Home » Brianza comasca » Carugo » Musei gratis: il Museo del Novecento a Carugo
Museo del Novecento a Carugo, musei gratis

Musei gratis: il Museo del Novecento a Carugo

Cerchi musei gratis in Brianza da visitare? Io ti consiglio il Museo del Novecento di Carugo: è un piacevolissimo tuffo nel passato che permette a chi è un po’ più in là con gli anni di immergersi nei ricordi di gioventù e ai ragazzi di scoprire come vivevano i loro genitori e i loro nonni.

Che cos’è il Museo del Novecento a Carugo

Il Museo del Novecento di Carugo è nato con l’obiettivo di far conoscere la storia del paese dello scorso secolo. Ma ti consiglio di visitare il museo anche se non conosci Carugo e vieni da lontano: potrai comunque goderti uno splendido viaggio nel tempo.

Strumenti di lavoro nel Museo del Novecento di Carugo
Alcuni dei tanti attrezzi esposti, usati per il lavoro nei campi nel secolo scorso

Insomma, c’è la storia di Carugo, ma c’è anche la storia della Brianza, e più in generale dell’Italia intera.

Musei gratis in Brianza, il Museo del Novecento a Carugo
Sei pronto a compiere un tuffo nel passato?

Il museo è frutto dell’impegno dell’Associazione Museo Nel ‘900, che ha raccolto, catalogato e restaurato testimonianze di ogni genere: foto, strumenti di lavoro, macchinari, arredi, vestiti, documenti.

Museo del Novecento a Carugo, musei gratis in Brianza
Una maschera paraocchi e una collana per cavalli

Le origini contadine, i lavori manuali e gli attrezzi industriali sono esposti in una sequenza seducente, affiancati da spiegazioni dettagliate che ti permettono di immergerti nella realtà in cui sono cresciuti e hanno vissuto i tuoi genitori e i tuoi nonni.

Musei gratis, il Museo del Novecento a Carugo
Un giogo brianzolo

Come è fatto il Museo del Novecento di Carugo

Molto accurate sono le riproduzioni degli ambienti delle case dell’inizio del Novecento. La stanza da letto, affacciata sul ballatoio al primo piano, comprendeva il letto con un materasso in lana per i più fortunati, o foglie secche e paglia per i più poveri. Sotto il letto o in un comodino c’era il vaso da notte, visto che il gabinetto era situato in cortile.

La camera da letto del Museo del Novecento di Carugo
La riproduzione della camera da letto

E proprio nel cortile del museo trovi la riproduzione di una latrina.

I servizi del Museo del Novecento di Carugo
La riproduzione della latrina

La cucina, invece, era dotata di un acquaio in pietra, con l’arredamento essenziale che era composto da una piattaia, una credenza, una panca, il tavolo e le sedie. A volte nel pavimento era presente una botola che conduceva in cantina.

Museo del Novecento di Carugo, la cucina
La riproduzione di una cucina del Novecento

Il pozzo esterno forniva l’acqua e fungeva anche da frigorifero per la conservazione degli alimenti.

Il pozzo del Museo del Novecento di Carugo
Il pozzo realizzato ad hoc per il museo

Altrettanto ricca è la sezione del museo dedicata all’artigianato del mobile, che iniziò a svilupparsi proprio agli inizi del Novecento in corrispondenza con la crisi dell’agricoltura. Così le case cominciarono a trasformarsi, con la chiusura del portico e la conversione in laboratorio di alcuni vani.

Gli attrezzi da lavoro del Museo del Novecento
Le pialle usate per l’impiallacciatura

Nel tempo la zona della Brianza comasca di cui Carugo fa parte si specializzò nelle decorazioni a intaglio tipiche dei mobili in stile, che richiedevano talento artistico e precisione: un tempo tutte le operazioni erano eseguite a mano con mazzuolo e sgorbia, mentre oggi si usa l’abbozzatrice, un macchinario meccanico.

Museo del Novecento a Carugo, musei gratis
La sezione dedicata all’intaglio

Proseguendo nel percorso museale, poi, incontrerai:

  • telai industriali e macchine da cucine;
  • un’edicola con copie originali dei giornali di un tempo;
  • un’area dedicata alla chiesa e agli arredi sacri;
  • una sezione con gli abiti tradizionali della Brianza del Novecento.
Museo del Novecento a Carugo, arredi sacri
Alcuni degli arredi sacri esposti

Molto interessante è la riproduzione dell’aula scolastica, con i banchi in legno dotati di un buco per il calamaio in cui si versava l’inchiostro. Gli studenti adoperavano una cannuccia con il pennino da intingere nell’inchiostro. La cattedra era in posizione rialzata a sottolineare l’autorità dell’insegnante.

L'aula scolastica del Museo del Novecento di Carugo
La riproduzione dell’aula scolastica

[Sei già passato su Facebook a mettere Mi Piace alla pagina di Viaggiare in Brianza?]

Musei gratis: come visitare il Museo del Novecento

Il museo è aperto il sabato dalle 15 alle 17: le visite sono possibili per gruppi limitati (non più di 10 persone alla volta).

Museo del Novecento a Carugo
Una trebbiatrice: serviva per sgranare i cereali e separarli dalla paglia

Per ulteriori informazioni puoi visitare direttamente il sito www.museocarugo.it, mandare una mail all’indirizzo info@museocarugo.it o chiamare il presidente dell’associazione Luigi Tagliabue al numero 335 6255216.

Carugo, il Museo del Novecento
Uno degli angoli del museo

Il Museo del Novecento di Carugo – come ti ho detto – è uno dei musei gratis in Brianza, ma se lo desideri puoi comunque lasciare un’offerta per premiare e supportare il lavoro dei volontari che se ne occupano: se lo meritano davvero!

Dove si trova il Museo del Novecento a Carugo

Il Museo del Novecento a Carugo si trova in via Don Gnocchi 1.

Visto che ti trovi a Carugo, perché non ne approfitti per scoprire anche il resto del paese? Leggendo il post qui sotto potrai conoscere i monumenti da vedere, i ristoranti in cui mangiare e tutti gli itinerari naturalistici a disposizione.

Gli altri musei gratis in Brianza

Il Museo del Novecento di Carugo non è il solo museo gratis in Brianza che merita di essere conosciuto: nel post qui sotto ti parlo di altre destinazioni che puoi prendere in considerazione per una gita culturale diversa dal solito.






Nessuna pubblicità su questo sito, hai visto? Però le spese di gestione sono comunque tante: se vuoi aiutarmi a sostenerle, puoi farlo con una donazione. Il prezzo di un panino al bar, ma per me vorrebbe dire molto.

Se, invece, vuoi scrivermi per chiedermi un consiglio o segnalarmi un errore, puoi farlo cliccando qui sotto.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *