Home » Provincia di Monza » Carate Brianza » Posti da vedere in Brianza: la Basilica di Agliate
La Basilica di Agliate

Posti da vedere in Brianza: la Basilica di Agliate

La Basilica dei Santi Pietro e Paolo a Carate Brianza, più nota come Basilica di Agliate, è uno dei monumenti in Brianza più noti. A contribuire alla sua fama sono non solo le sue origini antiche, ma anche il suo stile architettonico e le testimonianze artistiche che conserva all’interno. Sei pronto a scoprirla con me?

La Basilica di Agliate: l’esterno

La Basilica dei Santi Pietro e Paolo di Carate Brianza si trova nella frazione di Agliate: è questo il motivo per il quale è conosciuta come Basilica di Agliate.

Posti da vedere in Brianza, la Basilica di Agliate
La facciata della Basilica di Agliate

Risalente agli inizi dell’XI secolo, è una basilica in stile romanico, riconducibile alla tradizione architettonica ottoniana, a tre navate.

La facciata è a salienti e riprende la struttura a tre navate, ognuna delle quali presenta una porta di ingresso

Sulla facciata sono visibili:

  • un mosaico di Cristo nella lunetta dell’ingresso centrale;
  • un mosaico di San Pietro nella lunetta dell’ingresso a sinistra;
  • un mosaico di San Paolo nella lunetta dell’ingresso a destra.
La lunetta con Cristo nella Basilica di Agliate
La lunetta con il mosaico di Cristo

Tutti e tre i mosaici risalgono agli anni ’50 del secolo scorso.

Notevole è anche il campanile, molto più recente: fu realizzato, infatti, alla fine dell’Ottocento. Gli inserti angolari in pietra e i corsi orizzontali in ciottoli e mattoni danno vita a un contrasto di colori molto suggestivo.

Il campanile della Basilica di Agliate
Il campanile e il battistero

Al suo fianco puoi osservare una lapide tardo romana che, come altri reperti risalenti all’epoca romana, era stata usata per costruire una tomba all’interno della chiesa. La lapide è stata trovata in occasione di scavi archeologici che furono compiuti in quest’area nel 1990.

La lapide tardo romana della Basilica di Agliate
La lapide tardo romana accanto al campanile

La Basilica di Agliate: l’interno

All’interno della basilica, le navate sono separate da colonne di riuso. Sulla seconda colonna di sinistra si possono vedere ancora oggi le iscrizioni realizzate sulla pietra miliare romana da cui è stata ricavata.

La colonna miliaria romana nella Basilica di Pietro e Paolo ad Agliate
L’iscrizione che si può leggere riguarda Giuliano l’Apostata:
PRO. SAL. D. N.
CLA. IVL. PER.
SEM. AVG.
II
(Pro salute domini nostri
Claudi Iuliani perpetui
Semper Augusti
II)

Sulla parete della navata di destra sono disposti alcuni reperti trovati in occasione delle campagne di scavi archeologici e restauri effettuate nella seconda metà dell’Ottocento.

Noterai, in particolare:

  • una stele funeraria la cui iscrizione non è ancora stata interpretata;
  • una lastra del II secolo dopo Cristo dedicata ai coniugi Sextilii;
  • una stele con iscrizione funeraria paleocristiana;
  • un segnacolo agrimensorio medievale.
La lastra con dedica ai coniugi Sextilii della Basilica di Agliate
La lastra con dedica ai coniugi Sextilii
La stele funeraria paleocristiana nella Basilica di Agliate
La stele funeraria paleocristiana
Il segnacolo agrimensorio della Basilica di Agliate
Il segnacolo agrimensorio medievale

Sulla parete della navata di sinistra, invece, c’è un affresco della Beata Vergine delle Grazie: si tratta di un’opera trecentesca che raffigura la Madonna in trono con il Bambino in braccio. Il mantello foderato in pelliccia indossato dalla Vergine lascia intuire che si tratti della Madonna della Candelora, venerata il 2 febbraio.

L'affresco della Beata Vergine delle Grazie nella Basilica di Agliate
L’affresco della Beata Vergine delle Grazie

Il presbiterio si trova in posizione sopraelevata, e può essere raggiunto attraverso una scalinata di 8 gradini.

Il presbiterio della Basilica dei Santi Pietro e Paolo ad Agliate
Il presbiterio

La figura di Cristo Redentore, rappresentato con la mano aperta, domina l’arco del presbiterio.

Il Cristo Redentore sull'arco del presbiterio
Il Cristo Redentore sull’arco del presbiterio

Una cripta a oratorio è presente sotto la zona del presbiterio, aperta sulla navata con due bifore.

La cantoria in controfacciata ospita un organo a canne risalente al 1883.

L’interno di tutta la basilica è in penombra, a causa delle dimensioni contenute delle finestre.

Il battistero della Basilica di Agliate

Di fianco alla basilica, lungo il lato meridionale, si trova un battistero, a sua volta in stile romanico, con pianta a nove lati (anche se all’interno viene percepito come ottagonale). La forma di un poligono irregolare a nove lati fu conseguenza della necessità di angolare e sdoppiare in due lati la parete per consentire la presenza di un’abside grande abbastanza da contenere l’altare.

Il battistero della Basilica di Agliate
Il battistero della Basilica di Agliate

Dedicato a San Giovanni Battista, è in realtà più antico rispetto alla basilica.

Sormontato da una copertura a volta a otto spicchi, il battistero all’interno ospita resti della decorazione ad affreschi originaria e la vasca battesimale a immersione a otto lati.

La vasca battesimale del battistero della Basilica di Agliate
La vasca battesimale del battistero della Basilica di Agliate

Sulla parete principale sopra l’abside è riprodotta la scena del Battesimo di Cristo nel Giordano, con due gruppi di angeli che assistono.

Ai lati dell’abside sono raffigurati santi benedicenti; all’interno, invece, c’è un santo con lancia, scudo e armatura che è stato identificato in San Vittore.

La parete meridionale mostra Sant’Onofrio, San Biagio (o forse Sant’Ambrogio) e la Madonna con Bambino in trono.

Sant'Onofrio, San Biagio e la Madonna con Bambino
Sant’Onofrio, San Biagio e la Madonna con Bambino

La fascia del sottarco della calotta absidale rappresenta Andrea e Pietro, i primi apostoli, intenti a gettare da una barca le reti nel lago di Genezareth.

Pietro e Andrea gettano le reti nel battistero della Basilica di Agliate
Pietro e Andrea gettano le reti

A destra dell’ingresso principale c’è una Deposizione di Cristo trecentesca.

La Deposizione di Cristo nel battistero della Basilica di Agliate
La Deposizione di Cristo

A sinistra dell’ingresso, invece, ecco la Madonna con Bambino seduta in trono.

Come visitare la Basilica di Agliate

La Basilica di Agliate ha orari di apertura uguali per tutti i giorni della settimana escluso il sabato.

La chiesa è sempre aperta dalle 7.30 alle 17.30; il sabato l’orario si prolunga per due ore, con la chiusura programmata per le 19.30.

Ricorda, però, che non puoi visitare la basilica mentre si svolgono le celebrazioni, che sono in programma:

  • alle 8 del mattino dal lunedì al venerdì;
  • alle 18.30 il sabato;
  • alle 11 la domenica.
Agliate, la Basilica
La parte posteriore della basilica

Come arrivare alla Basilica di Agliate

La Basilica di Agliate si trova a Carate Brianza in via Cavour, di fianco al civico 28.

Se vuoi arrivare alla Basilica di Agliate in auto, puoi lasciare la macchina nei parcheggi di via all’Isola, la strada sulla sinistra tra il ponte sul Lambro e la chiesa.

Per arrivare alla Basilica di Agliate in treno puoi fare riferimento alla stazione di Carate Brianza, tenendo presente che poi ti attende una camminata di circa mezz’ora.

Infine, puoi anche arrivare alla Basilica di Agliate in autobus con la linea Z232, che ti porta a Carate Brianza in via Milite Ignoto 17. Da qui ti basta girare a destra sul ponte per raggiungere la chiesa.

Se hai in mente di visitare la Basilica di Agliate, perché non ne approfitti per scoprire anche che cosa vedere a Carate Brianza? Nel post qui sotto trovi tutti i consigli che ti servono per visitare la città, incluso un elenco dei migliori posti in cui fermarti a mangiare.






Tutte le informazioni e tutti i consigli che trovi su questo sito sono gratuiti, ma se vuoi lasciarmi una donazione non mi lamento di certo: per me significherebbe davvero molto!

Ti interessa sapere quante persone visitano ogni giorno Viaggiare in Brianza? Clicca qui sotto per contattarmi: ti fornirò tutti i dati che desideri.

Ti è piaciuto questo post? Fallo conoscere ai tuoi amici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *