Home » Provincia di Monza » Muggiò » 5 motivi per visitare la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò
La facciata della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò

5 motivi per visitare la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò

La Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò è una delle tante chiese in Brianza che meritano di essere ammirate dall’esterno e visitate internamente. Nelle prossime righe ti farò conoscere tutte le ragioni per cui dovresti concederti un tour in questo splendido edificio: un’occasione unica per entrare in contatto con la storia dell’arte italiana.

Muggiò, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
La Chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Muggiò

La chiesa si trova a Muggiò in piazza Garibaldi. Costruita a partire dal 1895, fu aperta al culto già un paio d’anni più tardi, anche se la torre campanaria venne innalzata solo all’inizio degli anni ’20 del Novecento e la facciata fu ultimata addirittura nel 1968.

Progettisti della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo furono gli architetti Giovan Battista Borsani e Angelo Savoldi.

L'interno della chiesa di Muggiò
La chiesa all’interno

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò: il Crocifisso con la Maddalena di Francesco Hayez

La cappella di destra accoglie, tra due lesene attribuite ad Antonio Canova, una riproduzione del Crocifisso con la Maddalena, pala d’altare realizzata da Francesco Hayez.

Il Crocifisso con la Maddalena nella Chiesa di Muggiò
Il Crocifisso con la Maddalena nella Chiesa di Muggiò

L’opera originale era stata commissionata nel 1827 dalla famiglia Isimbardi per la chiesa parrocchiale cinquecentesca di cui quella attuale ha preso il posto; oggi quel dipinto è custodito presso il Museo Diocesano di Milano.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò: le pareti laterali dell’altare

Le pareti laterali dell’altare permettono di ammirare due grandi affreschi opera di Pietro Cortelezzi, risalenti alla prima metà del Novecento.

A destra campeggia la Predicazione di San Paolo.

La predicazione di San Paolo
La predicazione di San Paolo

A sinistra, invece, ecco la Consegna delle chiavi a San Pietro.

La consegna delle chiavi nella chiesa di Muggiò
La consegna delle chiavi a San Pietro

Le altre opere d’arte di Pietro Cortelezzi

Non sono queste, però, le sole opere di Cortelezzi che meritano di essere viste nella Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò.

All’interno del tiburio, infatti, sono presenti gli affreschi dei quattro evangelisti a figure monocrome con i loro simboli.

Figure policrome di santi, invece, impreziosiscono le pareti del transetto e della navata centrale.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò: le formelle in bronzo della Via Crucis

Lo scultore Giorgio Galletti ha realizzato, nel 1968, le formelle in bronzo della Via Crucis visibili sulle pareti delle navate laterali.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò, la formella in bronzo
La formella in bronzo con la raffigurazione della quinta stazione della Via Crucis: Gesù viene aiutato a portare la croce da Simone di Cirene

Lo stesso Galletti, per altro, è autore dell’ambone in marmo bianco e dell’altare.

L'altare della chiesa di Muggiò
L’altare della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

La storia dei santi Pietro e Paolo

La facciata principale della chiesa, rivestita in cotto con elementi in trachite-travertino, riporta icone legate alla vita dei santi Pietro e Paolo.

La facciata della Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò
La facciata della chiesa

A partire dall’alto, sul timpano si può vedere il gruppo scultoreo che raffigura la gloria ottenuta con la croce di Cristo.

Il rosone centrale mostra, sui vetri istoriati, il martirio dei due apostoli.

Sul portale in bronzo centrale, infine, è rappresentata la vocazione dei due santi.

Ora che hai scoperto perché vale la pena di visitare la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Muggiò, che ne dici di approfittarne per scoprire anche il resto del paese? Nel post qui sotto trovi tutti i consigli utili per sapere cosa vedere, dove mangiare e come arrivare.






La realizzazione di questo e di tutti gli altri post che vedi sul sito ha richiesto impegno, fatica e pazienza. Se ti va, puoi ricompensarmi e supportarmi con una donazione: te ne sarei grato.

È la prima volta che finisci su Viaggiare in Brianza? Allora magari ti potrebbe interessare sapere chi sono e perché ho iniziato questo progetto

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.