o canapa. Sotto il letto, spesso, si conservavano patate e mele, così che la camera fungeva anche da dispensa. Accanto, il comodino ospitava tutti i medicinali di uso comune: clisteri, magnesia bisurata, olio di ricino e chinino.

Camera da letto nel museo di Biassono
Il letto, i comodini e la culla

Qui si trovava anche la dote, cioè quel che la famiglia della sposa dava, con il matrimonio, allo sposo.

Nell’angolo bagno, puoi osservare il semicupio, che serviva per fare il bagno ed era formato da una lamiera di zinco saldata a stagno. C’è anche la comoda, cioè una sedia dotata di apertura nella parte superiore che fungeva da toilette.

Il semicupio nel museo Carlo Verri di Biassono
Il semicupio e, dietro, la comoda

Infine, è il momento della cucina, piena di dettagli che ti stupiranno. Si tratta di una riproduzione che mette insieme oggetti e ricordi di epoche diverse, dalla fine dell’Ottocento alla prima metà del Novecento.

Biassono, museo civico: la cucina
La riproduzione di un’antica cucina

Devi sapere che nelle case di una volta non esisteva il soggiorno, ed era attorno al focolare della cucina che la famiglia si riuniva.

Il focolare di un'antica cucina
Il focolare dell’antica cucina

Fissata a una parete, ecco la muschirola, destinata alla conservazione degli alimenti deperibili, con una rete a trama fitta per impedire il passaggio degli insetti.

La muschirola al museo di Biassono
La muschirola

Imperdibile il pannello dedicato alle ricette di una volta: pane e vino, ul pumià (zuppa con pane ammollato nel latte o nel brodo), la rüssümada e il sugo con carne di corvo.

La ricetta del sugo di corvo
Vuoi conoscere la ricetta del sugo con carne di corvo? Eccola: in una casseruola fai soffriggere nel burro sedano, carota, cipolla e lardo, aggiungendo poi ritagli di carne di gallina, di pollo, di vitello e di corvo; fai cuocere a fuoco lento e bagna con brodo di manzo, rabboccando se necessario

In un angolo, ecco un’antica ghiacciaia, ben isolata, che veniva usata per la conservazione del ghiaccio per tutto l’inverno.

Museo di Biassono, la ghiacciaia
La ghiacciaia

Al suo fianco, una zangola per la preparazione del burro.

La zangola per il burro
La zangola per il burro

Superata la cucina, scoprirai la sala che accoglie l’orologio meccanico che un tempo si trovava sulla torre comunale di Biassono e una macchina fotografica monumentale.

Il meccanismo dell'orologio della torre di Biassono
Il meccanismo dell’orologio della torre di Biassono

Ora puoi tornare nell’atrio dove hai visto il costume tradizionale brianzolo per salire al primo piano: lungo la scalinata, sono state affisse immagini dei componenti della famiglia Verri.

Museo di Biassono: il medagliere Alberico Lopiccoli

Giungi, così, al primo piano del Museo Civico Carlo Verri di Biassono, con le sezioni dedicate all’archeologia e alla numismatica.

La sezione archeologica fu la prima del museo, nata grazie ai ritrovamenti avvenuti a Cascina Sant’Andrea nel 1975. Con il tempo, si è ampliata sempre di più. Tutti i materiali di provenienza locale esposti sono lasciati in deposito dalla Soprintendenza Archeologica.

Archeologia locale nel museo di Biassono
Da sinistra: frammenti di ceramica graffita di epoca medievale; scodella in ceramica smaltata con disegno inciso a intreccio vimineo del XIV o XV secolo; forchetta in bronzo a tre rebbi di epoca medievale o rinascimentale, con apice del manico a zoccolo di animale stilizzato; mattone-crogiolo del periodo barbarico o alto medievale impiegato per la preparazione di smalti colorati o paste vitree

Inizia la tua esplorazione dalla sala del medagliere Alberico Lopiccoli, intitolato all’ex presidente del Gruppo di Ricerche Archeostoriche del Lambro. Qui è esposto il dipinto di Eraldo Moscatelli Il Bambino con Angeli adoranti, olio su tela risalente agli anni ’40 del Novecento.

Biassono, il Bambino con Angeli adoranti di Eraldo Moscatelli
Il Bambino con Angeli adoranti di Eraldo Moscatelli. Nato a Carate nel 1900, Moscatelli frequentò l’Accademia di Brera avendo come insegnante Ambrogio Alciati. A Carate ha affrescato la Chiesa del Cristo Re; sue opere sono conservate nella Pinacoteca Civica di Monza e nella Galleria di Arte Moderna di Milano

Il fulcro della sala è il ripostiglio di Biassono. Parentesi con breve spiegazione: in numismatica, il ripostiglio è il luogo in cui, in occasione di demolizioni o scavi, vengono trovate per caso monete antiche che in passato erano state sepolte e non più recuperate.

Le monete del ripostiglio di Biassono
Alcune delle tantissime monete catalogate ed esposte

Il ripostiglio di Biassono fu recuperato in paese nel 1975 e comprende più di 2mila monete, in bronzo e in argento, risalenti al periodo compreso tra l’età di Ottaviano e il 256 dopo Cristo.

Medagliere Alberico Lopiccoli
Alcune delle monete del ripostiglio di Biassono

Non meno interessante è la collezione delle monete medievali e moderne della Lombardia, con quasi 200 pezzi in rame, argento o oro. Spiccano alcune monete che furono emesse in occasione delle 5 giornate del 1848.

Museo di Biassono: la sezione archeologica

Tornando indietro, attraverserai l’andito con l’esposizione di ciò che fu ritrovato in occasione del rinvenimento della villa romana di Cascina Sant’Andrea: tra l’altro, la copertura di una cisterna monumentale di quasi 2mila anni fa e diversi frammenti in ceramica.

Biassono, la villa romana di Cascina Sant'Andrea
Alcuni dei reperti provenienti dal sito archeologico di Cascina Sant’Andrea: frammenti di coppette in ceramica aretina e frammenti di bordi in terra sigillata italica del I secolo dopo Cristo

Ora puoi passare nell’altro locale. Due vetrine ospitano manufatti litici del Paleolitico Inferiore e Medio ritrovati in Brianza e in Puglia; ci sono, poi, manufatti in osso dell’Età del Bronzo e dell’Età del Ferro e un palo di palafitta.

La sezione dedicata all’antico Egitto accoglie statuine e amuleti, una maschera dipinta dal coperchio di un sarcofago e un altro frammento di sarcofago.

Faccia di sarcofago nel museo di Biassono
Faccia di sarcofago in legno stuccato e dipinto di epoca tarda; veniva applicata al coperchio tramite tenoni. Al centro della parrucca è rappresentato uno scarabeo, simbolo di rinascita
Biassono, museo: coperchio di sarcofago
Frammento di coperchio di sarcofago in legno stuccato e dipinto di epoca tarda. In alto è rappresentata Nut, la dea del cielo, con le ali spiegate e in ginocchio; sotto è visibile la scena di una mummificazione, con il dio Anubis in piedi di fianco al morto che sta bendando. Un uccello a testa umana rappresenta l’anima, pronta ad abbandonare il corpo del defunto

Accanto, la vetrina della Mesopotamia, con due lucerne e idoli in terracotta di età ellenistica; un’altra vetrina è dedicata, invece, alla cultura appenninica e agli Etruschi.

Non mancano i reperti della Magna Grecia.

Reperti archeologici della Magna Grecia nel museo di Biassono
Da destra: un’anforetta fittile mesocorinzia pensata per ospitare profumi e oli, decorata con rosette e animali, risalente al 600 avanti Cristo circa; un aryballos mesocorinzio, vaso che veniva usato soprattutto in palestra per distribuire oli sul corpo degli atleti, risalente agli inizi del VI secolo avanti Cristo; una coppa beotica geometrica con decorazioni della prima metà del VI secolo avanti Cristo; due vasi miniaturizzati con tracce di vernice rossa usati come doni votivi, originali forse della Sicilia, del VI o V secolo avanti Cristo; una coppa ionica per un servizio da tavola usata per ospitare il vino; un lydion a fasce di vernice nera, vaso usato per conservare oli necessari per ungersi il corpo, della prima metà del VI secolo avanti Cristo; un vasetto di ceramica attica del V secolo avanti Cristo; un frammento di kylix attica del 450 avanti Cristo; un lekythos del 490 avanti Cristo circa, usato per contenere oli per la palestra e la cosmesi

Davvero ricca è la sezione delle lucerne, strumenti di illuminazione portatili con una struttura a ciotola e un beccuccio per bloccare lo stoppino. Molte di queste sono lucerne romano-imperiali, usate sia per scopi funzionali che con finalità ludiche e religiose. Le lucerne, a partire dal I secolo avanti Cristo, erano oggetto di una vera e propria produzione in serie, di tipo industriale. La fabbricazione a doppia matrice (una per il disco e una per il fondo) prevedeva che le due parti venissero prodotte in maniera separata l’una rispetto all’altra e poi saldate per la cottura in forno.

Biassono, museo civico: le lucerne
Alcune delle lucerne esposte. In tutte si nota il becco (rostrum) con il foro di bruciatura, in cui veniva messo lo stoppino che serviva ad assorbire il combustibile e a farlo bruciare, in modo che potesse essere generata la fiamma. Molte lucerne sono dotate di un’ansa verticale (un manico) o di una presa, che consentono di maneggiare l’oggetto più agevolmente

Noterai anche una zavorra in piombo di ancora romana risalente al I secolo dopo Cristo. La storia di come questo reperto sia giunto al museo è davvero curiosa: chiedi ai volontari di raccontartela!

Raggiungi, infine, la sezione dedicata all’archeologia locale, con una ricca proposta di reperti ritrovati in Brianza.

La vetrina della necropoli di Verano ti permette di conoscere la storia dei ritrovamenti di alcune tombe avvenuti nella seconda metà degli anni Sessanta. Fu Davide Pace, poco tempo dopo il completamento della superstrada Milano-Lecco, a trovare resti di tombe preziosi.

In località Cascina Gallazza fu ritrovata la cosiddetta tomba del vaso aretino, così denominata per la presenza di una grande coppa in terra sigillata nord-italica in vernice rossa. La vetrina ospita una fusarola (volano usato per filare che, infilato nel fuso, gli conferisce l’energia necessaria a torcere il filo); dalla presenza di questo elemento si è ipotizzato che si potesse trattare di una tomba femminile. Vicino alla tomba fu trovato anche uno specchio in lega metallica nera, prodotto per fusione in uno stampo.

I reperti di Cascina Gallazza a Verano Brianza
La coppa in terra sigillata nord-italica, la fusarola e lo specchio rettangolare provenienti dalla tomba del vaso aretino del I secolo avanti Cristo; nella foto vedi anche un’olpe e una patera che sono state ritrovate durante uno scavo archeologico del 2005 che ha portato alla luce tre tombe a incinerazione risalenti al I o II secolo dopo Cristo

In particolare, il corredo della tomba a cassetta cosiddetta dell’olpe capovolta comprende una moneta di Tiberio, un bicchiere con decorazione impressa e un’olpe piriforme. C’è anche una coppa biansata, recipiente usato per i simposi (la parte dei banchetti destinata alla degustazione dei vini) con decorazione a tema vegetale.

Tomba dell'olpe capovolta della necropoli di Verano
Il corredo della tomba dell’olpe capovolta proveniente dalla necropoli di Verano

Vicino alla tomba dell’olpe capovolta vennero trovati diversi frammenti ceramici provenienti da corredi di tombe che le ruspe avevano sciaguratamente demolito. C’erano, tra l’altro, patere (piatti), una coppetta a vernice nera e un bicchiere a parete sottili. Una delle patere presenta un’iscrizione in caratteri nord-estruschi sulla parete esterna.

Sempre alla seconda metà degli anni Sessanta risale il ritrovamento della tomba del vaso a trottola (di più di 2mila anni fa, tra il 50 e il 30 avanti Cristo) di Robbiano, frazione di Giussano, in cui già due secoli prima erano state trovate tracce di una villa romana.

I resti di un’altra necropoli romana sono visibili nella vetrina che accoglie i reperti provenienti dalla necropoli a incinerazione Cascina Monzina, trovati nel febbraio del 1883 durante dei lavori agricoli nel Parco di Monza. Inizialmente i reperti vennero conservati in una fattoria del Parco Reale, per poi essere donati nel 1892 dal Re al Museo Patrio di Archeologia di Milano.

Biassono, museo civico: reperti archeologici di Cascina Monzina
In primo piano, due cesoie in ferro, un coltello in ferro e una cazzuola in ferro con paletta e manico. Dietro, un balsamario in vetro soffiato bianco opaco (risalente al I o II secolo dopo Cristo) e un balsamario in vetro soffiato fuso e contorto per combustione. Ancora, un’armilla (braccialetto) a nastro in bronzo del II secolo dopo Cristo, delle fibbie da cintura in ferro, un anello in bronzo, due patere (piatti) del I secolo dopo Cristo e dei frammenti di specchio in lega metallica dello stesso periodo

La vetrina della Necropoli della Brughiera dei Morti ospita alcuni reperti trovati nel 1912 a Biassono, vicino al confine con Macherio, in corrispondenza dell’attuale via della Brughiera.

Necropoli della Brughiera dei Morti di Biassono
La vetrina dedicata alla necropoli della Brughiera dei Morti di Biassono

Si tratta di frammenti in ferro, bronzo e ceramica di una necropoli golasecchiana: il riferimento è alla cultura di Golasecca, relativa alla prima età del Ferro (IX-IV secolo avanti Cristo), che deve il proprio nome alla località varesotta di Golasecca, sulla sponda orientale del fiume Ticino. Puoi vedere, tra l’altro, un frammento di urna in terracotta della tarda età del Bronzo (tra il XII e il X secolo avanti Cristo) decorata con disegni a denti di lupo e tecnica a cordicella. Altri resti provenienti da questa necropoli sono ospitati al Museo Archeologico di Milano.

Resti della necropoli della Brughiera dei Morti di Biassono
Il frammento di urna proveniente della necropoli della Brughiera dei Morti

Arrivano da una necropoli celtica, invece, i resti della località Cascina Marianna di Biassono, rinvenuti nella primavera del 1966 mentre erano in corso degli scavi in un orto privato per la realizzazione di un pozzo perdente per acque chiare. Ne fanno parte materiali appartenenti a più corredi, databili tra la fine del II e l’inizio del I secolo avanti Cristo. In tutto furono 27 gli oggetti recuperati: quasi tutti in ceramica, e solo 3 in ferro.

I reperti di Cascina Marianna a Biassono
Alcuni dei reperti di Cascina Marianna. Nel 1969, il materiale ritrovato a Cascina Marianna fu trasferito a Monza, nel Museo Archeologico dell’Arengario, su richiesta dell’archeologo Augusto Merati. In seguito, però, il museo dell’Arengario fu smantellato, ma l’inadeguata modalità di conservazione del materiale causò lo smarrimento (o forse favorì il furto) del vaso più raro di quel corredo, che era anche il più importante dal punto di vista decorativo

Infine, puoi spostarti verso la vetrina con i resti trovati a Capriano di Briosco: c’è un piatto (patera) con vernice nera che faceva parte del corredo di una tomba romana di 2mila anni fa.

Museo di Biassono: la biblioteca

Ma non è ancora tutto, perché a Biassono il museo civico accoglie anche una biblioteca con più di 8mila titoli dedicati all’archeologia, alla numismatica, alla storia locale e alla cultura popolare.

I volumi possono essere consultati sul posto: vale la pena di farlo, anche perché molte delle opere presenti sono di difficile reperibilità nel circuito bibliotecario tradizionale.

Biassono, Museo Civico Carlo Verri: quando è aperto

A Biassono il Museo Civico Carlo Verri è aperto il sabato pomeriggio dalle 15 alle 19, e negli altri giorni su richiesta. Ti consiglio comunque di telefonare prima per sicurezza: puoi chiamare il 334 342 2482 o lo 039 220 1077.

Museo di Biassono, la sezione archeologica
La sala della sezione archeologica del museo

Per ogni altro dettaglio, puoi consultare il ricco sito web del museo, che ti offre molte altre informazioni che non sono riuscito a inserire in questo articolo per motivi di spazio: per esempio quelle relative alla sezione distaccata del museo a Cascina Ca’ Nova e alla sezione “Segno, scrittura e stampa” accanto alla biblioteca.

L’ingresso al museo è gratuito, ma puoi lasciare un’offerta per supportare l’attività dei volontari: direi che se lo meritano!

Biassono, Museo Civico Carlo Verri: come arrivare

A Biassono il Museo Civico Carlo Verri si trova in via San Martino 11.

Il museo civico Carlo Verri, ingresso
L’ingresso del museo in via San Martino

Se decidi di arrivare a Biassono in auto, puoi trovare parcheggio in piazza Italia o in via San Martino.

Preferisci arrivare a Biassono in autobus? Allora ti conviene utilizzare le linee Z221 o Z234 e scendere alla fermata Cesana e Villa/Verri. Da qui, lasciati i numeri civici pari sulla sinistra e percorri via Cesana e Villa in direzione della Torre dell’Acquedotto. Giunto al semaforo all’incrocio con via San Martino, gira a destra: sei giunto a destinazione.

Volendo arrivare a Biassono e al Museo Civico Carlo Verri in treno, infine, puoi fare riferimento alla stazione di Biassono-Lesmo Parco. Uscito dalla stazione vai a destra, e allo stop del passaggio a livello gira a sinistra in via Parco. Vai sempre dritto: dopo aver superato due rotonde, gira a destra in via Umberto I e percorrila fino in fondo. Quindi gira a destra in via Pietro Verri e prendi la prima traversa sulla sinistra, via San Martino: sei arrivato.

Che cosa vedere a Biassono

A Biassono il Museo Civico Verri è situato nel centro cittadino, vicino a molte altre location che meritano di essere conosciute e ammirare. Vuoi sapere quali? Leggi il post qui sotto, che ti suggerisce che cosa vedere a Biassono (e anche dove puoi fermarti a mangiare).





Spero che questo post dedicato a Biassono e al Museo Civico Carlo Verri ti abbia permesso di scoprire qualcosa di nuovo! Se ti va di supportare la mia attività e a far sì che il progetto di Viaggiare in Brianza continui a rimanere in vita, puoi farlo cliccando qui sopra e lasciandomi una donazione: qualunque sia l’importo, lo apprezzerò.

Se invece desideri scrivermi, magari per darmi un consiglio o per correggere un errore che hai trovato in questo sito, ti basta cliccare qui sotto.

Viaggiare in Brianza è anche su Facebook, Twitter e Instagram: anche per questo è il progetto giusto per far conoscere la tua attività e promuovere i tuoi prodotti. Pensaci!

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.