Home » Brianza lecchese » Ello » Dove camminare in Brianza: da Marconaga a Ravellino
Il torrente Gandaloglio a Ello

Dove camminare in Brianza: da Marconaga a Ravellino

Tra le tante gite nei dintorni di Milano a cui puoi dedicarti nei weekend primaverili o estivi, quella che ti porta da Marconaga a Ravellino è una vera sorpresa, soprattutto se vuoi scoprire dove camminare in Brianza. Marconaga è una frazione del Comune di Ello, mentre Ravellino è una frazione del Comune di Colle Brianza.

Dove camminare in Brianza, a Marconaga il ponte sul Gandaloglio
Lungo il tragitto da Marconaga a Ravellino incontrerai il torrente Gandaloglio

Il tragitto nei boschi è adatto a tutti, bambini inclusi, poiché non presenta alcun tratto pericoloso, né in salita né in discesa.

Come arrivare a Marconaga

Per arrivare a Marconaga da Milano o da Monza, devi prendere la SS 36 del Lago di Como e dello Spluga (la cosiddetta Milano-Lecco) e uscire allo svincolo di Rogeno, Molteno, Sirone e Dolzago. Girando a destra, ti ritrovi sulla SP 49: se vai sempre dritto arrivi a Dolzago.

Per arrivare a Marconaga da Como, percorri la SP 342 fino all’ingresso di Nibionno per la SS 36, poi procedi come detto sopra.

Per arrivare a Marconaga da Bergamo, dalla SS 42 prendi la SS 671 in direzione SP 166, poi esci verso Terno d’Isola/Calusco d’Adda. Quindi segui la SP 166, entra nella SP 169 e infine, dopo aver attraversato il ponte di Brivio, percorri la SP 342. A Calco giri verso destra, e a Bevera di Sirtori svolti ancora a destra per immetterti sulla SP 51 che ti porta a Dolzago.

Dopo che sei giunto a Dolzago, puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via Giovanni XXIII e poi incamminarti a piedi. Arrivato all’incrocio con via Aldo Moro, gira a sinistra lungo la strada che conduce a Ello, e dopo tre tornanti (uno a destra, uno a sinistra e un altro a destra) ti ritrovi a Marconaga. In alternativa, puoi percorrere anche questo tratto in auto. Subito dopo il terzo tornante, prima del cartello che segna l’inizio di Marconaga, c’è uno spiazzo sulla destra in cui parcheggiare.

Marconaga Ello
Subito prima del cartello stradale che indica l’inizio di Marconaga, provenendo da Dolzago, trovi uno spiazzo in cui lasciare l’auto

Camminare in Brianza nel PLIS del San Genesio

Il percorso da Marconaga a Ravellino, meta ideale per chi vuole scoprire posti inediti dove camminare in Brianza, si articola lungo il sentiero 11 del Parco Locale di Interesse Sovracomunale del Monte di Brianza (o del San Genesio).

[Hai voglia di scoprire sentieri, boschi, ruscelli e tanti altri luoghi segreti in Brianza immersi nella natura? Segui la pagina Facebook di Viaggiare in Brianza!]

Una volta entrato nell’abitato di Marconaga, dirigiti verso la piazzetta sulla destra: nella vietta di fronte trovi la tavola dei sentieri e l’indicazione del Sentiero della Seta.

Marconaga, il Sentiero della Seta
Le indicazioni per il Sentiero della Seta da Marconaga

Per arrivare a Ravellino, il sentiero da seguire è l’11. Entra in quella vietta e, dopo esserti lasciato la chiesetta di San Bernardo sulla sinistra, inizia a salire: il percorso in questo tratto è davvero agevole. Un primo bivio ti permette di scegliere se girare a sinistra e dirigerti verso Cascina Panizzera o andare dritto, continuando verso Ravellino.

Il bivio in località Bosina

Dopo alcuni minuti il sentiero di acciottolato ti conduce a un altro bivio in località Bosina, dove non ci sono indicazioni che ti suggeriscano quale strada seguire.

Se tieni la sinistra finisci davanti al cancello di un vecchio filatoio in disuso; tu, invece, devi andare verso destra, scendendo: ti ritroverai sul ponticello sopra il torrente Gandaloglio.

Dove camminare in Brianza a Ello, il ponte sul Gandaloglio
Il ponte sul torrente Gandaloglio in località Bosina

Fermati ad ascoltare il rumore dell’acqua che scorre: è una vera oasi di pace. Subito dopo il ponte, sulla sinistra trovi un paio di accessi che ti permettono di scendere e di raggiungere il torrente. Senza troppe difficoltà, tra un sasso e l’altro puoi andare a sederti sotto il ponte o proseguire addirittura oltre, magari per scattare qualche foto in un’atmosfera quasi magica.

Il torrente Gandaloglio a Ello
Il torrente Gandaloglio a Marconaga, frazione di Ello

Ritornato sul sentiero principale, puoi continuare la tua ascesa verso Ravellino, con la strada che si fa un po’ più ripida. La scalinata affiancata da un edificio abbandonato sembra impegnativa, ma con un paio di scarpe buone è tutt’altro che impossibile. Il tragitto alterna tratti in cui sei riparato dall’ombra degli alberi e tratti in cui sei esposto al sole: in estate, ricorda ti proteggere la tua pelle con una crema adeguata. Sul tragitto trovi anche una croce in legno e, dopo pochi metri, una cappella dedicata alla Vergine.

Sentiero tra Marconaga e Ravellino, la croce
La croce lungo il sentiero che conduce da Marconaga a Ravellino

L’arrivo a Ravellino

Finalmente inizi a intravedere le prime abitazioni, e il paesaggio sotto di te si apre: la vista panoramica della Brianza ti permette di ammirare, tra l’altro, il lago di Annone e i Corni di Canzo.

Brianza, vista panoramica
Il panorama della Brianza visto da Ravellino. Si riconoscono, tra l’altro, il lago di Annone e i Corni di Canzo

Con un’ultima svolta a sinistra ti ritrovi nel centro abitato di Ravellino. A questo punto puoi decidere se attraversare la strada provinciale Galbiate-Colle Brianza e continuare lungo il sentiero 11, per arrivare fino a Scerizzetta, o se perderti tra i vicoli, le cascine e gli affreschi di Ravellino, prima di tornare indietro. Con la soddisfazione di aver scoperto dove camminare in Brianza in alcuni tra i luoghi segreti della Lombardia più magici.






Se pensi che questo post ti sia stato utile o comunque ti piace il mio lavoro, puoi dimostrarmelo con una piccola donazione: mi aiuteresti ad affrontare le spese di gestione di Viaggiare in Brianza tenendolo libero da banner e pubblicità fastidiose.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *